Morales fa il tris in Bolivia

- Miriam Rossi -

Evo Morales ha superato una nuova prova del fuoco. Lo scorso 12 ottobre il Presidente della Bolivia è stato rieletto col 60% di voti dei 6 milioni di boliviani chiamati alle urne. Alle spalle del leader del Movimiento al Socialismo (MAS), si è piazzato il conservatore Samuel Doria Medina di Unidad Democrata, con il 24,5% dei voti. Come ampiamente anticipato dai sondaggi elettorali, non c’è stata invece storia per gli altri candidati: l’ex presidente boliviano Jorge Quiroga, l’ex sindaco di La Paz Juan del Granado e l’indigeno amazzonico Fernando Vargas.

“Una vittoria degli anti-colonialisti e degli anti-imperialisti” ha esclamato Morales annunciando il successo elettorale dal balcone del Palacio Quemado di La Paz, sede della Presidenza della Repubblica boliviana.

tratto da Unimondo

 - Miriam Rossi -

Lo scorso 12 ottobre il Presidente della Bolivia è stato rieletto col 60% di voti dei 6 milioni di boliviani chiamati alle urne. Alle spalle del leader del Movimiento al Socialismo (MAS), si è piazzato il conservatore Samuel Doria Medina di Unidad Democrata, con il 24,5% dei voti. Come ampiamente anticipato dai sondaggi elettorali, non c’è stata invece storia per gli altri candidati: l’ex presidente boliviano Jorge Quiroga, l’ex sindaco di La Paz Juan del Granado e l’indigeno amazzonico Fernando Vargas.

“Una vittoria degli anti-colonialisti e degli anti-imperialisti” ha esclamato Morales annunciando il successo elettorale dal balcone del Palacio Quemado di La Paz, sede della Presidenza della Repubblica boliviana. Un nome guadagnato quando nel 1875 la residenza presidenziale fu assaltata e incendiata nel corso di una sollevazione popolare contro l’allora presidente Tomás Frías e che ben allude all’identità politica della Bolivia quale “Paese infiammabile”: degli 83 governi che la storia annovera, 36 sono durati un anno o anche meno, e 37 sono stati anti-democratici. È dunque ancora più straordinaria la vittoria di Morales, che non solo si è affermato nelle elezioni del 2005 come il primo presidente indigeno della storia della Bolivia, ma ora anche come il più longevo avendo ottenuto la conferma del mandato fino al 2020. Una data che già suscita preoccupazioni da parte di chi teme un ritocco alla Costituzione che consenta la possibilità di un ennesimo mandato, anche a vita: ipotesi che al momento lasciano il tempo che trovano, seppur devono fare i conti con una serie di dati incontrovertibili.

Le elezioni della scorsa settimana hanno formalizzato l’ampio sostegno di cui gode Morales: l’appartenenza alla comunità indigena aymara che ha molto influito sul suo primo mandato (tenendo conto che gli indios costituiscono l’85% dei cittadini boliviani) lascia ora il passo ai risultati raggiunti in questi anni di Presidenza nella direzione di un risanamento dell’economia e della lotta alla povertà. La nazionalizzazione delle risorse naturali del Paese, una delle misure più eclatanti messa in atto da Morales a pochi mesi dal suo primo insediamento, gli ha consentito di rinegoziare i contratti con le grandi aziende estrattive di idrocarburi a condizioni più favorevoli per la Bolivia. Al boom dei prezzi di materie prime esportate all’estero si è affiancato un aumento del Pil, che di fatto si è triplicato: un flusso di denaro nelle casse dello Stato che ha consentito al MAS di investire risorse in programmi sociali e infrastrutture pubbliche, nell’ottica di una riduzione della povertà estrema che in Bolivia incide sul 20% degli oltre 10 milioni di abitanti ma che pochi anni fa era stimata ben al 38% e la classificava come uno dei Paesi più poveri dell’America Latina. Una rilevazione che peraltro oggi si scontra con una forte crescita economica, secondo le stime del 2014 pari al 6,5% del Pil, che incorona la Bolivia quale migliore economia dell’America del Sud. La stabilità istituzionale finalmente raggiunta dal governo di La Paz ha indotto a un afflusso di investimenti stranieri a dispetto di quanto avrebbe potuto far presagire la lotta avviata espressamente da Morales per una “decolonizzazione” che liberasse quelle risorse della Bolivia sfruttate per secoli; una lotta che a livello ideale posiziona Morales a fianco di Cuba e del Venezuela ai cui ex leader, Fidel Castro e Hugo Chavez, egli ha dedicato il suo ultimo trionfo elettorale.

Rimangono invece tese le relazioni con gli Stati Uniti, dopo che il presidente Obama ha rinnovato le sue accuse a quello che è stato definito un “palese fallimento” della Bolivia nella sua lotta antidroga. L’opinione statunitense appare però isolata sul continente; a riprova, l’elogio reso dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine agli sforzi messi in atto dal governo boliviano per affrontare la produzione di coca. Le foglie della pianta sono tradizionalmente masticate dalle popolazioni andine per avere energia supplementare ad alte altitudini, come sa bene lo stesso Morales che prima di assumere l’incarico presidenziale guidava l’Unione coltivatori di coca; una realtà che pone dei chiari limiti all’azione politica e induce ancora una volta a riflettere sul limite tra rispetto delle tradizioni culturali e l’adesione a strategie di partenariato globale di ampio respiro.

Tra i risultati raggiunti da Morales c’è anche la promozione dell’integrazione dei boliviani, in particolare degli indios, mediante una radicale re-interpretazione dell’identità nazionale boliviana. La ridefinizione della Bolivia quale nazione “multietnica e pluriculturale”, inserita nella riforma costituzionale entrata in vigore nel febbraio 2009, acquista allora come simbolo di questo nuovo patto nazionale la “whipala”, la bandiera arcobaleno tipica delle popolazioni indigene latinoamericane. Nella sostanza viene attribuita maggiore autonomia, anche giudiziaria, a tutte le 36 nazioni riconosciute; un rispetto che non è esente da ombre quando si tratta di dare legittimità a tradizioni o pratiche contrarie a diritti umani conclamati. Perplessità ha creato ad esempio la minaccia di “sessioni di frustate” da parte del deputato Luis Gallego, anch’egli del MAS di Morales, per chi non si fosse recato alle urne il 12 ottobre.

La Bolivia si conferma dunque un laboratorio sperimentale per il continente latino-americano pur soffrendo di difficoltà analoghe ai Paesi vicini quali l’apertura alle coltivazioni transgeniche e la dipendenza dalle esportazioni di materie prime e, non da ultimo, il forte personalismo del potere che sembra minare la possibilità di una alternanza politica alla fine del mandato presidenziale appena ricevuto.

tratto da Unimondo

ERAVAMO IN CENTOMILA, GRANDI NUMERI ALLA PERUGIA ASSISI

- Redazione Lettera 22 -
La 40ma marcia per la pace in Umbria va oltre le aspettative. Crisi e polemiche non frenano la voglia di camminare per chiedere la fine di tutte le guerre che fabbricano morte. Una speranza dura a morire

Perugia - Centomila. Forse di più. Nemmeno gli organizzatori ci speravamo in questi numeri per la 40ma Marcia Perugia-Assisi, un appuntamento che dal 1961 segna un po’ il termometro del movimento per la pace in Italia. Ma quest’anno, un po’ per la crisi del movimento in generale, un po’ per la crisi che morde i consumi (anche la benzina per spostarsi) e un po’ per le polemiche che hanno funestato i preparativi, la marcia correva il rischio di essere, se non un flop, un evento minore e comunque con numeri non a cinque zeri.

lettera 22

- Redazione Lettera 22 -

La 40ma marcia per la pace in Umbria va oltre le aspettative. Crisi e polemiche non frenano la voglia di camminare per chiedere la fine di tutte le guerre che fabbricano morte. Una speranza dura a morire

Perugia - Centomila. Forse di più. Nemmeno gli organizzatori ci speravamo in questi numeri per la 40ma Marcia Perugia-Assisi, un appuntamento che dal 1961 segna un po’ il termometro del movimento per la pace in Italia. Ma quest’anno, un po’ per la crisi del movimento in generale, un po’ per la crisi che morde i consumi (anche la benzina per spostarsi) e un po’ per le polemiche che hanno funestato i preparativi, la marcia correva il rischio di essere, se non un flop, un evento minore e comunque con numeri non a cinque zeri. Invece, con una certa soddisfazione, alla conferenza stampa delle 12, Flavio Lotti, del coordinamento organizzativo, snocciola la cifra e Andrea Ferrari, del coordinamento Enti locali per la pace, rincara con un «oltre 100mila».

I numeri dicono e non dicono ma sono importanti: 873 adesioni, 117 scuole, 277 enti locali, tutte le Regioni italiane e un totale di 526 città. E ancora, 479 associazioni di cui 80 nazionali anche se le bandiere di Cgil e Arci, un tempo colonne della Perugia-Assisi, non si vedono. Le due grandi organizzazioni storiche della sinistra italiana ci sono, ma stanno defilate, a metà strada tra la polemiche che ha fatto prendere le distanze al Movimento Nonviolento e all’Agesci, la più grande organizzazione scoutistica italiana, e la voglia – o la necessità – di esserci. Scout ce ne sono, ma sono quelli del Masci, organismo cattolico fondato nel 1954. Dice uno di loro: «Non l’abbiamo capita la polemica dell’Agesci, c’è sembrata pretestuosa. Noi ci siamo». Chi vuol sapere i particolari li può leggere sul sito web dell’organizzazione che si rifà a Baden Powell che dal 1970 si chiama Agesci.

Al tavolo della conferenza stampa c’è una prevalenza di cattolici militanti 8non a caso oltre al messaggio di Napolitano ce n’è uno anche del Papa): non solo Padre Fortunato del sacro convento di Assisi, anfitrione da sempre dell’evento, ma anche Alex Zanotelli, l’ispirato ex direttore di Nigrizia che fu cacciato dalla rivista per le sue posizioni radicali, e don Luigi Ciotti, un uomo che quando passa in mezzo alla gente solleva ovazioni e applausi a scena aperta, soprattutto di giovani ma non solo, che lui ringrazia con un gesto e un sorriso solo apparentemente mite. Ma i toni dei discorsi la Chiesa la evocano proprio di rado: Zanotelli parla di ingiustizia, di un mondo che si sta divorando e divora i suoi simili e di quel 10% che mangia per il resto del 90. E Ciotti parla di mafia, la sua battaglia da sempre e quella dell’organizzazione – Libera – che ha fondato. Non gli fa paura Totò Riina, dice, gli fa paura un mondo di illegalità dove la mafia dal colletto bianco invade istituzioni e si innerva nei centri del potere economico. Chiede uno «scatto», lo stesso che ha animato la sua vita e di tanti che come lui contro la mafia la guerra la fanno tutti i giorni. Un fatto, non un’opinione.

Naturalmente la guerra è il grande tema: soldi in armamenti, guerre vicine e lontane, più o meno dimenticate più o meno mediatizzate. Aluisi Tosolini, responsabile per le scuole della Perugia-Assisi, annuncia un’iniziativa che parlerà ai ragazzi della Grande guerra ma anche di quelle minori di questi giorni (con un seminario che la Tavola della pace dedicherà al tema grazie al sostegno della Regione Friuli). E proprio delle scuole riparla Flavio Lotti: dice che loro sono le vere protagoniste di questa marcia dedicata alla pace e alla fraternità. Pensa Lotti, e con lui tanti, che la guerra alla guerra comincia a scuola dove, rivendica Tosolini con orgoglio, c’è chi studia la Costituzione e non solo la matematica.

Intanto la matematica è venuta in aiuto. Eravamo centomila, ma non allo stadio. In marcia a dire che la speranza di pace è dura a morire.

lettera 22

CHANGE! – 17th Religion Today FILMFESTIVAL

EXPLORING THE DIFFERENCES

Dal 1997 Religion Today è il primo festival internazionale di cinema delle religioni per una cultura del dialogo e della pace.
Il cambiamento come imperativo a cui ognuno è chiamato a rispondere, dalla dimensione interiore a quella relazionale, dalla sfera spirituale  a quella civile. Le religioni di fronte alla sfida di una società globale in continuo e repentino mutamento. La società di fronte ai cambiamenti che le religioni oggi vivono, subiscono e testimoniano. Per la sua XVII edizione Religion Today Filmfestival, grazie alla più recente cinematografia internazionale, intende esplorare i termini e i confini di questo complesso dialogo, oggi più che mai cruciale, cercando di tracciare le prospettive della convivenza, no solo tra religioni, ma nche tra religioni e società civile.

Ingresso libero a tutti gli eventi.

Sul sito internet del Religion Today sono disponibili tutte le informazioni e il ricco programma degli appuntamenti.

EXPLORING THE DIFFERENCES
10>21 ottobre
2014

Religioni, società, cambiamento



Dal 1997 Religion Today è il primo festival internazionale di cinema delle religioni per una cultura del dialogo e della pace.
Il cambiamento come imperativo a cui ognuno è chiamato a rispondere, dalla dimensione interiore a quella relazionale, dalla sfera spirituale  a quella civile. Le religioni di fronte alla sfida di una società globale in continuo e repentino mutamento. La società di fronte ai cambiamenti che le religioni oggi vivono, subiscono e testimoniano. Per la sua XVII edizione Religion Today Filmfestival, grazie alla più recente cinematografia internazionale, intende esplorare i termini e i confini di questo complesso dialogo, oggi più che mai cruciale, cercando di tracciare le prospettive della convivenza, no solo tra religioni, ma nche tra religioni e società civile.

Sono tanti i nuovi appuntamenti per questa diciassettesima edizione del Religion Today Filmfestival. Non solo film, ma anche tavole rotonde, spettacoli di danza sacra, musica, libri e fotografia. Tanti momenti per approfondire un mondo in costante evoluzione.
Anche il Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani, continua la sua collaborazione con il Festival, contribuendo alla premiazione di un film per la sezione "Peace and Human Rights".

Ingresso libero a tutti gli eventi.

Sul sito internet del Religion Today sono disponibili tutte le informazioni e il ricco programma degli appuntamenti.

Afghanistan, infine il dopo Karzai: governo bicefalo, cittadini disillusi

-Giuliano Battiston-

Lunedì 29 settembre si chiuderà il sipario sul lungo governo di Hamid Karzai, al potere dal 2001. Al suo posto, nell’ampia residenza dell’Arg, il palazzo presidenziale di Kabul, si insedierà Ashraf Ghani, la cui nomina verrà suggellata con una cerimonia solenne ma meno festosa del previsto. Gli afghani e la comunità internazionale avrebbero voluto celebrare “il primo trasferimento pacifico e democratico di potere nella storia recente” del paese centroasiatico, ma le cose non sono andate per il verso giusto. La transizione è avvenuta in modo perlopiù pacifico (per gli standard afghani), ma tutt’altro che democratico (perfino per quegli standard).

Da Reset-Dialogues on Civilizations

-Giuliano Battiston-

Lunedì 29 settembre si chiuderà il sipario sul lungo governo di Hamid Karzai, al potere dal 2001. Al suo posto, nell’ampia residenza dell’Arg, il palazzo presidenziale di Kabul, si insedierà Ashraf Ghani, la cui nomina verrà suggellata con una cerimonia solenne ma meno festosa del previsto. Gli afghani e la comunità internazionale avrebbero voluto celebrare “il primo trasferimento pacifico e democratico di potere nella storia recente” del paese centroasiatico, ma le cose non sono andate per il verso giusto. La transizione è avvenuta in modo perlopiù pacifico (per gli standard afghani), ma tutt’altro che democratico (perfino per quegli standard). Ashraf Ghani, ex ministro delle Finanze e rettore dell’università di Kabul, già alto funzionario della Banca mondiale e docente in prestigiose università degli Stati Uniti, è il nuovo presidente della Repubblica islamica d’Afghanistan, ma nessuno può dire con certezza quanto abbiano contribuito le frodi nel determinare la sconfitta dello sfidante, l’ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah.

Dalle urne al negoziato politico

Più che il legittimo risultato del voto, l’elezione di Ashraf Ghani è infatti il frutto di un lungo e defatigante negoziato politico che si è protratto per mesi. Subito dopo il ballottaggio del 14 giugno, Abdullah Abdullah ha denunciato le frodi su “scala industriale” che sarebbero state commesse a suo danno con la complicità di alcuni esponenti della Commissione elettorale indipendente, i quali avrebbero aiutato il tecnocrate Ghani a recuperare il distacco del primo turno, quando tra otto candidati Abdullah Abdullah ottenne il 45% dei voti (2 milioni e 970mila), e Ghani soltanto il 31.5% (circa 2 milioni). All’annuncio dei risultati preliminari del ballottaggio – che attribuivano a Ghani 1 milione di voti in più rispetto ad Abdullah – l’ex consigliere del comandante Massud ha pensato di forzare la mano, mobilitando i suoi sostenitori, organizzando proteste, manifestazioni, picchetti per le strade di Kabul, mentre alcuni membri del suo staff lasciavano trapelare l’ipotesi minacciosa di un governo parallelo e, quindi, di una frattura del paese per linee etniche (tagiki versus pashtun), preludio di una nuova guerra civile.

Abdullah è così riuscito a ottenere il riconteggio totale dei voti, sotto la supervisione delle Nazioni Unite, mentre l’eventualità di un nuovo conflitto ha allarmato la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato: il 12 luglio il segretario di Stato Usa John Kerry è stato inviato a Kabul, dove ha messo subito le cose in chiaro. Senza un accordo politico, ha sostenuto Kerry, gli Stati Uniti avrebbero interrotto ogni forma di sostegno – finanziario e militare – all’Afghanistan, la cui economia si regge prevalentemente sugli aiuti internazionali. L’8 agosto Kerry è tornato nella capitale afghana, dove ha presieduto alla firma di un accordo preliminare per un governo di unità nazionale. Da allora e fino a sabato 20 settembre Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani hanno litigato sulla spartizione del potere. Il primo, convinto di essere stato frodato, chiedeva di più; il secondo, certo di essere eletto presidente, recalcitrante a cedere fette di potere. Domenica 21 settembre finalmente hanno trovato l’intesa e firmato un nuovo, definitivo accordo di 4 pagine, sotto gli occhi di Jan Kubis, rappresentante della missione Onu in Afghanistan (a breve lascerà l’incarico a Nicholas Haysom), dell’ambasciatore statunitense a Kabul, James Cunningham, e del presidente uscente Hamid Karzai. Davanti alle telecamere, si sono detti tutti soddisfatti, ma al di là delle rituali frasi di convenienza rimangono molte incognite.

Cosa prevede il governo di unità nazionale

Nelle 4 pagine firmate da Abdullah e Ghani sotto gli occhi scrupolosi dei partner internazionali si delinea infatti un futuro istituzionale anomalo e precario, perché legato a un governo bicefalo. Il presidente rimane sulla carta la più alta autorità del paese, ma accanto a lui l’accordo introduce una nuova figura istituzionale, quella del Chief Executive Officer (Ceo), che verrà nominato durante la cerimonia per l’insediamento del nuovo presidente e che avrà i poteri di “un primo ministro”. Se al presidente spetta presiedere il Gabinetto di governo (Kabina), con il compito di determinare le scelte strategiche, al Ceo spetta la presidenza di un nuovo organo, il Consiglio dei ministri (Shura-e-Waziran), che ha il compito di monitorare e realizzare le scelte del Gabinetto. Abdullah ha ottenuto inoltre che le nomine più importanti siano divise equamente tra il presidente e il “primo ministro”. Secondo alcune indiscrezioni, i ministri dell’Interno e delle Finanze verranno scelti da Ghani, mentre quelli della Difesa e degli Esteri da Abdullah. Il negoziato politico ha dunque prodotto un prototipo sperimentale di ingegneria istituzionale, che riduce i rischi sul breve periodo ma che rischia di produrne molti in futuro.

Non a caso, tra gli analisti si è aperto il balletto delle previsioni. C’è chi scommette che un simile governo, soggetto a spinte centrifughe prima ancora di essere inaugurato, duri poco. Chi teme, come Scott Smith, direttore dei programmi su Afghanistan e Asia centrale per lo U.S. Institute of Peace, che finisca per “istituzionalizzare la rivalità che ha paralizzato l’Afghanistan nel corso dei mesi passati”, rendendo più difficile quelle riforme nel campo della governance di cui il paese ha disperato bisogno. Chi si dice convinto che le agende politiche di Abdullah e Ghani siano talmente diverse da risultare incompatibili, tanto più nei prossimi mesi, quando verranno meno gli ingenti aiuti finanziari degli stranieri grazie ai quali Karzai si è assicurato negli anni la stabilità politica interna. E c’è infine chi ricorda la sfida più importante che il governo “Ghanidullah” – come è stato ironicamente battezzato – dovrà affrontare: riconquistare la fiducia degli elettori.

Cittadini disillusi

Nel suo primo discorso dopo l’annuncio della vittoria, Ghani ha insistito nel dire che l’accordo trovato con Abdullah non riflette una semplice spartizione del potere, che l’estenuante negoziato rinforza l’unità nazionale ed esclude rischi potenziali di frammentazione interna. Ma più che l’unità nazionale, ad uscire rinforzata da mesi di discussioni, pugni sui tavoli, negoziati notturni, conferenze stampa incrociate, è la disillusione degli afghani. In molti si sono recati alle urne per voltare pagina, per archiviare la lunga parentesi del governo Karzai, per reclamare istituzioni stabili ed efficienti, invocando il primato del voto e della volontà popolare sugli accordi di palazzo di una leadership corrotta e predatoria. A distanza di mesi, si ritrovano con un governo nuovo, sì, ma frutto della forma più antica e meno nobile della politica: la spartizione del potere, negoziata a porte chiuse e imposta dall’esterno.

Da Reset-Dialogues on Civilizations

Cosa succede nel Kurdistan iracheno? Testimonianza della cooperante Chiara Moroni

- a cura di Tommaso Vaccari -

campagna a supporto dei datteri di Bassora è stata uno dei momenti che ha sancito il totale sostegno da parte di UPP alla società civile irachena, supporto che è continuato con una serie di progetti culturali volti a scoprire e a far conoscere la bellezza dell’Iraq.
Per contrastare politiche settarie dovute all’occupazione americana Un Ponte Per... ha poi cominciato una serie di progetti culturali a tutela delle minoranze e del loro prezioso patrimonio, col programma chiamato “Il sapere che resiste” supportato anche dalla Provincia di Bolzano.
Quando, nel 2012, l’emergenza umanitaria dei profughi siriani è cominciata nel Kurdistan iracheno, UPP è stato in prima linea sia nel fornire supporto psico-sociale che nella gestione delle attività di orientamento e mass information per i rifugiati. È all’interno di questo progetto che lavoro io, come Community Mobilization Coordinator per l’area di Duhok. Lavoro essenzialmente nei campi profughi di Domiz, Domiz 2 / Faida, Akre e Gawilan, dove mi occupo della Mass Communication, intesa come scambio di informazioni, emozioni e idee tra la comunità siriana dei campi e i vari attori umanitari (dipartimenti governativi, agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni nongovernative locali e internazionali).
Nel campo di Domiz ( a breve anche in quello di Gawilan) abbiamo uno Youth Friendly Space, per giovani donne e uomini dai 18 ai 35 anni, con a disposizione giochi, libri e computer con accesso a internet. Per loro organizziamo attività di vario genere, tra cui tornei di pallavolo e momenti di ginnastica, danza e yoga per le donne.

Come è visto il vostro intervento da parte della popolazione locale ? Qual'è la situazione attuale? Com'è visto l'avanzare del gruppo estremista Isil?
UPP è ben conosciuta come organizzazione in Iraq, in particolare tra le varie minoranze etniche e religiose. Non stupisce quindi il nostro impegno a favore delle comunità Yazida, cristiana, shabak, turcomanna, mandee e baba bah’i , che apprezzano il nostro continuo supporto in termini di distribuzioni di cibo, latte, materassi, etc.
Ho accompagnato alcuni volontari della Yazidi Solidarity League* durante le distribuzioni per alcune famiglie yazide che si trovano ora a vivere in edificio in costruzione, per strada o sotto i ponti, e ovunque si presenta la stessa scena. Bambini, donne e uomini stremati dal viaggio e dalle condizioni in cui sono ora costretti a vivere, tanta speranza di ritornare un giorno a casa ma anche la paura per le atrocità commesse da quelli che qui chiamano Da’ash.
Per tutti l’Isil è un’organizzazione di terroristi che, in quanto tale, non accetta e uccidono chi non è parte del gruppo o affilliato a loro.

In Italia c'è stato un ampio dibattito sull'invio di armi leggere ai combattenti curdi. UPP ha condiviso con la Rete Italiana per il Disarmo il comunicato contro l'invio delle armi, cosa pensi che possa fare l'Italia e l'Europa? Quale può essere il motore del cambiamento?

Personalmente sottoscrivo il comunicato di UPP e Rete Italiana per il Disarmo. Per quanto la situazione irachena sia complicata e delicata, l’invio di armi non rappresenta né un aiuto né una soluzione alla questione ma, al contrario, contribuisce alla continuazione della guerra ora in corso, con tutte le conseguenze che ben conosciamo sulla popolazione civile irachena e non. Ho ascoltato e conosco solo una minima parte delle tante – troppe – testimonianze di sopravvissuti alla “pulizia culturale” ora in corso in tutto l’Iraq. Queste storie, così come i racconti del mio stesso staff siriano che vive nei campi, mi bastano per essere contraria a un intervento militare, diretto o no, di qualsiasi Paese.
L’Italia e ancor di più l’Unione Europea dovrebbero quindi essere promotrici di azioni volte non solo a dare aiuti umanitaria, ma anche a creare le condizioni per una convivenza pacifica tra le popolazioni della regione. Nell’immediato, per fronteggiare l’avanzata del gruppo estremista, anche io credo che una possibile soluzione sia una forza di interposizione con mandato ONU e funzioni di “peace enforcement” che si attenga strettamente alle regole del diritto internazionale.

Ringraziamo Chiara per averci lasciato questi spunti di riflessione e per il tempo che ci ha dedicato.

 

* Qui il link al sito che stanno costruendo a testimonianza del genocidio yazida

[Fotografia di Chiara Moroni]

Afghanistan, accordo sulla presidenza a Ghani


- Francesco Semprini -
Giunge finalmente a conclusione il processo elettorale iniziato il 14 giugno scorso: «La Commissione ha verificato in base ai voti espressi che Ghani è il nuovo presidente e Abdullah il Chief executive del futuro governo». Ma la pacificazione è lontana, e l’instabilità è grande.

L’accordo c’è, la pacificazione è lontana. Un timido progresso sul futuro dell’Afghanistan è giunto ieri con la firma di un’intesa da parte dei due candidati del ballottaggio presidenziale del 14 giugno, Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani, per la costituzione, una volta annunciato il nome del successore di Hamid Karzai, di un governo di unità nazionale guidato da un presidente e da un «Chief Executive». Questa la notizia giunta nel corso di una sofferta alba domenicale, a cui ha fatto seguito, nel giro di poche ore, l’annuncio del vincitore da parte della Commissione elettorale indipendente (Iec). E’ l’ex ministro delle Finanze, Ghani appunto, che succede così ad Hamid Karzai nel primo trasferimento democratico dei poteri presidenziali della recente storia afghana. 

Tratto da La Stampa

 

- Francesco Semprini -

Giunge finalmente a conclusione il processo elettorale iniziato il 14 giugno scorso: «La Commissione ha verificato in base ai voti espressi che Ghani è il nuovo presidente e Abdullah il Chief executive del futuro governo». Ma la pacificazione è lontana, e l’instabilità è grande.

L’accordo c’è, la pacificazione è lontana. Un timido progresso sul futuro dell’Afghanistan è giunto ieri con la firma di un’intesa da parte dei due candidati del ballottaggio presidenziale del 14 giugno, Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani, per la costituzione, una volta annunciato il nome del successore di Hamid Karzai, di un governo di unità nazionale guidato da un presidente e da un «Chief Executive». Questa la notizia giunta nel corso di una sofferta alba domenicale, a cui ha fatto seguito, nel giro di poche ore, l’annuncio del vincitore da parte della Commissione elettorale indipendente (Iec). E’ l’ex ministro delle Finanze, Ghani appunto, che succede così ad Hamid Karzai nel primo trasferimento democratico dei poteri presidenziali della recente storia afghana. 

«La Commissione ha verificato in base ai voti espressi che Ghani é il nuovo presidente e Abdullah il “Chief executive” del futuro governo», ha detto il presidente della Ies, Ahmad Yousaf Nuristani, ringraziando gli afghani per la partecipazione al processo elettorale. Sembra che Ghani abbia incassato circa 750 mila voti in più del suo avversario, sebbene si taccia sulla cifra ufficiale. L’accordo, assai complesso, sblocca almeno in questa prima fase, un’impasse che dura da mesi e che ha visto Abdullah accusare brogli nel corso della tornata elettorale. Tanto che la Iec ha dovuto procedere a una verifica degli 8,1 milioni di voti espressi nel ballottaggio.

Uno sblocco per il quale è stato determinante l’intercessione del segretario di Stato Usa, John Kerry, e il lavoro delle Nazioni Unite attraverso la missione in Iraq (Unama). L’intesa raccoglie il plauso del Palazzo di Vetro, della Casa Bianca, e di Kerry che ora auspica l’avvio di riforme. Ma in realtà cosa potrebbe celare questa timido progresso? E soprattutto, quanto manca ancora alla pacificazione del Paese? Ne abbiamo parlato con alcune fonti che operano in Afghanistan, secondo cui il rischio è, al di là dei proclami, una ingovernabilità di fatto. 

La formula del «Chief Executive» non ha mai riscosso grande simpatie, anche perché occorre capire quali poteri avrà e che differenza ci sarà con il presidente. Tanto è vero che Abdullah non ha riconosciuto il risultato elettorale con la vittoria di Ghani (data per certa), sino a quando non si è arreso dinanzi a un pragmatico ragionamento. Il punto è che alcuni grandi finanziatori dell’ex ministro degli Esteri impedivano la firma «previa concessione di alcune misure e garanzie a loro favorevoli». Forse queste sono arrivate, ma se non dovessero essere rispettate? L’ostruzionismo diverrebbe antagonismo nei confronti del governo. Tutto questo rischia di influire sulla firma dell’accordo bilaterale con gli Usa e altri Paesi per mantenere parte dei contingenti Isaf. L’Italia che sembrava si mantenesse sugli 800 militari, sembra essere disposta ora, secondo i piani del ministro della Difesa Roberta Pinotti, a lasciarne appena 200, a fronte dei 300 della Spagna, mentre gli Usa puntano sui 9 mila. «Ma a pesare sulla scelta degli italiani e degli spagnoli - spiegano le fonti - è la decisione americana di rimanere o meno nelle province occidentali». 

In caso di alleggerimento in quella regione i contingenti europei sarebbero troppo scoperti e potrebbero decidere di non rimanere. Nel frattempo le condizioni di sicurezza del Paese sono peggiorate: i taleban, fanno la voce grossa, e promettono di scatenare tutta la loro potenza di fuoco una volta avviato il ritiro parziale, mentre nel frattempo non lesinano attentati a obiettivi istituzionali e truppe straniere. L’esercito afghano, perde circa 400 uomini al mese, e «chiede la licenza di uccidere - ci rivelano le fonti - altrimenti sarebbero loro ad essere uccisi, o i taleban immediatamente scarcerati dai giudici». Questo implica che il sistema giudiziario è inaffidabile, viene da chiedersi, finanche corrotto in certi casi. 

E tutto questo mentre le vittime civili sono aumentate del 15% nei primi otto mesi del 2014, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, come rivela il rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu in Afghanistan, Jan Kubis. Parlando dinanzi ai membri del Consiglio di Sicurezza Onu, Kubis ha aggiunto che gli incidenti sul campo, divenuti la causa principale delle vittime civili, hanno causato 2.312 morti e 4.533 feriti. Nel complesso fra gennaio ed agosto vi è stato un aumento, rispetto ai primi otto mesi del 2013, del 16% di donne e del 24% di bambini uccisi o feriti. In un contesto di questo genere, il passo in avanti compiuto con la firma per il governo del Paese, pur facendo ben sperare, appare ancora più timido. E vien da chiedersi: ma esiste davvero un futuro e una coscienza di pacificazione nei destini dell’Afghanistan in perenne conflitto?

Tratto da La Stampa