Solidarietà con il Centro per la Cooperazione Internazionale

Riproponiamo di seguito il messaggio di solidarietà promosso da numerose associazioni del territorio in sostegno al Centro di Cooperazione Internazionale.

“Siamo un gruppo di persone rappresentanti di associazioni e organizzazioni che in questi anni a vario titolo hanno partecipato, collaborato e usufruito dei servizi del Centro per la Cooperazione Internazionale (CCI) di Trento. Siamo fortemente preoccupati per la complessa situazione in cui si trova il CCI a seguito della decisione della Giunta Provinciale di tagliare i fondi ad esso destinati. La Provincia, socio e principale finanziatore del CCI, si è infatti dimostrata indisponibile a cercare un accordo per la rinegoziazione dei radicali tagli di budget decisi per il prossimo triennio. Questo ha portato alla dimissioni del Presidente del Centro Mario Raffaelli e alla decisione da parte del direttivo del Centro di avviare una procedura di licenziamento collettivo di 12 persone. Esprimiamo la nostra più completa solidarietà alle collaboratrici e ai collaboratori del CCI che vedono messo in forse il loro lavoro. In questi anni abbiamo imparato a conoscere bene la loro competenza e la loro professionalità e stiamo soffrendo con loro. E’ soprattutto grazie al loro lavoro se in questi anni il Centro è potuto diventare un riferimento importante a livello internazionale su tematiche come cooperazione allo sviluppo, l‘educazione alla cittadinanza globale, il sistema Europa e i diritti e la libertà di stampa in essa. Lavoro che ha portato lustro e fatto crescere anche il nostro territorio. E proprio per l’importanza che ha il CCI siamo estremamente preoccupati perchè, oltre alla vicinanza “umana” e professionale per la perdita di posti di lavoro, si apre la via ad un inesorabile smantellamento del Centro stesso che, sottolineiamo ancora una volta, è bene comune, un patrimonio di tutte/i noi e non solo del nostro Trentino. Il CCI rappresenta un concreto spazio di incontro e di lavoro per vari soggetti interessati alla cooperazione internazionale e alle forme di sviluppo capaci di far crescere sia il nostro territorio che quelli in cui si sceglie di agire. Uno sviluppo capace di valorizzare le specificità della nostra terra, le esperienze delle nostre variegate comunità e di contribuire ad una loro apertura al mondo. Un luogo di riferimento provinciale, nazionale e internazionale per la formazione, l’analisi la promozione e la produzione della conoscenza su temi come diritti umani, pace, economia solidale e cooperazione internazionale, integrazione europea e della promozione dello sviluppo umano sostenibile. Un luogo di promozione del lavorare in rete tra soggetti trentini, nazionali e internazionali. Un luogo di analisi, informazione, formazione, sensibilizzazione e conoscenza dei complessi scenari internazionali con un’attenzione particolare alle aree di interesse per il nostro territorio cercando al contempo di rafforzare le capacità di studenti, cittadini e attori territoriali nel misurarsi tra dinamiche locali e globali. In questi anni il Centro ha contribuito notevolmente a migliorare la qualità del sistema di cooperazione internazionale del Trentino e la sua professionalizzazione con attività di consulenza, valutazione e monitoraggio iniziando anche a coinvolgere imprese interessate ad investire nello sviluppo economico in ambito di cooperazione internazionale. Ed è da queste riflessioni che continuiamo ad essere convinti che il CCI possa dare ancora molto al nostro territorio, diventando sempre più un valido strumento di supporto per le politiche trentine e per contribuire a dare prestigio al nostro territorio garantendogli al contempo “l’apertura al Mondo”, certamente non ingenua, di cui c’è necessità in questi tempi. Come continuiamo ad essere certi che vada salvaguardato quel patrimonio importante che si costruisce sulle organizzazioni che si occupano di cooperazione internazionale, di aiuti concreti qui e lì e che nel Centro trovano uno spazio di sostegno, riflessione, crescita. Ci associamo quindi all’appello rivolto in questi giorni da dipendenti del CCI e sindacati ai soci del Centro stesso: Provincia autonoma di Trento, Università di Trento, i Comuni di Trento e di Rovereto, Fondazione Campana dei Caduti “affinché si assumano un impegno concreto rispetto al futuro del CCI e delle sue lavoratrici e lavoratori.” Preoccupati ci rendiamo però sempre più conto che il CCI è solo una parte di un modello di territorio “aperto all’altro” che evidentemente non ha ancora trovato interesse nel nostro governo, in questo momento. Siamo preoccupati perché questo clima di muro contro muro non aiuta nessuno, non sono tecnicismi le persone che possono perdere il posto di lavoro, non possiamo esserne indifferenti e purtroppo qui non ci sono infatti solo in ballo i posti di lavoro del Centro, a breve varie nostre associazioni saranno costrette a ridimensionare le proprie strutture ed azioni a causa dei tagli al sistema di cooperazione allo sviluppo. Ma molto ancora si può fare assieme, se prevale la buona volontà e la voglia di un ascolto reciproco tra Provincia Autonoma di Trento e mondo della cooperazione, che ribadiamo a gran voce cresce e opera per sostenere la nostra terra trentina che da sempre è stata solidale e capace di farsi carico anche delle sofferenze lontane. Auspichiamo quindi una riflessione generale sul “Trentino che vogliamo” partendo proprio dal fondamentale contributo che l’apertura al Mondo può dare al nostro stesso territorio. Chiediamo a gran voce anche al nuovo Assessore alla Cooperazione allo sviluppo Gottardi di sedersi insieme a noi, alle donne e uomini del Centro per trovare insieme una nuova soluzione. Facciamolo insieme anche ad altre Istituzioni, Chiesa, Università, imprese e tutti i soggetti disposti a dialogare sul nostro futuro, per individuare le preziose specificità e i punti di forza dell’esperienza trentina e, nel contempo, individuare assieme elementi di innovazione da studiare e sviluppare, capaci di rendere più efficace il settore e di capitalizzare il suo contributo allo sviluppo del territorio. Possiamo dire sin da ora che il mondo della cooperazione saprà responsabilmente fare la propria parte per quel bene comune che chiamiamo Trentino capace di aprirsi ad uno sguardo attivo al Mondo nel solco della giustizia sociale e della solidarietà.”

Le/i firmatarie/i:

Massimiliano Pilati, Katia Malatesta – Forum Trentino per la pace e i diritti umani;
Lorenzo De Petro – Comitato territoriale Arcigay del Trentino;
Laura Bettini, Maurizio Camin; Trentino con i Balcani;
Roberto Pinter, Luciana Chini – Trentino for Tibet;
Erica Mondini, Pier Francesco Pandolfi – Pace per Gerusalemme – Il Trentino e la Palestina Onlus;
Raffaele Crocco – Associazione 46° Parallelo;
Pierino Martinelli – Fondazione Fontana;
Luisa Zanotelli – Tam Tam Korogocho;
Paulo Lima – Viracao;
Stefano Vernucchio – Solidarietà Vigolana;
Emilia Ceolan – Mlal Trentino;
Maria Grazia Sighele – Gruppo Autonomo Volontari;
Fendros Myrrina – Children of the sea;
Mauro Dossi – Associazione il Melograno Brentonico;
Lorenzo Brandolani – Associazione Mazingira;
Fiorenza Aste – Associazione Maloca;
Silvia Cristina Zangrando – Associazione Amici Trentini;
Leonora Zefi – Associazione Teuta;
Jabe Daka Zebenay – Associazione Amici dell’Etiopia;
Pina Gottardi – Cooperativa Villa S. Ignazio;
Luisa Bonetti – Amici di Villa S. Ignazio;
Ezio Chini – Associazione FratelVenzo;
Dario Pedrotti – Associazione Progetto Prijedor;
Laura Paternoster – Gruppo Trentino di Volontariato;
Pier Luigi Mariani – Associazione Nadir;
Franca Cazzani – Associazione Arcoiris;
Santo Boglioni – Associazione Comunità Gruppo 78;
Sandra Decarli – Associazione A World Home for Youth;
Fosca Pavanini – Coopi Trentino;
Michele Toccoli – Docenti Senza Frontiere;
Armando Stefani – Consorzio Brasil Trentino;
Chiara Ghetta – Associazione Tremembè;
Francesca Boldrin, Adelmo Calliari, Maddalena Zorzi – Associazione ACCRI;
Elisabetta Murdaca – Associazione Grande Quercia;
Carlo Risatti – Gruppo Missionario Alto Garda e Ledro;
Fulvio Gardumi – Rete Radiè Resch;
Silvia Valduga – Associazione Italia-Nicaragua;
Giovanna Luisa Rama – A scuola di Solidarietà;
Erio Korani – Associazione Rinia Riva del Garda;
Fausto Gardumi – Associazione una scuola per la vita;
Armin – Associazione la Cometa;
Paolo Rosatti – Consorzio Associazioni con il Mozambico;
Elisabetta Antonelli, Andrea Trentini, Ivonne Peroni, Federica Manfrini, Marzia Simoncelli – Comitato delle Associazioni per la Pace e i Diritti Umani.

Inizio del nuovo progetto di Servizio civile

Il 1° dicembre ha avuto inizio il nuovo progetto di Servizio civile “NarrAzioni: giovani per la pace e i diritti umani”, esperienza rivolta ai ragazzi tra i 18 e i 28 anni con una durata di dodici mesi. L’obiettivo del progetto proposto dal Forum trentino per la pace e i diritti umani consiste nel favorire lo sviluppo formativo e personale di due ragazzi/e portando l’attenzione su diversi temi come i diritti umani, la cittadinanza globale, la cooperazione internazionale e la sostenibilità. Tra le varie attività proposte, ai giovani è richiesto di progettare eventi pubblici, partecipare alla realizzazione di incontri nelle scuole e gestire la comunicazione del Forum.

A mettersi in gioco quest’anno saranno Maddalena Recla e Gabriele Piamarta.
Maddalena è una ragazza trentina di 25 anni, laureata in Sviluppo Locale e Globale presso l’Università di Bologna. Desiderosa di mettersi alla prova con una nuova esperienza, Maddalena decide di partecipare al progetto di Servizio civile del Forum in cerca di un ambiente dinamico e ricco di stimoli.
Gabriele invece è un ragazzo diciannovenne, diplomato al liceo scientifico A.Rosmini di Rovereto, sua città natale. Con tante idee e strade differenti nella testa e voglia di mettersi in gioco, Gabriele decide di aderire al progetto proposto dal Forum per crescere ma allo stesso tempo provare, nel suo piccolo, a cambiare qualcosa di quella parte della società che non si rispecchia con i suoi ideali.

Nei primi giorni di dicembre, Gabriele e Maddalena hanno avuto la possibilità di conoscere le ragazze del progetto precedente, Cristina Mazzero e Alessia Zanini. In queste giornate Cristina e Alessia hanno condiviso la loro esperienza relativa al programma di Servizio civile nazionale “Giovani ed enti in rete per la cittadinanza globale”. Il bilancio presentato risulta estremamente positivo: le ragazze durante l’anno hanno avuto modo di sperimentare e conoscere numerose realtà del territorio e di partecipare attivamente alla promozione della cultura di pace. L’insieme delle attività svolte ha permesso loro di comprendere pienamente il ruolo e l’operato del Forum e acquisire nuove competenze. Inoltre, grazie al lavoro svolto in co-progettazione con altri enti come Docenti senza Frontiere, Associazione Trentino con i Balcani, Mazingira ODV, CAM (Consorzio Associazioni Mozambico) e GTV (Gruppo Trentino di Volontariato), Cristina e Alessia sono riuscite a sviluppare “Coglila“, una campagna di sensibilizzazione sulla cooperazione internazionale.

“1989-2019: IL MURO DI IERI, I MURI DI OGGI” – I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Con l’avvicinarsi del 30° anniversario della caduta del muro di Berlino, che sarà celebrato il prossimo 9 novembre, proseguono e si intensificano gli appuntamenti della rassegna “1989-2019. Il muro di ieri, i muri di oggi”, organizzata da un’ampia rete di associazioni, partner scientifici e istituzionali con il coordinamento del Forum trentino per la pace e di diritti umani. Attraverso una ricca proposta di incontri, spettacoli, proiezioni, mostre e presentazioni di libri, l’iniziativa intende moltiplicare gli approcci e i punti di vista con l’obiettivo di rileggere uno snodo cruciale della storia del Novecento e al contempo riflettere in modo ampio e problematizzante sui muri fisici e immateriali del nostro presente.

La settimana si aprirà con l’anteprima del film di Werner Herzog e André Singer Herzog incontra Gorbaciov (2018), in programma lunedì 4 novembre alle ore 21 presso il cinema Astra, con il commento di Lorenzo Gardumi, storico della Fondazione Museo storico del Trentino, e Katia Malatesta, vicepresidente del Forum trentino per la pace e i diritti umani. Significativa espressione del nuovo documentario d’autore, il film raccoglie le tre interviste che nell’arco di sei mesi hanno messo a confronto il maestro del cinema tedesco con l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica, protagonista nella catena di eventi che portarono alla dissoluzione dell’URSS e alla riunificazione della Germania. Il racconto degli anni che segnarono la fine della Guerra fredda e del “secolo breve” si arricchisce di accensioni ironiche e istanti intimi; le parole di Herzog e dell’anziano leader sono intervallate da immagini d’archivio e contributi di altri protagonisti di quella stagione, come George P. Schultz, segretario di Stato USA durante la presidenza Reagan, Lech Walesa, ex leader di Solidarność e presidente della Polonia, e Horst Teltschik, consulente alla sicurezza nazionale per Helmut Kohl.

Tornare a parlare della ‘Berliner Mauer’, rintracciandone la storia e le finalità politiche, permette anche di mettere in prospettiva il fenomeno dei nuovi muri, costruiti per tre quarti dopo il 1989. Su questo doppio binario si svilupperà l’incontro in calendario martedì 5 novembre, alle ore 17, presso l’Aula Grande della Fondazione Bruno Kessler. Una selezione di servizi e trasmissioni della Rai andati in onda tra il 9 novembre e il 31 dicembre 1989 – da Samarcanda a Rosso di Sera, da Linea Verde a Il Vento della Libertà – offrirà materia per ricostruire l’interpretazione “in diretta” della caduta del Muro di Berlino proposta dalla televisione nazionale, e per comprendere appieno il concetto stesso di “muro” e il suo ritorno in un tempo in cui, cadute le ideologie, restano le macerie e tornano le paure di fronte a situazioni geopolitiche sempre più instabili. Ne parleranno il giornalista Raffaele Crocco, autore della ricerca negli archivi Rai, e Pietro S. Graglia, autore del volume Il muro, Berlino e gli altri (edizioni People 2019), con il coordinamento di Maurizio Cau, ricercatore dell’Istituto Storico Italo-Germanico della Fondazione Bruno Kessler (FBK-ISIG).

Mercoledì 6 novembre, dalle ore 21, si tornerà a leggere la storia con gli occhi della settima arte. Il cinema Astra ospiterà infatti un primo saggio del progetto della casa di distribuzione indipendente Reading Bloom “1989-2019 Trent’anni senza muro”, volto a presentare al pubblico italiano uno spaccato di vita nelle due Germanie a cavallo di quello storico spartiacque. Katia Malatesta e Maurizio Cau presenteranno il documentario Winter Adé (Addio inverno), diretto da Helke Misselwitz nei primi mesi del 1989. Nell’opera della regista, classe 1947, protagoniste sono le donne, che rivelano frustrazioni, speranze e aspirazioni personali e professionali nel contesto di una DDR prossima alla caduta. La fredda luce invernale e i resti di neve sporca completano l’immagine di una realtà del tutto diversa da quella che allora veniva propagata dal Partito di Unità Socialista. Winter Adé, con il suo titolo profetico e i suoi quadri di esistenze non appagate, è considerato uno dei pochi film veramente femministi che la RDT abbia mai prodotto.

La rassegna sarà quindi anche l’occasione per richiamare il rapporto tra storia e media, e in particolare l’influenza che i media esercitano sugli eventi storici, e per sondare la complessità e l’impatto dei fenomeni cinematografici e televisivi, tra generi, convenzioni rappresentative, tecniche e usi, in dialogo vitale con i modelli culturali e con l’evoluzione sociale.

Per vedere i prossimi appuntamenti, consulta il nostro programma.

1989-2019: il Muro di ieri, i muri di oggi

incontri – spettacoli – libri – cinema – mostre

19 ottobre – 26 novembre 2019

 

Domenica 20 ottobre, ore 20.30
Trento, Teatro Sociale
Spettacolo teatrale DIE MAUER – IL MURO
La pièce di Marco Cortesi e Mara Moschini è storia vera di chi ha avuto il coraggio di sfidare e far cadere il muro che ha tenuto divisa una città e i suoi abitanti per 28 anni, provocando la morte di centinaia di persone. Sul luogo è allestita la mostra dei lavori realizzati dagli studenti del liceo artistico di Fano. Organizzano: DSF – Docenti Senza Frontiere, ANA – sezione di Trento.

Mercoledì 23 ottobre, ore 20.30
Mattarello, Centro Civico, Sala A. Perini
Incontro MURI NON SERVONO PIETRE
Presentazione della nona edizione dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo curato dall’Associazione 46° Parallelo. Interviene l’ideatore e direttore Raffaele Crocco. Nell’ambito dell’iniziativa “Guerra/Pace, Muri /Ponti e Diritti Umani”, promossa da Fondo Progetti di Solidarietà, Circolo ACLI, Progetto Prijedor, Docenti Senza Frontiere, Gruppo Missionario di Mattarello.

Lunedì 28 ottobre, ore 18.30
Trento, Libreria Due Punti
Presentazione del libro I GIORNI PIÙ LUNGHI DEL SECOLO BREVE
Il saggio di Andrea Coccia (Ledizioni 2019) è una strepitosa cavalcata sulle onde del passato recente vista da angolazioni inusuali: andando a recuperare biografie perdute, ritagli di giornale e video d’epoca, Coccia ha costruito un racconto e una cronologia precisi come un orologio, inesorabili come i meccanismi della Storia. Interviene l’autore in dialogo con Sara Zanatta. Organizza: Libreria Due Punti.

Mercoledì 30 ottobre, ore 20.30
Mattarello, Centro Civico, Sala A. Perini
Incontro ESSERE PIETRE VIVE, CHE COSTRUISCONO PONTI E NON MURI!
Conversazione tra Paul Renner, filosofo, e Massimiliano Pilati, presidente Forum trentino per la pace e i diritti umani. Nell’ambito dell’iniziativa “Guerra/Pace, Muri /Ponti e Diritti Umani”, promossa da Fondo Progetti di Solidarietà, Circolo ACLI, Progetto Prijedor, Docenti Senza Frontiere, Gruppo Missionario di Mattarello.

Lunedì 4 novembre, ore 21.00
Trento, Cinema Astra
Proiezione del film HERZOG INCONTRA GORBACIOV
Il documentario, di Werner Herzog e Andre Singer (UK, USA; Germania 2018, 90’), porta sullo schermo i tre incontri tra un maestro del cinema e l’ultimo Presidente dell’Unione Sovietica, gettando una nuova luce su alcuni degli eventi della fine del Novecento. Presentazione e commento a cura di Lorenzo Gardumi, storico della Fondazione Museo storico del Trentino, e Katia Malatesta, vicepresidente Forum trentino per la pace e i diritti umani. Organizzano: Cinema Astra e Forum trentino per la pace e i diritti umani.
Biglietto: 8,50 Euro, ridotto 7 Euro.

Martedì 5 novembre, ore 17.00
Trento, Fondazione Bruno Kessler, Aula Grande
Incontro IL MURO. BERLINO E GLI ALTRI
Da Samarcanda a Rosso di Sera, da Linea Verde a Il Vento della Libertà. Una selezione di servizi e trasmissioni della Rai, andati in onda tra il 9 novembre 1989 e il 31 dicembre dello stesso anno, offrirà materia per una riflessione sul racconto “in diretta” della caduta del Muro di Berlino proposto dalla televisione nazionale, e per un’ampia conversazione sui muri del passato e del presente. Interverranno il giornalista Raffaele Crocco, che ha condotto la ricerca negli archivi Rai, e Pietro S. Graglia, autore del volume Il muro, Berlino e gli altri (edizioni People 2019), in dialogo con Maurizio Cau, ricercatore dell’Istituto Storico Italo-Germanico della Fondazione Bruno Kessler (FBK-ISIG). Organizzano: Forum trentino per la pace e i diritti umani, FBK-ISIG, Libreria Due Punti. Con il patrocinio della Rai.

Mercoledì 6 novembre, ore 21.00
Trento, Cinema Astra
Proiezione del film WINTER ADÉ (Addio inverno)
Il documentario di Helke Misselwitz (DDR, 1989, 112’, V.O. con sottotitoli italiani), dal progetto 1989-2019 Trent’anni senza muro della casa di distribuzione indipendente Reading Bloom, rivela le frustrazioni, speranze e aspirazioni personali e professionali delle donne di varia età e provenienza intervistate dalla regista poco prima del crollo della DDR, in un viaggio in treno attraverso il paese. Ne emerge il quadro commovente di una società in via di trasformazione e liberazione. Presentazione e commento a cura di Maurizio Cau, ricercatore FBK-ISIG, e Katia Malatesta, vicepresidente Forum trentino per la pace e i diritti umani. Organizza: Forum trentino per la pace e i diritti umani e Cinema Astra.
Biglietto: 3 Euro.

Venerdì 8 novembre, ore 21.00
Rovereto, Smart Lab
Spettacolo teatrale L’ELICOTTERO A PEDALI. FUGA PER LA LIBERTÀ
Il monologo scritto e interpretato da Gianluca Cicinelli racconta uno dei più improbabili tentativi di fuga dalla Germania Est prima della caduta del Muro. Racconta il sogno coltivato per anni e finalmente messo in pratica da una persona che non ha accettato di rassegnarsi all’ingiustizia. E alla fine anche tu vorrai guadagnarti la tua libertà perduta volando almeno per qualche secondo sull’elicottero a pedali. Organizza: ANPI Vallagarina e Casa per la pace di Rovereto.

Sabato 9 novembre, ore 11.00
Trento, Le Gallerie
Inaugurazione della mostra 100 MARCHI – BERLINO 2019
Un progetto artistico del fotografo Tommaso Bonaventura, sviluppato in collaborazione con Elisa Del Prete. A trent’anni dal 1989, la vita prima e dopo la caduta del muro di Berlino attraverso le biografie dei cittadini della DDR. La mostra è prodotta da: Fondazione Museo storico del Trentino (Trento), Museo del Risparmio (Torino), CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia (Torino) e Archivio Storico Istituto Luce (Roma). Organizza: Fondazione Museo storico del Trentino.

Sabato 9 novembre, ore 18.00
Trento, Palazzo Geremia, Sala Falconetto
Incontro con Andrea Purgatori: IL ROMANZO E LA STORIA
Nell’anniversario della caduta del Muro di Berlino, Andrea Purgatori, uno dei più amati sceneggiatori e giornalisti investigativi italiani, presenta il suo romanzo Quattro piccole ostriche (edizioni HarperCollins, 2019), thriller spionistico che rimanda proprio a quella notte indimenticabile di trent’anni fa. L’intervento, in dialogo con Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo storico del Trentino, sarà anche l’occasione per gettare uno sguardo di prospettiva sugli anni della caduta in rapporto con il nostro presente. Con il saluto dell’Assessore alla Cultura del Comune di Trento, Corrado Bungaro; modera la giornalista Fausta Slanzi. Organizzano: Forum trentino per la pace e i diritti umani, Comune di Trento, Libreria Due Punti.
Mercoledì 13 novembre ore 21.00
Trento, Cinema Astra
Proiezione del film VERRIEGELTE ZEIT (Tempo bloccato)
Il documentario di Sybille Schönemann (Germania, 1990, 94, V.O. con sottotitoli italiani’), dal progetto 1989-2019 Trent’anni senza muro della casa di distribuzione indipendente Reading Bloom, ripercorre gli abusi subiti dalla stessa autrice quando era regista nella Germania dell’Est. Nel 1984, lei e suo marito furono arrestati dalla Stasi e incarcerati per poi essere esiliati nella Germania occidentale. Dopo la riunificazione, Sybille torna in patria con una troupe cinematografica per incontrare i suoi “carnefici”, che non mostrano alcun rimorso. Presentazione e commento a cura di Maurizio Cau, FBK-ISIG, e Patrizia Marchesoni, vicedirettrice Fondazione Museo storico del Trentino. Organizzano: Cinema Astra e Fondazione Museo storico del Trentino.
Biglietto: 3 Euro.

Venerdì 15 novembre, ore 17.30
Le Gallerie, Trento
Presentazione del libro IL SILENZIO DEI SATELLITI
Dopo lo straordinario romanzo Eravamo dei grandissimi, Clemens Mayer, considerato uno dei maggiori scrittori tedeschi contemporanei, letto e apprezzato anche a livello internazionale, incanta con un’opera, pubblicata in Italia dall’editore Keller, che racconta di battaglie perse e desideri travolgenti, mettendo a fuoco le mille facce del nostro tempo. Interviene l’autore in dialogo con la traduttrice Roberta Gado. Organizza: Fondazione Museo storico del Trentino.

Martedì 26 novembre, ore 18.30
Trento, Libreria Due Punti
Presentazione del libro L’EUROPA IN VIAGGIO
Il volume di Marco Magnone (add editore 2019) evoca scenari diversi: dalla marea di persone che la notte del 9 novembre 1989 con un solo passo ha superato il muro di Berlino, ai controlli di polizia dei migranti che si affollano alle frontiere balcaniche, dagli scambi universitari alle politiche comunitarie e al loro impatto sulla vita quotidiana dei cittadini. Viaggiando tra l’Europa dei muri e l’Europa dei ponti, il saggio innesca il dibattito su quali valori devono guidare oggi il progetto europeo. Interviene l’autore in dialogo con Sara Hejazi. Organizza: Libreria Due Punti.

Dove non diversamente indicato, l’ingresso è libero e gratuito.

Il programma potrà subire variazioni.

Presidio in difesa del popolo Curdo

Il Forum Trentino per la pace e i diritti umani aderisce alla manifestazione in difesa del Popolo Curdo che avrà luogo

MERCOLEDI’ 16 OTTOBRE ORE 17.00 – 19.00 , in PIAZZA M. PASI A TRENTO (ATTENZIONE MODIFICA: CAUSA ADESIONI NUMEROSE IL PRESIDIO E’ SPOSTATO IN PIAZZA D’AROGNO)

In questi giorni viviamo con angoscia quanto sta accadendo nella zona al confine tra Turchia e Siria, regione già funestata da una guerra cruenta di molti anni che ha prodotto innumerevoli vittime, soprattutto tra i civili.
Il Presidente della Turchia Erdoğan ha dato avvio ai bombardamenti e all’avanzata dell’esercito nelle zone storicamente abitate dalle popolazioni curde. Con la scusa della lotta al terrorismo questa ennesima escalation della violenza in questa zona sta portando solo a rovesciare sui civili inermi la follia della guerra e dei bombardamenti. E dove non porterà morte si stanno costringendo altre persone a scappare e a vivere una vita da profughi.

Come società civile, come Comuni, come istituzioni dobbiamo chiedere con forza al Governo italiano, alla UE ed all’ONU di fare tutto il possibile per fermare subito questa nuova tragedia e di adoperarsi con urgenza in tutti i modi possibili. In accordo con altre realtà italiane chiediamo che si avvii immediatamente una forte e decisa azione diplomatica perché:

• cessino immediatamente le ostilità e si fermino le manovre di invasione del territorio siriano abitato storicamente dalla popolazione curda;

• si dia mandato senza esitazioni a una delegazione internazionale che garantisca in loco la fine delle ostilità, il rispetto dei confini, il diritto internazionale;

• si apra una sessione di discussione dedicata, tanto nel Parlamento europeo quanto in quello italiano;

• si chieda che il caso sia messo con urgenza all’ordine del giorno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Chiediamo infine al nostro Governo l’immediata sospensione delle forniture di materiali militari alla Turchia, in considerazione dell’offensiva in corso nei confronti delle popolazioni curde.

Sulle Tracce del Treno della Memoria

L’Associazione Terra del Fuoco Trentino organizza “Sulle orme del treno della memoria”, un percorso progettuale che vuole essere un’occasione di riflessione attiva sulla Storia e sulla Memoria per come vengono raccontate dai luoghi della Shoah. Prendere coscienza del nostro passato è infatti il primo passo per favorire lo sviluppo di una cittadinanza attiva e responsabile, non sono nei giovani ma anche negli adulti.

Il progetto è infatti rivolto a chi ha più di 25 anni ed ha voglia di mettersi in gioco in maniera esperienziale su questi temi. Il viaggio sarà dal 13 al 17 Novembre 2019 e avrà come meta Cracovia; trovate tutte le informazioni e il format da compilare per partecipare alla loro pagina Facebook.