« Aprile 2014 »
D L M M G V S
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
contatti biblioteca di sarajevo berlino bandierine ladakh “…solo un popolo scettico sulla festa della guerra, maturo per il conflitto, è un popolo maturo per la pace”     Estanislao Zuleta

primo piano

In piedi, costruttori di pace

18 aprile 2014

- di Alex Zanotelli -

"In piedi, costruttori di pace" aveva gridato nell’Arena del 1989, il vescovo di Molfetta, Tonino Bello. E’ stato questo il leitmotiv delle Arene di Pace , promosse negli anni ottanta e novanta dai Beati i Costruttori di Pace.

Le Arene sono state il luogo dove si è ritrovato il Popolo della Pace, in un mondo sul precipizio della guerra nucleare, nello scontro tra Est e Ovest,per gridare invece la propria voglia di un mondo di pace.
Ma nonostante il crollo del muro di Berlino, la situazione non è migliorata, anzi è di molto peggiorata. Per questo vogliamo rilanciare l’Arena 2014 come grido, come protesta contro la guerra che è ritornata ad essere un fatto normale, come lo è stata purtroppo nel XX secolo, che si è aperto con quella spaventosa Prima Guerra Mondiale(1914-18).

Articolo tratto dal sito di Arena di Pace e Disarmo

editoriale

Testa a testa tra Ghani e Abdullah

- di Giuliano Battiston -

Martedi' 15 Aprile 2014
Kabul

La Commissione elettorale indipendente ha reso pubblici i risultati dei primi scrutini sul voto per le presidenziali: come previsto, a contendersi la presidenza sono Ashraf Ghani e Abdullah Abdullah


Al ballottaggio. I primi risultati parziali resi pubblici ieri qui a Kabul dalla Commissione elettorale indipendente confermano le previsioni: a contendersi la poltrona dell’Arg (il palazzo presidenziale) sono l’ex ministro delle Finanze Ashraf Ghani e l’ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah. Sarà uno dei due a sostituire Hamid Karzai, al potere dal 2001, al quale la Costituzione vieta un terzo mandato consecutivo.

I voti scrutinati finora dalla Commissione rappresentano meno del 10% dei 7 milioni totali, e sono stati raccolti in 28 delle 34 province afghane. Per ora, con il 41.9 % in testa è Abdullah Abdullah, già braccio destro del comandante Masoud ed esponente di spicco dell'Alleanza del nord. Lo segue a poca distanza l'ex funzionario della Banca Mondiale Ashraf Ghani, con il 37.6%. Terzo, come previsto, Zalmai Rassoul, già consigliere per la sicurezza nazionale del governo Karzai e ministro degli Esteri fino alla fine del 20013. Per ora, si deve accontentare del 9.8% dei voti.

Articolo apparso anche sul manifesto del 15 aprile 2014 e su Lettera22
1914-2014
  • Cartoline di viaggio...


    Incontri pubblici
    Martedì 12 e mercoledi 13 novembre 2013
    Trento

    Un incrocio di sguardi sui temi del viaggio, della scuola e dell'intercultura.

    L'evento è promosso da Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani, in collaborazione con Liceo Scientifico L.Da Vinci, Centro Astalli Trento e Associazione Il Gioco degli Specchi

  • Cartolina da Mostar


    Serata informativa
    Sabato 9 novembre 2013, dalle ore 18.00
    c/o Cafè de la Paix, passaggio Teatro Osele / Trento

    Stari Most, Ponte Vecchio di Mostar 
    9 novembre 1993 - 9 novembre 2013

    Organizza: Associazione Trentina Balcani in collaborazione con Forum trentino per la Pace e i diritti umani

  • Cartolina da Roma


    Proiezione Film
    Domenica 13 ottobre 2013, ore 20.30
    c/o Teatro S.Marco, via San Bernardino 8 / Trento

    Povericristi
    La ricotta: Pasolini a processo, 50 anni dopo

    L'evento è promosso da Forum trentino per la Pace e i diritti umani in collaborazione con la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale, all'interno della rassegna Religion Today Filmfestival.

> il progetto

  • Afghanistan 2014 - Una grande opportunità.

    - di Michele Nardelli - 

    Nell’immaginario collettivo l’Afghanistan è riconducibile ad immagini di guerra e di distruzione. Non può essere che così, visto che dall’ingresso dei carri armati sovietici in quel lontano dicembre 1979 sono seguiti anni di guerra, occupazione militare, di guerra civile...

  • Afghanistan 2014 - Uno spazio di dialogo e confronto.

    - di Razi e Soheila Moheb -

    Il 15 febbraio 1989 Boris Vsevolodovich Gromov, generale a capo dell'Armata Rossa, attraversa il ponte sul fiume Amu-Daria, al confine fra l’Afghanistan e l’allora Unione Sovietica. Giunto alla metà di quello che veniva chiamato “ponte dell’amicizia”, si ferma e si volta indietro. 

  • Gli occhi puntati sull’Afghanistan, verso il 2014.

    di Daoud Naji -

    Oggi è il 7 ottobre (ndr 2011). Esattamente dieci anni fa la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha dato inizio agli attacchi contro l’Afghanistan. La guerra ha portato alla caduta del regime talebano e per il paese ha avuto inizio una nuova era. 

     

     

La Scelta



“Anche nei momenti più bui il destino di ogni uomo non è predeterminato. E’ sempre possibile spingere la storia in una direzione opposta”