Agorà degli studenti: una giornata all’insegna della partecipazione studentesca

  Secondo l’articolo 2.4 dello Statuto delle studentesse e degli studenti, “lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola”, dialogando con essa “in tema di programmazione e definizione degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del materiale didattico”. Proprio per rendere effettivo questo diritto (e dovere), nel 2018 è nato da un'idea e voglia di impegnarsi di Tommaso e Ginevra, due studenti del liceo,  Tapas, il Tavolo di Partecipazione Studentesca formato da studenti, rappresentanti della Consulta Studentesca, il Consiglio provinciale Giovanile, il Tavolo delle Associazioni Universitarie, il CST, il Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani e il Muse. Questo Tavolo vuole essere uno strumento di coordinamento e di supporto tra le varie realtà che vogliono mettere al centro lo studente e il suo ruolo attivo nelle realtà scolastiche. E’ da questa ambizione che è nato Agorà degli studenti, un evento che si è svolto il 21 gennaio presso il Muse e che ha visto coinvolti i rappresentanti degli studenti di circa 38 istituti superiori della Provincia: lo scopo è quello di migliorare e favorire la partecipazione attiva all'interno delle scuole secondarie di secondo grado attraverso momenti di formazione e di scambio di buone pratiche. La parola d’ordine è stata quindi condivisione: durante tutta la giornata infatti gli studenti rappresentanti hanno avuto modo di condividere idee, progetti, difficoltà, limiti e spunti di miglioramento attraverso la modalità del Word Cafè e del Ted che hanno stimolato a vivere attivamente la discussione sul tema della rappresentanza. Altro momento centrale è stato la “Fiera delle Idee”, uno spazio in cui oltre al confronto fra studenti, diverse associazioni della Provincia hanno proposto ai rappresentanti percorsi concreti da attuare all'interno delle classi o durante le assemblee d'istituto, rafforzando una connessione positiva tra istituti e realtà del territorio. La giornata si è poi conclusa con un momento collettivo in cui ogni rappresentante si è preso un impegno, un obiettivo che cercherà di realizzare nel proprio istituto per migliorare ed arricchire la vita degli studenti con una motivazione nuova nata grazie a questa giornata. Anche se l’Agorà degli studenti si è conclusa, non si è concluso il ruolo di Tapas: l’importanza di investire sulla partecipazione studentesca resta centrale per il Tavolo e questa giornata non è che il punto di partenza di un percorso destinato a continuare nel tempo. [gallery size="medium" ids="3947,3952,3953,3954,3951,3955"]

Conversazione con Safa Dhaher

L’Associazione Pace per Gerusalemme Onlus, in collaborazione con il Forum trentino per la Pace e i diritti umani, organizza una discussione sui recenti sviluppi del conflitto israelo- palestinese. L’incontro, aperto alla cittadinanza, rappresenta un momento di confronto e di aggiornamento sulla situazione, approfittando della presenza e della competenza di chi, Safa Dhaher, vive nei territori palestinesi e si occupa di ricerca sociale e diritti umani. L’appuntamento è per giovedì 19 gennaio alle 17.30 presso il Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale (V.lo San Marco, 1). conversazioni con Safa Safa Dhaher, consulente e docente esperta sulla situazione in Cisgiordania e Gerusalemme Est, è nata a Gerusalemme. Ha conseguito il dottorato in “Sviluppo locale e dinamiche globali” all'Università di Trento, con una ricerca sull’effetto del muro sul capitale sociale dei palestinesi. Docente di Public Policy presso l'Università di Birzeit (Cisgiordania), attualmente è consulente di ricerca per la Fondazione Böll, nello specifico analizza l’effetto dell’attuale situazione politica sui diritti dei gruppi vulnerabili a Gerusalemme Est.   ORGANIZZANO Associazione Pace per Gerusalemme Onlus Forum trentino per la Pace e i diritti umani

Un mondo senza guerre

In occasione della quinta edizione di "AMA CHI TI PARE", l'Associazione di Promozione Sociale la Nuda Compagnia con il contributo del Forum Trentino per la pace e i diritti umani e in collaborazione con la libreria il Papiro,  hanno presentato il libro del Professor Domenico Losurdo "Un mondo senza Guerre". L'incontro è previsto mercoledì 14 dicembre ore 17:30 presso Centro per la Formazione alla Solidarietà internazionale. Quale significato ha avuto l’ideale della ‘pace perpetua’ tra Stati nel dibattito internazionalistico dell’età contemporanea? Chi ha impugnato la sua ‘bandiera’ dalla Rivoluzione Francese al XX secolo? Quali prospettive teoriche accogliere per la pace, al tramonto dell’ordine internazionale unipolare, e all’alba del mondo multipolare? Nel suo ultimo lavoro edito da Carocci, il prof. Losurdo offre una ricca panoramica storica e filosofica dell’ideale irenico e dei suoi ‘rovesci’ che, da Kant a Wilson, da Lenin ai neo-con statunitensi, non ha cessato di alimentare un dibattito filosofico-politico imprescindibile per la comprensione della natura delle relazioni internazionali, delle sue sfide di ieri e di oggi. Relatore: Prof. Domenico Losurdo, Professore Emerito dell'Università degli Studi di Urbino in Storia della filosofia Introducono: Massimiliano Pilati, Presidente del Forum Trentino per la pace e i diritti umani; Elena Ingletto, Vicepresidente dell'associazione di Promozione Sociale la Nuda Compagnia Modera: Davide Ragnolini, Dottorando in Filosofia presso FINO, Università degli Studi di Torino, collaboratore di Eurasia- Rivista di Studi Geopolitici.

L’Europa in guerra. Tracce del secolo breve

Inaugurazione Mostra
Venerdì 17 aprile 2015, ore 18.00 - Castello Buonconsiglio, Via B. Clesio 5 (Trento)
Organizza: Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, Provincia autonoma di Trento e Provincia di Trieste, in collaborazione con Fondazione Museo storico del Trentino, Castello del Buonconsiglio di Trento e Cooperativa La Collina.

Inaugurazione Mostra
Venerdì 17 apirle 2015, ore 18.00 - Castello Buonconsiglio, Via B. Clesio 5 (Trento)
Organizza: Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, Provincia autonoma di Trento e Provincia di Trieste, in collaborazione con Fondazione Museo storico del Trentino, Castello del Buonconsiglio di Trento e Cooperativa La Collina.

a cura di Piero Del Giudice

 

Mostra realizzata nell’ambito delle iniziative nazionali per il Centenario della Grande Guerra grazie al supporto della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, la Provincia autonoma di Trento e la Provincia di Trieste, in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino, il Castello del Buonconsiglio di Trento e la cooperativa La Collina. 

Il percorso espositivo, ospitato nelle sale del Castello del Buonconsiglio a Trento fino al 6 settembre 2015, indaga le cause che hanno scatenato la guerra e mette in luce le condizioni di assoggettamento di contadini e operai morti a milioni nel primo conflitto mondiale.
Sono oltre 200 le opere d'arte esposte in mostra: dipinti, disegni, incisioni, diari, lettere e documenti.
Sono presenti, tra gli altri, opere di  Dix, Grosz, Kollwitz, Sironi, Sartorio, Balla, Viani, Brass, Lugli, Salvarani, Quarenghi, Depero, Scalarini, Helios Gagliardo, Mura. 

Assieme all'assessore alla cultura della Provincia autonoma di Trento interverranno:
Maria Teresa Bassa Poropat, presidente, assessore alla cultura della Provincia di Trieste
Franco Rotelli, Consiglio regionale Friuli-Venezia Giulia, presidente di Commissione
Piero Del Giudice, curatore

Info:

Fondazione Museo storico del Trentino

Tel. +39 0461 230482  -  info@museostorico.it   –   www.museostorico.it 

Castello del Buonconsiglio

Tel. +39 0461 233770 – info@buonconsiglio.itwww.buonconsiglio.it

http://www.traccedelsecolobreve.com