Una Svizzera libera dai pesticidi. Approvato il referendum costituzionale

Apprendiamo con vivo interesse che l’iniziativa popolare federale «Per una Svizzera senza pesticidi sintetici» sta avendo riscontri positivi. Infatti la Cancelleria federale svizzera, esaminata la lista per la raccolta delle firme presentata l’8 novembre 2016 ha decretato l’approvazione delle forme sostanziali del quesito sottoposto, che quindi soddisfa formalmente le esigenze legali per proseguire verso una modifica della Costituzione.

Per un un approfondimento vi rinviamo al seguente articolo, al cui interno si trova anche un’analisi storica del fallimento di un referendum simile nell’Italia degli anni ’90.

Inoltre, qui, il testo integrale dell’iniziativa popolare.

Buona lettura!

AperiLibri

Appuntamento culturale del novembre trentino, che lega letteratura all’enogastronomia.

Libri e cibo sono portatori di conoscenza, di esperienze di crescita e di piacere. Cinque appuntamenti intrecceranno tali dimensioni, attraverso la presentazione di libri, aperitivi con gli autori e cene a tema. I libri che verranno narrati hanno il comune obiettivo di descrivere un mondo di conflitti, spesso diversi tra loro e mai affrontati apertamente: conflitti armati, sociali, ambientali, emergenti o mai sopiti. 



Qui
il programma dettagliato 

Dal 19 novembre al 3 dicembre
Gli incontri avranno luogo a partire dalle ore 18.00 presso il Cafè de la Paix, Passaggio Teatro Osele – Trento

Organizza: Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani in collaborazione con Afghanistan 2014, Café de la Paix, Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale, Unimondo

Appuntamento culturale del novembre trentino, che lega letteratura all’enogastronomia.

Libri e cibo sono portatori di conoscenza, di esperienze di crescita e di piacere. Cinque appuntamenti intrecceranno tali dimensioni, attraverso la presentazione di libri, aperitivi con gli autori e cene a tema. I libri che verranno narrati hanno il comune obiettivo di descrivere un mondo di conflitti, spesso diversi tra loro e mai affrontati apertamente: conflitti armati, sociali, ambientali, emergenti o mai sopiti. 

PROGRAMMA 

I cinque appuntamenti si svolgeranno presso il Café de la Paix, passaggio Teatro Osele – Trento 
a partire dalle ore 18.00 
______________________________________________

Mercoledì 19 novembre 2014

Introduce la rassegna Massimiliano Pilati – Presidente Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani 
L’Autore Alidad Shiri dialoga con Tommaso Vaccari 

Alidad Shiri – VIA DALLA PAZZA GUERRA (Ed. il Margine, 2007)
La storia di un ragazzo afghano che intraprende un viaggio coraggioso ed estenuante alla ricerca di una vita lontano dalla guerra.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Sabato 22 novembre 2014

L’autore Matteo Massi dialoga con Massimiliano Pilati

Matteo Massi – IN/MOVIMENTO (Ed. Gruppo Abele 2014) 
Cosa sono i movimenti? Come si rapportano con la società? Un reportage per comprendere meglio questa forma di partecipazione dal basso, partendo dall’esperienza di alcune realtà rilevanti.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Mercoledì 26 novembre 2014 

Il direttore di Osservatorio Iraq Medioriente e Nordafrica Enzo Mangini (curatore del volume) dialoga con Federico Zappini 

AA.VV. – LA CRISI IRACHENA. CAUSE ED EFFETTI DI UNA STORIA CHE NON INSEGNA (Ed. dell’Asino 2014) 
Un libro a più mani che nasce per approfondire, analizzare e far conoscere il paese al di là delle cronache, rileggendo la storia ed evidenziando linee di continuità per comprenderlo un po’ meglio.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Sabato 29 novembre 2014 

L’autrice Valentina Codeluppi dialoga con Giorgia Stefani 

Valentina Codeluppi – LE CICATRICI DEL RUANDA (Ed. EMI 2012) 
A vent’anni dal genocidio ruandese il processo di riconciliazione risulta ancora difficoltoso, affidato principalmente a tre tipi di tribunali, tutti con le loro luci e molte ombre.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Mercoledì 3 dicembre 2014 

La direttrice del Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale Jenny Capuano (traduttrice del volume) dialoga con Marco Pontoni

Elisio Macamo L’ABBECEDARIO DELLA NOSTRA DIPENDENZA (Ed. Erikkson 2013)
Una lettura critica del discorso dello sviluppo attraverso il caso del Mozambico, partendo dal provocatorio assunto che “Il Mozambico esiste solo perché l’aiuto allo sviluppo dà esistenza al Paese”.

Qui l’evento facebook 
______________________________________________

Dopo la presentazione del libro e l’aperitivo con l’autore sarà possibile partecipare alla cena con piatti a tema, su prenotazione al 346 8639590 a cura del Café de la Paix. 

Per informazioni: 
www.forumpace.it – 0461 213176 
www.tcic.eu – info@tcic.eu – 0461 0093013

Organizza: Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani in collaborazione con Associazione Afghanistan 2014Café de la PaixCentro per la Formazione alla Solidarietà InternazionaleUnimondo

CHANGE! – 17th Religion Today FILMFESTIVAL

EXPLORING THE DIFFERENCES

Dal 1997 Religion Today è il primo festival internazionale di cinema delle religioni per una cultura del dialogo e della pace.
Il cambiamento come imperativo a cui ognuno è chiamato a rispondere, dalla dimensione interiore a quella relazionale, dalla sfera spirituale  a quella civile. Le religioni di fronte alla sfida di una società globale in continuo e repentino mutamento. La società di fronte ai cambiamenti che le religioni oggi vivono, subiscono e testimoniano. Per la sua XVII edizione Religion Today Filmfestival, grazie alla più recente cinematografia internazionale, intende esplorare i termini e i confini di questo complesso dialogo, oggi più che mai cruciale, cercando di tracciare le prospettive della convivenza, no solo tra religioni, ma nche tra religioni e società civile.

Ingresso libero a tutti gli eventi.

Sul sito internet del Religion Today sono disponibili tutte le informazioni e il ricco programma degli appuntamenti.

EXPLORING THE DIFFERENCES
10>21 ottobre
2014

Religioni, società, cambiamento

Dal 1997 Religion Today è il primo festival internazionale di cinema delle religioni per una cultura del dialogo e della pace.
Il cambiamento come imperativo a cui ognuno è chiamato a rispondere, dalla dimensione interiore a quella relazionale, dalla sfera spirituale  a quella civile. Le religioni di fronte alla sfida di una società globale in continuo e repentino mutamento. La società di fronte ai cambiamenti che le religioni oggi vivono, subiscono e testimoniano. Per la sua XVII edizione Religion Today Filmfestival, grazie alla più recente cinematografia internazionale, intende esplorare i termini e i confini di questo complesso dialogo, oggi più che mai cruciale, cercando di tracciare le prospettive della convivenza, no solo tra religioni, ma nche tra religioni e società civile.

Sono tanti i nuovi appuntamenti per questa diciassettesima edizione del Religion Today Filmfestival. Non solo film, ma anche tavole rotonde, spettacoli di danza sacra, musica, libri e fotografia. Tanti momenti per approfondire un mondo in costante evoluzione.
Anche il Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani, continua la sua collaborazione con il Festival, contribuendo alla premiazione di un film per la sezione “Peace and Human Rights”.

Ingresso libero a tutti gli eventi.

Sul sito internet del Religion Today sono disponibili tutte le informazioni e il ricco programma degli appuntamenti.

art.11: l’Italia ripudia la guerra (…ma non il mercato della guerra)

Tratto da Sentire – Scandali sotto il sole

 

– C. Perer –

E’ una foto di un grande artista come Steve McCurry,  a ricordarci il problema. Anche il Papa lo ha detto spesso le guerre esistono intanto-inquanto esiste il mercato delle armi. E non si dica: banale constatazione. Se solo smettessimo di produrle forse non finirebbe la triste lotta dell’uomo contro l’uomo, ma almeno sarebbe una lotta ad armi pari: sassi e bastoni come profetizzò Albert Einstein immaginando la terza guerra mondiale. Che invece si sta già combattendo qua e là con droni, armi elettroniche degne di un video-game. E l’Italia che fa? Produce e vende, poi magari esprime anche un alto commissario Ue per la difesa che andrà a parlare di pace e di come far finire le guerre.

L’Italia nella sua costituzione ripudia la guerra …non ripudia però il mercato della guerra. Vende anche a chi non ha un pezzo di pane sotto i denti. Le forze armate del Ciad, uno dei paesi più poveri del continente africano, stanno infatti per ricevere dall’azienda italiana Alenia Aermacchi (gruppo Finmeccanica) un nuovo esemplare dell’aereo di trasporto tattico C-27J “Spartan”. In questi giorni, il velivolo da guerra sta effettuando gli ultimo test di volo dall’aeroporto di Torino Caselle; un altro C-27J è stato consegnato al Ciad nel dicembre 2013. Per i due velivoli, il regime di N’Djamena ha sborsato più di 106 milioni di dollari; l’accordo con Alenia Aermacchi prevede la fornitura di un anno di supporto logistico, di parti di ricambio per due anni, due kit di protezione balistica, un kit di ricerca e soccorso e uno di evacuazione medica.

Lo “Spartan” è in grado di effettuare molteplici missioni militari tra cui il trasporto truppe, merci e sanitario, il lancio di materiali e di paracadutisti, il supporto alle operazioni di protezione civile. Può imbarcare sino a 11 tonnellate di carico (compresi 60 militari o 46 paracadutisti), ha una velocità di crociera di 583 Km/h e un raggio d’azione compreso tra i 4.260 e i 5.926 Km, a secondo del carico trasportato.

Il Ciad è il secondo paese africano dopo il Marocco ad acquistare il velivolo di Alenia Aermacchi. I C-27J sostituiranno la coppia di Antonov An-26 di produzione russa entrati in servizio nel 1989. Grazie ai nuovi velivoli da trasporto made in Italy, le forze armate del Ciad potranno estendere il loro raggio d’azione sino al Mediterraneo o all’equatore, coprendo un’area dell’Africa caratterizzata dai sempre più numerosi conflitti.

E uno dei più grossi accordi di fornitura venne siglato da mister Mario Monti con il Qatar. Do you remember?

(in collaborazione con Antonio Mazzeo)

21 settembre 2014

Da Giornale Sentire

E’ una foto di un grande artista come Steve McCurry,  a ricordarci il problema. Anche il Papa lo ha detto spesso le guerre esistono intanto-inquanto esiste il mercato delle armi. E non si dica: banale constatazione. Se solo smettessimo di produrle forse non finirebbe la triste lotta dell’uomo contro l’uomo, ma almeno sarebbe una lotta ad armi pari: sassi e bastoni come profetizzò Albert Einstein immaginando la terza guerra mondiale. Che invece si sta già combattendo qua e là con droni, armi elettroniche degne di un video-game. E l’Italia che fa? Produce e vende, poi magari esprime anche un alto commissario Ue per la difesa che andrà a parlare di pace e di come far finire le guerre.

L’Italia nella sua costituzione ripudia la guerra …non ripudia però il mercato della guerra. Vende anche a chi non ha un pezzo di pane sotto i denti. Le forze armate del Ciad, uno dei paesi più poveri del continente africano, stanno infatti per ricevere dall’azienda italiana Alenia Aermacchi (gruppo Finmeccanica) un nuovo esemplare dell’aereo di trasporto tattico C-27J “Spartan”. In questi giorni, il velivolo da guerra sta effettuando gli ultimo test di volo dall’aeroporto di Torino Caselle; un altro C-27J è stato consegnato al Ciad nel dicembre 2013. Per i due velivoli, il regime di N’Djamena ha sborsato più di 106 milioni di dollari; l’accordo con Alenia Aermacchi prevede la fornitura di un anno di supporto logistico, di parti di ricambio per due anni, due kit di protezione balistica, un kit di ricerca e soccorso e uno di evacuazione medica.

Lo “Spartan” è in grado di effettuare molteplici missioni militari tra cui il trasporto truppe, merci e sanitario, il lancio di materiali e di paracadutisti, il supporto alle operazioni di protezione civile. Può imbarcare sino a 11 tonnellate di carico (compresi 60 militari o 46 paracadutisti), ha una velocità di crociera di 583 Km/h e un raggio d’azione compreso tra i 4.260 e i 5.926 Km, a secondo del carico trasportato.

Il Ciad è il secondo paese africano dopo il Marocco ad acquistare il velivolo di Alenia Aermacchi. I C-27J sostituiranno la coppia di Antonov An-26 di produzione russa entrati in servizio nel 1989. Grazie ai nuovi velivoli da trasporto made in Italy, le forze armate del Ciad potranno estendere il loro raggio d’azione sino al Mediterraneo o all’equatore, coprendo un’area dell’Africa caratterizzata dai sempre più numerosi conflitti.

E uno dei più grossi accordi di fornitura venne siglato da mister Mario Monti con il Qatar. Do you remember? – See more at: http://www.giornalesentire.it/article/italia-ratifica-trattato-internazionale-sul-commercio-di-armi.html#sthash.mFxJMxvw.dpuf

Afghanistan, accordo sulla presidenza a Ghani

– Francesco Semprini –
Giunge finalmente a conclusione il processo elettorale iniziato il 14 giugno scorso: «La Commissione ha verificato in base ai voti espressi che Ghani è il nuovo presidente e Abdullah il Chief executive del futuro governo». Ma la pacificazione è lontana, e l’instabilità è grande.

L’accordo c’è, la pacificazione è lontana. Un timido progresso sul futuro dell’Afghanistan è giunto ieri con la firma di un’intesa da parte dei due candidati del ballottaggio presidenziale del 14 giugno, Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani, per la costituzione, una volta annunciato il nome del successore di Hamid Karzai, di un governo di unità nazionale guidato da un presidente e da un «Chief Executive». Questa la notizia giunta nel corso di una sofferta alba domenicale, a cui ha fatto seguito, nel giro di poche ore, l’annuncio del vincitore da parte della Commissione elettorale indipendente (Iec). E’ l’ex ministro delle Finanze, Ghani appunto, che succede così ad Hamid Karzai nel primo trasferimento democratico dei poteri presidenziali della recente storia afghana. 

Tratto da La Stampa

 

– Francesco Semprini –

Giunge finalmente a conclusione il processo elettorale iniziato il 14 giugno scorso: «La Commissione ha verificato in base ai voti espressi che Ghani è il nuovo presidente e Abdullah il Chief executive del futuro governo». Ma la pacificazione è lontana, e l’instabilità è grande.

L’accordo c’è, la pacificazione è lontana. Un timido progresso sul futuro dell’Afghanistan è giunto ieri con la firma di un’intesa da parte dei due candidati del ballottaggio presidenziale del 14 giugno, Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani, per la costituzione, una volta annunciato il nome del successore di Hamid Karzai, di un governo di unità nazionale guidato da un presidente e da un «Chief Executive». Questa la notizia giunta nel corso di una sofferta alba domenicale, a cui ha fatto seguito, nel giro di poche ore, l’annuncio del vincitore da parte della Commissione elettorale indipendente (Iec). E’ l’ex ministro delle Finanze, Ghani appunto, che succede così ad Hamid Karzai nel primo trasferimento democratico dei poteri presidenziali della recente storia afghana. 

«La Commissione ha verificato in base ai voti espressi che Ghani é il nuovo presidente e Abdullah il “Chief executive” del futuro governo», ha detto il presidente della Ies, Ahmad Yousaf Nuristani, ringraziando gli afghani per la partecipazione al processo elettorale. Sembra che Ghani abbia incassato circa 750 mila voti in più del suo avversario, sebbene si taccia sulla cifra ufficiale. L’accordo, assai complesso, sblocca almeno in questa prima fase, un’impasse che dura da mesi e che ha visto Abdullah accusare brogli nel corso della tornata elettorale. Tanto che la Iec ha dovuto procedere a una verifica degli 8,1 milioni di voti espressi nel ballottaggio.

Uno sblocco per il quale è stato determinante l’intercessione del segretario di Stato Usa, John Kerry, e il lavoro delle Nazioni Unite attraverso la missione in Iraq (Unama). L’intesa raccoglie il plauso del Palazzo di Vetro, della Casa Bianca, e di Kerry che ora auspica l’avvio di riforme. Ma in realtà cosa potrebbe celare questa timido progresso? E soprattutto, quanto manca ancora alla pacificazione del Paese? Ne abbiamo parlato con alcune fonti che operano in Afghanistan, secondo cui il rischio è, al di là dei proclami, una ingovernabilità di fatto. 

La formula del «Chief Executive» non ha mai riscosso grande simpatie, anche perché occorre capire quali poteri avrà e che differenza ci sarà con il presidente. Tanto è vero che Abdullah non ha riconosciuto il risultato elettorale con la vittoria di Ghani (data per certa), sino a quando non si è arreso dinanzi a un pragmatico ragionamento. Il punto è che alcuni grandi finanziatori dell’ex ministro degli Esteri impedivano la firma «previa concessione di alcune misure e garanzie a loro favorevoli». Forse queste sono arrivate, ma se non dovessero essere rispettate? L’ostruzionismo diverrebbe antagonismo nei confronti del governo. Tutto questo rischia di influire sulla firma dell’accordo bilaterale con gli Usa e altri Paesi per mantenere parte dei contingenti Isaf. L’Italia che sembrava si mantenesse sugli 800 militari, sembra essere disposta ora, secondo i piani del ministro della Difesa Roberta Pinotti, a lasciarne appena 200, a fronte dei 300 della Spagna, mentre gli Usa puntano sui 9 mila. «Ma a pesare sulla scelta degli italiani e degli spagnoli – spiegano le fonti – è la decisione americana di rimanere o meno nelle province occidentali». 

In caso di alleggerimento in quella regione i contingenti europei sarebbero troppo scoperti e potrebbero decidere di non rimanere. Nel frattempo le condizioni di sicurezza del Paese sono peggiorate: i taleban, fanno la voce grossa, e promettono di scatenare tutta la loro potenza di fuoco una volta avviato il ritiro parziale, mentre nel frattempo non lesinano attentati a obiettivi istituzionali e truppe straniere. L’esercito afghano, perde circa 400 uomini al mese, e «chiede la licenza di uccidere – ci rivelano le fonti – altrimenti sarebbero loro ad essere uccisi, o i taleban immediatamente scarcerati dai giudici». Questo implica che il sistema giudiziario è inaffidabile, viene da chiedersi, finanche corrotto in certi casi. 

E tutto questo mentre le vittime civili sono aumentate del 15% nei primi otto mesi del 2014, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, come rivela il rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu in Afghanistan, Jan Kubis. Parlando dinanzi ai membri del Consiglio di Sicurezza Onu, Kubis ha aggiunto che gli incidenti sul campo, divenuti la causa principale delle vittime civili, hanno causato 2.312 morti e 4.533 feriti. Nel complesso fra gennaio ed agosto vi è stato un aumento, rispetto ai primi otto mesi del 2013, del 16% di donne e del 24% di bambini uccisi o feriti. In un contesto di questo genere, il passo in avanti compiuto con la firma per il governo del Paese, pur facendo ben sperare, appare ancora più timido. E vien da chiedersi: ma esiste davvero un futuro e una coscienza di pacificazione nei destini dell’Afghanistan in perenne conflitto?

Tratto da La Stampa

Firenze, 21 settembre 2014 – In tanti a piazzale Michelangelo per “Un passo di pace”


Domenica 21 settembre reti, organizzazioni e movimenti italiani si ritrovano a Firenze per chiedere un cambiamento, dopo anni di fallimenti, delle politiche dei governi e delle istituzioni nella gestione dei conflitti in atto dalla Palestina all’Ucraina, dalla Siria all’Iraq.
Un presidio, di respiro nazionale, in piazzale Michelangelo per rilanciare le idee di nonviolenza e disarmo, per fermare le stragi di civili indifesi.

Dalla Siria all’Ucraina, dalla Palestina al Congo, dall’Iraq alla Libia, a tutte le latitudini le guerra e la violenza sono tornate prepotentemente ad essere la “continuazione della politica con altri mezzi”.

Iscrizioni entro il 16 settembre a
roveretopace@gmail.com o cell. 338 3400211

<b/strong>Qui l’evento facebook<b/strong>

 

Domenica 21 settembre reti, organizzazioni e movimenti italiani si ritrovano a Firenze per chiedere un cambiamento, dopo anni di fallimenti, delle politiche dei governi e delle istituzioni nella gestione dei conflitti in atto dalla Palestina all’Ucraina, dalla Siria all’Iraq.
Un presidio, di respiro nazionale, in piazzale Michelangelo per rilanciare le idee di nonviolenza e disarmo, per fermare le stragi di civili indifesi.

Dalla Siria all’Ucraina, dalla Palestina al Congo, dall’Iraq alla Libia, a tutte le latitudini le guerra e la violenza sono tornate prepotentemente ad essere la “continuazione della politica con altri mezzi”.

Solo chi non ha tenuto conto della spaventosa crescita delle spese militari globali nell’ultimo decennio, che non ha eguali nella storia dell’umanità può stupirsi della guerra che entra nelle nostre case con la violenza delle immagini e sbarca sulle nostre coste con la tragedia dei profughi.
Di fronte a questo scenario di violenze e viltà, di fronte alla reiterazione degli orrori ed alla follia della guerra, non possiamo rimanere silenti e inerti.

Dal 2 ottobre avvieremo la Campagna Disarmo e Difesa Civile, e saremo in tutte le piazze d’Italia a raccogliere le firme per la Legge di iniziativa popolare per il disarmo e la difesa civile, non armata e nonviolenta, che darà ai cittadini la possibilità di finanziare i Corpi civili di pace – capaci di intervenire nei conflitti con la forza della nonviolenza – anziché l’acquisto di micidiali sistemi d’arma che alimentano e generano nuove guerre.
Questi sono i nostri passi di pace, verso la nonviolenza.
<b/p>

Domenica 21 settembre
arrivo a Firenze ore 11


da Trento ore 6.00 parcheggio autostrada Trento Sud

da Rovereto ore 6.30 parcheggio autostrada Rovereto Sud
Rientro in serata


Iscrizioni entro il 16 settembre a

roveretopace@gmail.com o cell. 338 3400211
<b/strong>

www.retedellapace.it www.rovepace.org
<b/strong>Qui l’evento facebook