Momenti di conversazione

Incontro pubblico
Giovedì 12 febbraio 2014, ore 18.30 - Barycentro, Port'Aquila 38 (Trento)
Organizza: Il Gioco degli Specchi

Incontro pubblico
Giovedì 12 febbraio 2014, ore 18.30 - Barycentro, Port'Aquila 38 (Trento)
Organizza: Il Gioco degli Specchi

 

Ritornano i Momenti di conversazione, l'appuntamento mensile del Gioco degli Specchi, un incontro per parlarsi: gli stranieri che studiano italiano per esercitarsi nella lingua, gli italiani per saperne di più del mondo che popola Trento.
Tema della conversazione: "Animali domestici".
La partecipazione è libera e gratuita.

Informazioni: 0461916251, 3402412552, info@ilgiocodeglispecchi.org

I ponti di Sarajevo

Proiezione film
Giovedì 29 gennaio 2015, ore 21.00, Cinema Astra (Trento)
Organizza: Comune di Trento in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino, Trento Generazioni consapevoli e Trentino Film Commission

Proiezione film
Giovedì 29 gennaio 2015, ore 21.00, Cinema Astra (Trento)
Organizza: Comune di Trento in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino, Trento Generazioni consapevoli e Trentino Film Commission

Giorno della memoria: "I ponti di Sarajevo"

Il 27 gennaio ricorre il 70° anniversario dell'abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz. In ricordo della fine della Shoah, Trento celebra il Giorno della memoria. Assieme a quella dello sterminio degli ebrei, c'è la memoria di altri genocidi, precedenti e successivi che hanno segnato il Novecento, memorie che rischiano di essere dimenticate come quella del genocidio del popolo armeno durante la Grande Guerra e dei serbi nell'ex Jugoslavia, avvenuto solo vent'anni fa. Per questo da Comune di Trento in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino, Trento Generazioni consapevoli e Trentino Film Commission vengono proposti alcuni momenti di riflessione per contribuire a riportare l'attenzione anche su tragedie più vicine ai giorni nostri con alcune proiezioni con Ingresso libero. In questa occasione "I ponti di Sarajevo".

Informazioni: 0461884220, infocultura@comune.trento.it

Eterni Fanciulli

Progetto culturale-artistico sul disagio ComportaMentale

Dal 12 al 24 novembre 2014 
Incontri, spettacoli e workshop a Trento e Pergine Valsugana



Organizza la Bottega Buffa CircoVacanti

in collaborazione con: AriaTeatro, Teatro Comunale di Pergine, Teatro delle Garberie Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, Porto Arlecchino


e con il sostegno di: Forum Trentino della Pace e dei Diritti Umani, Cassa Rurale di Pergine

Progetto culturale-artistico sul disagio ComportaMentale

Dal 12 al 24 novembre 2014 
Incontri, spettacoli e workshop a Trento e Pergine Valsugana


Organizza la Bottega Buffa CircoVacanti

in collaborazione con: AriaTeatro, Teatro Comunale di Pergine, Teatro delle Garberie Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, Porto Arlecchino

e con il sostegno di: Forum Trentino della Pace e dei Diritti Umani, Cassa Rurale di Pergine




PROGRAMMA COMPLETO 

Giovedì 13 novembre 2014. Teatro Comunale di Pergine. Ore 20,45

Spettacolo teatrale della Scuola Sperimentale dell'Attore/ Compagnia Hellequin
CAPITAN DON CALZEROTTE E ARLECCHIN SENZA PANZA
con Claudia Contin Arlecchino, Stefano Gava, Lucia Zaghet, Giulia Colussi. Regia di Ferruccio Merisi.
Un apologo sulla differenza, sull’amicizia, sulla condivisione del tempo, e dei sogni... La storia di due amici, due vecchi attori tragicomici, con i quali a vario titolo la vita non è stata generosa, che per dare un rifugio alla propria folle vecchiaia occupano un teatro abbandonato, coinvolgendo anche due sregolate e bizzarre badanti ucraine. Il più vecchio dei due amici - che l’altro chiama Maestro - si mette in testa di preparare un nuovo grande spettacolo, l’ultimo: un Don Chisciotte.
Ingresso: intero € 15; ridotto € 13,50; studenti scuole medie superiori 5€. Prenotazione e prevendita: www.teatrodipergine.it

Venerdì 14 novembre 2014. Teatro delle Garberie di Pergine. Ore 20,30
Spettacolo teatrale co-produzione Emit Flesti/Teatro E
DISABITATE
con Gelsomina Bassetti e Laura Mirone. Regia di Alessio Dalla Costa.
Sara è una vecchia, rinchiusa in una casa di riposo che chiama la grande boccia; è una donna colta e vitale, porta dentro di sé tutti i dolori, le delusioni, le paure del suo passato. I suoi sbalzi d'umore sono estremi e spesso incomprensibili: urla, impreca e sputa, perché nessuno abbia pena di lei. Varvara è ucraina. Da bambina camminava in equilibrio sulle rotaie. Ora è adulta, fa la badante e non vede altro che gente vecchia; è l'infermiera delegata a rappresentare l’umanità generosa. Si incontrano lì nella “grande boccia”ed è lì che si scontrano. Una realtà fuori dal tempo fatta di tisane, pillole e poco altro.
Ingresso: intero € 10; ridotto € 8. Posti limitati consigliata la prenotazione a info@bottegabuffacircovacanti.it

Sabato 15 novembre 2014. Teatro delle Garberie di Pergine. Ore 20,30
Spettacolo teatrale della Scuola Sperimentale dell'Attore
SCHIELE: IL COMPORTAMENTO RIDISEGNATO
di e con Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi.
II Comportamento Ridisegnato è una dimostrazione di lavoro che nasce da un linguaggio immaginifico e gestuale stra-ordinario; a partire da testi di Giuseppe Ungaretti, di Antonin Artaud, di William Golding, Christa Wolf e dello stesso Egon Schiele, viene presentata sulla scena una collezione di momenti teatrali sperimentali che tratteggiano un affresco della civiltà occidentale dal punto di vista contrariato del poeta-profeta, dell’individuo malato ed errante.
Ingresso: intero € 10; ridotto € 8. Posti limitati consigliata la prenotazione a info@bottegabuffacircovacanti.it

Domenica 23 novembre 2014. Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas. Ore 18,00
Azione teatrale della Scuola Sperimentale dell'Attore
LA GUERRA DEL POETA.
con Claudia Contin Arlecchino. Regia Ferruccio Merisi
Un'azione teatrale dedicata alla figura del poeta soldato Giuseppe Ungaretti. Il montaggio drammaturgico segue un percorso di associazioni profonde che scompone e ricompone poesie e interviste, urla e silenzi, momenti d’immobilità e drammatiche gesticolazioni in omaggio a quella incessante ricerca per una Nuova Coscienza Umana che riesce a sopravvivere e a rinnovarsi nonostante i tragici compromessi della Storia.
A seguire dibattito con documenti video sull'Eterno Fanciullo Giuseppe Ungaretti ed anteprima al progetto Fossili del Futuro con esposizione di xilografie e sculture sul tema delle mutazioni e la follia del nucleare negli ultimi Cento anni.
Ingresso libero. Posti limitati consigliata la prenotazione a info@bottegabuffacircovacanti.it


--------------------------------------------------------------------------------
INCONTRI COLLEGATI 

Mercoledì 12 novembre 2014. Istituto Artigianelli per le Arti Grafiche di Trento. Ore 14,30
PRESENTAZIONE LIBRO CAPITAN DON CALZEROTTE E ARLECCHIN SENZA PANZA
con gli autori e protagonisti dell'opera: Claudia Contin Arlecchino, Ferruccio Merisi, Stefano Gava, Compagnia Hellequin e il fotografo Luca Fantinutti
con la collaborazione della libreria Àncora Artigianelli di Trento per la vetrina espositiva del progetto dal 6 al 31 novembre 2014
Ingresso libero

Giovedì 13 novembre 2014. Foyer Teatro Comunale di Pergine. Ore 10,30
PRESENTAZIONE LIBRO CAPITAN DON CALZEROTTE E ARLECCHIN SENZA PANZA
con gli autori e protagonisti dell'opera: Claudia Contin Arlecchino, Ferruccio Merisi, Stefano Gava, Compagnia Hellequin e il fotografo Luca Fantinutti
Ingresso libero

Venerdì 14 novembre 2014. Istituto scolastico superiore Marie Curie di Pergine. Ore 10,30
PROIEZIONE TRATTI INDOSSO
Cortometraggio di Valeria Spera. Video-documentario sulla Tragedia dell'Arte di Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi.
Incontro degli studenti con l'artista Claudia Contin Arlecchino sul tema del disagio comporta-mentale come spazio di incontro culturale dal punto di vista dell'attore e dal punto di vista dell'artista.
Ingresso libero

Da domenica 16 a domenica 23 novembre 2014. Sala prove del Teatro Comunale di Pergine
Otto giornate di workshop teatrale
IO, ETERNO FANCIULLO
con il maestro Claudia Contin Arlecchino

Traiettorie estreme per il corpo, codificate e ricostruite seguendo il bestiario umano ritratto nei quadri di EgonSchiele. L'allievo attore/danzatore affronterà una metodologia che si basa su gestualità e movimenti che coinvolgono il sistema nervoso come fonte cinetica. Nella Tragedia dell' Arte di Claudia Contin Arlecchino ogni minimo movimento diventa portatore di significato e pertanto è necessario allenare il corpo a raggiungere precisione, duttilità ed eloquenza visiva. Il lavoro certosino di scomposizione, non più muscolare ma nervosa, di ogni parte del corpo rende indipendente l'Arte dell'Attore nel trovare sempre nuove soluzioni di gestualità e di costruzione dei suoi personaggi.

Info e iscrizioni: massimo 20 persone. info@bottegabuffacircovacanti.it
Facilitazioni sulla quota di iscrizione per figli di soci e clienti della Cassa Rurale di Pergine

ERAVAMO IN CENTOMILA, GRANDI NUMERI ALLA PERUGIA ASSISI

- Redazione Lettera 22 -
La 40ma marcia per la pace in Umbria va oltre le aspettative. Crisi e polemiche non frenano la voglia di camminare per chiedere la fine di tutte le guerre che fabbricano morte. Una speranza dura a morire

Perugia - Centomila. Forse di più. Nemmeno gli organizzatori ci speravamo in questi numeri per la 40ma Marcia Perugia-Assisi, un appuntamento che dal 1961 segna un po’ il termometro del movimento per la pace in Italia. Ma quest’anno, un po’ per la crisi del movimento in generale, un po’ per la crisi che morde i consumi (anche la benzina per spostarsi) e un po’ per le polemiche che hanno funestato i preparativi, la marcia correva il rischio di essere, se non un flop, un evento minore e comunque con numeri non a cinque zeri.

lettera 22

- Redazione Lettera 22 -

La 40ma marcia per la pace in Umbria va oltre le aspettative. Crisi e polemiche non frenano la voglia di camminare per chiedere la fine di tutte le guerre che fabbricano morte. Una speranza dura a morire

Perugia - Centomila. Forse di più. Nemmeno gli organizzatori ci speravamo in questi numeri per la 40ma Marcia Perugia-Assisi, un appuntamento che dal 1961 segna un po’ il termometro del movimento per la pace in Italia. Ma quest’anno, un po’ per la crisi del movimento in generale, un po’ per la crisi che morde i consumi (anche la benzina per spostarsi) e un po’ per le polemiche che hanno funestato i preparativi, la marcia correva il rischio di essere, se non un flop, un evento minore e comunque con numeri non a cinque zeri. Invece, con una certa soddisfazione, alla conferenza stampa delle 12, Flavio Lotti, del coordinamento organizzativo, snocciola la cifra e Andrea Ferrari, del coordinamento Enti locali per la pace, rincara con un «oltre 100mila».

I numeri dicono e non dicono ma sono importanti: 873 adesioni, 117 scuole, 277 enti locali, tutte le Regioni italiane e un totale di 526 città. E ancora, 479 associazioni di cui 80 nazionali anche se le bandiere di Cgil e Arci, un tempo colonne della Perugia-Assisi, non si vedono. Le due grandi organizzazioni storiche della sinistra italiana ci sono, ma stanno defilate, a metà strada tra la polemiche che ha fatto prendere le distanze al Movimento Nonviolento e all’Agesci, la più grande organizzazione scoutistica italiana, e la voglia – o la necessità – di esserci. Scout ce ne sono, ma sono quelli del Masci, organismo cattolico fondato nel 1954. Dice uno di loro: «Non l’abbiamo capita la polemica dell’Agesci, c’è sembrata pretestuosa. Noi ci siamo». Chi vuol sapere i particolari li può leggere sul sito web dell’organizzazione che si rifà a Baden Powell che dal 1970 si chiama Agesci.

Al tavolo della conferenza stampa c’è una prevalenza di cattolici militanti 8non a caso oltre al messaggio di Napolitano ce n’è uno anche del Papa): non solo Padre Fortunato del sacro convento di Assisi, anfitrione da sempre dell’evento, ma anche Alex Zanotelli, l’ispirato ex direttore di Nigrizia che fu cacciato dalla rivista per le sue posizioni radicali, e don Luigi Ciotti, un uomo che quando passa in mezzo alla gente solleva ovazioni e applausi a scena aperta, soprattutto di giovani ma non solo, che lui ringrazia con un gesto e un sorriso solo apparentemente mite. Ma i toni dei discorsi la Chiesa la evocano proprio di rado: Zanotelli parla di ingiustizia, di un mondo che si sta divorando e divora i suoi simili e di quel 10% che mangia per il resto del 90. E Ciotti parla di mafia, la sua battaglia da sempre e quella dell’organizzazione – Libera – che ha fondato. Non gli fa paura Totò Riina, dice, gli fa paura un mondo di illegalità dove la mafia dal colletto bianco invade istituzioni e si innerva nei centri del potere economico. Chiede uno «scatto», lo stesso che ha animato la sua vita e di tanti che come lui contro la mafia la guerra la fanno tutti i giorni. Un fatto, non un’opinione.

Naturalmente la guerra è il grande tema: soldi in armamenti, guerre vicine e lontane, più o meno dimenticate più o meno mediatizzate. Aluisi Tosolini, responsabile per le scuole della Perugia-Assisi, annuncia un’iniziativa che parlerà ai ragazzi della Grande guerra ma anche di quelle minori di questi giorni (con un seminario che la Tavola della pace dedicherà al tema grazie al sostegno della Regione Friuli). E proprio delle scuole riparla Flavio Lotti: dice che loro sono le vere protagoniste di questa marcia dedicata alla pace e alla fraternità. Pensa Lotti, e con lui tanti, che la guerra alla guerra comincia a scuola dove, rivendica Tosolini con orgoglio, c’è chi studia la Costituzione e non solo la matematica.

Intanto la matematica è venuta in aiuto. Eravamo centomila, ma non allo stadio. In marcia a dire che la speranza di pace è dura a morire.

lettera 22

CHANGE! – 17th Religion Today FILMFESTIVAL

EXPLORING THE DIFFERENCES

Dal 1997 Religion Today è il primo festival internazionale di cinema delle religioni per una cultura del dialogo e della pace.
Il cambiamento come imperativo a cui ognuno è chiamato a rispondere, dalla dimensione interiore a quella relazionale, dalla sfera spirituale  a quella civile. Le religioni di fronte alla sfida di una società globale in continuo e repentino mutamento. La società di fronte ai cambiamenti che le religioni oggi vivono, subiscono e testimoniano. Per la sua XVII edizione Religion Today Filmfestival, grazie alla più recente cinematografia internazionale, intende esplorare i termini e i confini di questo complesso dialogo, oggi più che mai cruciale, cercando di tracciare le prospettive della convivenza, no solo tra religioni, ma nche tra religioni e società civile.

Ingresso libero a tutti gli eventi.

Sul sito internet del Religion Today sono disponibili tutte le informazioni e il ricco programma degli appuntamenti.

EXPLORING THE DIFFERENCES
10>21 ottobre
2014

Religioni, società, cambiamento



Dal 1997 Religion Today è il primo festival internazionale di cinema delle religioni per una cultura del dialogo e della pace.
Il cambiamento come imperativo a cui ognuno è chiamato a rispondere, dalla dimensione interiore a quella relazionale, dalla sfera spirituale  a quella civile. Le religioni di fronte alla sfida di una società globale in continuo e repentino mutamento. La società di fronte ai cambiamenti che le religioni oggi vivono, subiscono e testimoniano. Per la sua XVII edizione Religion Today Filmfestival, grazie alla più recente cinematografia internazionale, intende esplorare i termini e i confini di questo complesso dialogo, oggi più che mai cruciale, cercando di tracciare le prospettive della convivenza, no solo tra religioni, ma nche tra religioni e società civile.

Sono tanti i nuovi appuntamenti per questa diciassettesima edizione del Religion Today Filmfestival. Non solo film, ma anche tavole rotonde, spettacoli di danza sacra, musica, libri e fotografia. Tanti momenti per approfondire un mondo in costante evoluzione.
Anche il Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani, continua la sua collaborazione con il Festival, contribuendo alla premiazione di un film per la sezione "Peace and Human Rights".

Ingresso libero a tutti gli eventi.

Sul sito internet del Religion Today sono disponibili tutte le informazioni e il ricco programma degli appuntamenti.

Firenze, 21 settembre 2014 – In tanti a piazzale Michelangelo per “Un passo di pace”

Domenica 21 settembre reti, organizzazioni e movimenti italiani si ritrovano a Firenze per chiedere un cambiamento, dopo anni di fallimenti, delle politiche dei governi e delle istituzioni nella gestione dei conflitti in atto dalla Palestina all'Ucraina, dalla Siria all'Iraq. Un presidio, di respiro nazionale, in piazzale Michelangelo per rilanciare le idee di nonviolenza e disarmo, per fermare le stragi di civili indifesi.

Dalla Siria all'Ucraina, dalla Palestina al Congo, dall'Iraq alla Libia, a tutte le latitudini le guerra e la violenza sono tornate prepotentemente ad essere la "continuazione della politica con altri mezzi". Iscrizioni entro il 16 settembre a roveretopace@gmail.com o cell. 338 3400211 <b/strong>Qui l'evento facebook<b/strong>   Domenica 21 settembre reti, organizzazioni e movimenti italiani si ritrovano a Firenze per chiedere un cambiamento, dopo anni di fallimenti, delle politiche dei governi e delle istituzioni nella gestione dei conflitti in atto dalla Palestina all'Ucraina, dalla Siria all'Iraq. Un presidio, di respiro nazionale, in piazzale Michelangelo per rilanciare le idee di nonviolenza e disarmo, per fermare le stragi di civili indifesi. Dalla Siria all'Ucraina, dalla Palestina al Congo, dall'Iraq alla Libia, a tutte le latitudini le guerra e la violenza sono tornate prepotentemente ad essere la "continuazione della politica con altri mezzi". Solo chi non ha tenuto conto della spaventosa crescita delle spese militari globali nell'ultimo decennio, che non ha eguali nella storia dell'umanità può stupirsi della guerra che entra nelle nostre case con la violenza delle immagini e sbarca sulle nostre coste con la tragedia dei profughi. Di fronte a questo scenario di violenze e viltà, di fronte alla reiterazione degli orrori ed alla follia della guerra, non possiamo rimanere silenti e inerti. Dal 2 ottobre avvieremo la Campagna Disarmo e Difesa Civile, e saremo in tutte le piazze d'Italia a raccogliere le firme per la Legge di iniziativa popolare per il disarmo e la difesa civile, non armata e nonviolenta, che darà ai cittadini la possibilità di finanziare i Corpi civili di pace - capaci di intervenire nei conflitti con la forza della nonviolenza – anziché l'acquisto di micidiali sistemi d'arma che alimentano e generano nuove guerre. Questi sono i nostri passi di pace, verso la nonviolenza. <b/p>

Domenica 21 settembre arrivo a Firenze ore 11

da Trento ore 6.00 parcheggio autostrada Trento Sud

da Rovereto ore 6.30 parcheggio autostrada Rovereto Sud Rientro in serata

Iscrizioni entro il 16 settembre a roveretopace@gmail.com o cell. 338 3400211 <b/strong>

www.retedellapace.it - www.rovepace.org <b/strong>Qui l'evento facebook