Il custode del Santo Sepolcro

– di Martina Camatta –

 

Il custode del Santo Sepolcro

La Chiesa del Santo Sepolcro è il luogo più importante della cristianità. Per mantenere la pace fra le varie confessioni cristiane (cattolici, ortodossi, armeni, copti e siriaci) che lungo la storia si sono contese il luogo della sepoltura di Gesù, fin dal 1192 la chiave del Santo Sepolcro venne affidata alla famiglia musulmana Nuseibeh che ancora oggi, grazie alla regola dello “Status quo”, ne cura la custodia. Una storia di grande valore storico culturale ed un esempio di terzietà nell’elaborazione del conflitto. Venerdì 12 e sabato 13 novembre sarà a Trento Wajeeh Nusseibeh, custode del Santo Sepolcro di Gerusalemme, protagonista di due incontri sul tema del dialogo interreligioso.

– di Martina Camatta –

Il custode del Santo Sepolcro

La Chiesa del Santo Sepolcro è il luogo più importante della cristianità. Per mantenere la pace fra le varie confessioni cristiane (cattolici, ortodossi, armeni, copti e siriaci) che lungo la storia si sono contese il luogo della sepoltura di Gesù, fin dal 1192 la chiave del Santo Sepolcro venne affidata alla famiglia musulmana Nuseibeh che ancora oggi, grazie alla regola dello “Status quo”, ne cura la custodia. Una storia di grande valore storico culturale ed un esempio di terzietà nell’elaborazione del conflitto. Venerdì 12 e sabato 13 novembre sarà a Trento Wajeeh Nusseibeh, custode del Santo Sepolcro di Gerusalemme, protagonista di due incontri sul tema del dialogo interreligioso.

Lo “Status quo”, una regola per il dialogo

Incontro con Wajeeh Nuseibeh Custode del Santo Sepolcro in dialogo con il professor Silvano Bert e Padre Francesco Patton, Provinciale dei Francescani del Trentino

Venerdì 12 novembre 2010, ore 17.30

Trento, Biblioteca di San Bernardino, via Venezia 10

(posti limitati, è gradita la prenotazione allo 0461 213176)

Nel cuore della storia

Incontro con Wajeeh Nuseibeh Custode del Santo Sepolcro in dialogo con il teologo Paul Renner, Padre Giorgio Butterini e Aboulkheir Breigheche Presidente della Comunita’ Islamica del Trentino A/A.

Accompagnamento musicale del Trio Turchese: Corrado Bungaro, viola d’amore a chiavi, Helmi M’Hadhbi, oud, John Salins, tablas.

Alla fine del dibattito seguirà visita guidata gentilmente offerta dalla Sopraintendenza dei Beni Librari ed Archeologici con la dott.ssa Luisa Moser.

Sabato 13 novembre, ore 17.00

Trento, sito archeologico di Piazza Battisti

(ingresso libero)

L’alba di ogni mattina vede entrare nel cortile del Santo Sepolcro Wajeeh Nusseibeh, un uomo di piccola statura con i baffetti grigi che tiene in mano un mazzo di chiavi. Infila la chiave in una serratura lunga 15 centimetri, apre la porta della chiesa cristiana di Gerusalemme e ritorna a chiuderla alle 7 di sera. Rituale che si ripete due volte al giorno dal 1192 quando il Saladino assegnò la custodia delle chiavi del Santo Sepolcro alla famiglia musulmana Nusseibeh, i cui discendenti da molti secoli con orgoglio e onore si tramandano la custodia della chiave dell’unica porta d’ingresso, sulla quale nessuna chiesa ha diritto. Nel 1852 per porre fine alle controversie tra la Chiesa ortodossa greca e la Chiesa apostolica romana venne emanato un decreto passato alla storia come Statu quo. Esso sancisce e regola la gestione della Chiesa del Santo Seplcro da parte delle comunità cristiane dando precise indicazioni riguardo agli spazi, agli orari e ai tempi delle funzioni e a tutto ciò che concerne il coordinamento del luogo santo.

Magnifico esempio del principio di terzietà nell’unica città santa per due delle tre principali religioni monoteistiche, luogo in cui preti greco-ortodossi, copti, cattolici, armeni ogni giorno possono praticare la propria fede all’insegna della pluralità religiosa e della ricerca della verità all’interno della Chiesa del Santo Sepolcro, le cui chiavi vengono custodite rispettosamente dal musulmano Wajeeh Nusseibeh.

Afghanistan: appello per la pace

– di Mons. Raffaele Nogaro, Padre Alex Zanotelli e altri –

 
Afghanistan: appello per la pace

Stiamo entrando nel decimo anniversario della guerra contro l’Afghanistan: è un momento importante per porci una serie di domande. In quel lontano e tragico 7 ottobre 2001 il governo USA , appoggiato dalla Coalizione Internazionale contro il terrorismo, ha lanciato un attacco aereo contro l’Afghanistan. Questa guerra continua nel silenzio e nell’indifferenza, nonostante l’infinita processione di poco meno di 2.000 bare dei nostri soldati morti. Che si tratti di guerra è ormai certo, sia perché tutti gli eserciti coinvolti la definiscono tale ,sia perché il numero dei soldati che la combattono e le armi micidiali che usano non lasciano spazio agli eufemismi della propaganda italiana che continua a chiamarla “missione di pace”.

– di Mons. Raffaele Nogaro, Padre Alex Zanotelli e altri –

 
Afghanistan: appello per la pace

Stiamo entrando nel decimo anniversario della guerra contro l’Afghanistan: è un momento importante per porci una serie di domande. In quel lontano e tragico 7 ottobre 2001 il governo USA , appoggiato dalla Coalizione Internazionale contro il terrorismo, ha lanciato un attacco aereo contro l’Afghanistan. Questa guerra continua nel silenzio e nell’indifferenza, nonostante l’infinita processione di poco meno di 2.000 bare dei nostri soldati morti. Che si tratti di guerra è ormai certo, sia perché tutti gli eserciti coinvolti la definiscono tale ,sia perché il numero dei soldati che la combattono e le armi micidiali che usano non lasciano spazio agli eufemismi della propaganda italiana che continua a chiamarla “missione di pace”.

Si parla di 40.000 morti afghani (militari e civili), e il meccanismo di odio che si è scatenato non ha niente a che vedere con la pace. Come si può chiamare pace e desiderare la pace, se con una mano diciamo di volere offrire aiuti e liberazione e con l’altra impugniamo le armi e uccidiamo?

La guerra in Afghanistan ha trovato in Italia in questi quasi 10 anni unanime consenso da parte di tutti i partiti – soprattutto quando erano nella maggioranza – e di tutti i governi. Rileggere le dichiarazioni di voto in occasione dei ricorrenti finanziamenti della “missione” rivela – oltre devastanti luoghi comuni e diffuso retorico patriottismo – un’ unanimità che il nostro Parlamento non conosce su nessun argomento e problema. Perché solo la guerra trova la politica italiana tutta d’accordo? Chi ispira questo patriottismo guerrafondaio che rigetta l’articolo 11 della nostra Costituzione?

L’elenco degli strumenti di morte utilizzati è tanto lungo quanto quello dei cosiddetti “danni collaterali” cioè 10.000 civili ,innocenti ed estranei alla stessa guerriglia, uccisi per errore. Ma la guerra non fa errori ,poiché è fatta per uccidere e basta.

Noi vogliamo rompere le mistificazioni, le complicità e le false notizie di guerra che condannano i cittadini alla disinformazione, che orientano l’opinione pubblica a giustificare la guerra e a considerare questa guerra in Afghanistan come inevitabile e buona. La guerra in Iraq, i suoi orrori e la sua ufficiale conclusione hanno confermato negli ultimi giorni la totale inutilità di queste ‘missioni di morte’. Le sevizie compiute nel carcere di Abu Ghraib e in quello di Guantanamo, i bombardamenti al fosforo della città di Falluja nella infame operazione Phantom Fury non hanno costruito certo né pace né democrazia, ma hanno moltiplicato in Iraq il rancore e la vendetta. Altrimenti perché sono orami centinaia i soldati degli Stati Uniti, del Canada e del Regno Unito che si suicidano, dopo essere tornati dall’ Iraq e dall’ Afghanistan? Cosa tormenta la coscienza e la memoria di questi veterani? Cosa hanno visto e cosa hanno fatto che non possono più dimenticare?Dall’inizio della guerra in Afghanistan ci sono più morti fra i soldati tornati a casa che tra quelli al fronte :si susseguono i suicidi dei veterani negli USA.

Tutto il XX secolo ha visto la nostra nazione impegnata a combattere guerre micidiali ed inutili nelle quali i cattolici hanno offerto un decisivo sostegno ideologico. Ancora troppo peso grava sulla coscienza dei cattolici italiani per avere esaltato, pregato e partecipato alla I guerra mondiale e tanto più ancora all’omicida guerra coloniale in Abissinia.”Ci presentavano l’Impero come gloria della patria!- scriveva Don Milani nella celebre lettera ai giudici L’obbedienza non è più una virtù.Avevo 13 anni. Mi pare oggi. Saltavo di gioia per l’Impero. I nostri maestri si erano dimenticati di dirci che gli Etiopici erano migliori di noi. Che andavamo a bruciare le loro capanne con dentro le loro donne e i loro bambini, mentre loro non ci avevano fatto proprio nulla. Quella scuola vile, consciamente o inconsciamente non lo so, preparava gli orrori di tre anni dopo… E dopo essere stato così volgarmente mistificato dai miei maestri….vorreste che non sentissi l’obbligo non solo morale, ma anche civico, di demistificare tutto?”

Forse conoscere la storia dei tanti eccidi criminali compiuti dai militari, dagli industriali, dai servizi segreti nella nostra storia contemporanea aiuterà i giovani a formarsi una coscienza politica e un senso critico. Tanto da renderli immuni dalla propaganda che vuole soltanto carpire consenso e impegnarli in imprese di morte come la guerra in Afghanistan, nella quale facciamo parte di una coalizione che applica sistematicamente la tortura – come nel carcere di Bagram e nelle prigioni clandestine delle basi Nato – e le esecuzioni sommarie.

Chi dunque ha voluto e vuole questa guerra afghana che ci costa quasi 2 milioni di euro al giorno?Chi decide di spendere oltre 600 milioni di euro in un anno per mantenere in Afghanistan 3300 soldati, sostenuti da 750 mezzi terrestri e 30 veicoli? Come facciamo tra poco ad aggiungere al nostro contingente altri 700 militari? Quante scuole e ospedali si potrebbero costruire? Chi sono i fabbricanti italiani di morte e di mutilazioni che vendono le armi per fare questa guerra? Chi sono gli ex generali italiani che sono ai vertici di queste industrie? Che pressioni fanno le industrie militari sul Parlamento per ottenere commesse di armi e di sistemi d’arma? Quanto lucrano su queste guerre la Finmeccanica, l’Iveco-Fiat, la Oto Melara, l’Alenia Aeronautica e le banche che le finanziano? E come fanno tante associazioni cattoliche ad accettare da queste industrie e da queste banche elargizioni e benefici? Può una nazione come l’Italia che per presunte carenze economiche riduce i posti letto negli ospedali, blocca gli stipendi, tiene i carcerati in condizioni abominevoli e inumane, licenzia gli insegnanti, aumenta gli studenti per classe fino al numero di 35, riduce le ore di scuola, accetta senza scomporsi che una parte sempre più grande di cittadini viva nell’indigenza e nella povertà, impegnare in armamenti e sistemi d’arma decine di miliardi di euro? A cosa serviranno per il nostro benessere e per la pace i cacciabombardieri JSF che ci costano 14 miliardi di euro (quanto ricostruire tutto l’ Abruzzo terremotato)? E le navi FREM da 5,7 miliardi di euro? E la portaerei Cavour – costata quasi 1,5 miliardi e per il cui esercizio sprechiamo in media circa 150.000 euro al giorno – come contribuirà a costruire la pace?E come è possibile che il Parlamento abbia stanziato 24 miliardi di euro per la difesa nel bilancio 2010?

Chi sottoscrive questo appello vuole soltanto che in Italia si risponda a queste domande.

Rispondano i presidenti del Consiglio di questi ultimi 10 anni, i ministri della difesa e tutti parlamentari che hanno approvato i finanziamenti a questa guerra.

Dicano con franchezza che questa guerra si combatte perché l’Afghanistan è un nodo strategico per il controllo delle energie , per il profitto di alcuni gruppi industriali italiani, per una egemonia economica internazionale, per una volontà di potenza che rappresenta un neocolonialismo mascherato da intenti umanitari e democratici, poiché questi non si possono mai affermare con armi e violenza.

Facciamo nostre le parole profetiche di una grande donna indiana Arundathi Roy, scritte in quel tragico 7 ottobre 2001:” Il bombardamento dell’Afghanistan non è una vendetta per New York e Washington. E’ l’ennesimo atto di terrorismo contro il popolo del mondo. Ogni persona innocente che viene uccisa deve essere aggiunta, e non sottratta, all’orrendo bilancio di civili morti a New York e Washington. La gente raramente vince le guerre, i governi raramente le perdono. La gente viene uccisa. I governi si trasformano e si ricompongono come teste di idra. Usano la bandiera prima per cellofanare la mente della gente e soffocare il pensiero e poi, come sudario cerimoniale, per avvolgere i cadaveri straziati dei loro morti volenterosi.

Mons. Raffaele Nogaro, Vescovo Emerito di Caserta

P. Alex Zanotelli; P. Domenico Guarino – Missionari Comboniani- Sanità, Napoli

Suor Elisabetta Pompeo; Suor Daniela Serafin; Suor Anna Insonia – Missionarie Comboniane Torre Annunziata

Suor Rita Giaretta; Suor Silvana Mutti; Suor Maria Coccia; Suor Lorenza Dal Santo – Suore Orsoline

P.Mario Pistoleri; P.Pierangelo Marchi; Padre Giorgio Ghezzi – Sacramentini – Caserta

P.Antonio Bonato – missionari Comboniani – Castelvolturno (Caserta)

Don Giorgio Pisano – Diocesano – Portici (Napoli)

Cittadinanza Euromediterranea

Cittadinanza Euromediterranea

– di Michele Nardelli* –

Sarà un viaggio. Per andare alle radici di quel che siamo. Oggi si fa un gran parlare di identità e di memoria, anche perché dopo la fine del Novecento facciamo fatica a riconoscerci in un progetto rivolto al futuro. Ma il passato in fondo non lo conosciamo ed il futuro anche per questo ci mette paura. Potremmo descrivere così, in queste poche parole, il percorso di “Cittadinanza Euromediterranea” promosso dal Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani, quattro itinerari che si svilupperanno lungo il 2010 e per tutto il 2011 attraverso storie non raccontate, saperi venuti dal mare, pensieri privi di cittadinanza e geografie da scoprire.

Cittadinanza Euromediterranea

– di Michele Nardelli* –

Sarà un viaggio. Per andare alle radici di quel che siamo. Oggi si fa un gran parlare di identità e di memoria, anche perché dopo la fine del Novecento facciamo fatica a riconoscerci in un progetto rivolto al futuro. Ma il passato in fondo non lo conosciamo ed il futuro anche per questo ci mette paura. Potremmo descrivere così, in queste poche parole, il percorso di “Cittadinanza Euromediterranea” promosso dal Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani, quattro itinerari che si svilupperanno lungo il 2010 e per tutto il 2011 attraverso storie non raccontate, saperi venuti dal mare, pensieri privi di cittadinanza e geografie da scoprire.

Storie non raccontate. Dobbiamo ad esempio al Califfato di al-Andalus (che si sviluppò nell’Europa occidentale dal 755 dC attraverso vicissitudini varie fino al 1492) la traduzione di Aristotele e Platone dal greco antico, attraverso l’arabo e il latino, alle prime vulgate nazionali. Un passaggio di tempo affatto breve ma ai più sconosciuto, che faceva della biblioteca di Cordoba (una delle settanta di quella città), con i suoi quattrocentomila volumi trascritti a mano, forse il più grande presidio culturale del tempo. Un’isola di tolleranza dove musulmani, ebrei e cristiani convissero pacificamente creando una cultura unica al mondo. Finì con la cacciata dei musulmani e degli ebrei dalla Spagna.

Era il 1492, quei “sefarditi” (Sefarad era il nome ebraico di al-Andalus) iniziarono un esilio che li portò attraverso il Mediterraneo fino a Sarajevo. Tanto che nel censimento promosso dall’impero austroungarico nel 1910 (venne fatto anche in questa nostra terra oltre che a Vienna e Sarajevo) risultava che la seconda lingua parlata nella capitale bosniaca era proprio lo spagnolo. Nel loro peregrinare attraverso l’Europa, i sefarditi portarono con sé i testi sacri della cultura ebraica. Salvati dalla furia distruttiva del nazismo dai musulmani di Sarajevo, non scamparono al rogo che nel 1992 devastò l’Istituto Orientale e la Biblioteca nazionale di una città assediata nell’indifferenza del mondo, vittime di una guerra che aveva come obiettivo proprio la distruzione degli intrecci culturali che la “Gerusalemme dei Balcani” rappresentava.

Dettagli. Siamo a Gerusalemme, è il 1192 quando il Saladino affida la gestione del Santo Sepolcro alla famiglia Nuseybeh. Diverrà nel corso dei secoli lo “Statu quo”, l’affidamento della custodia del luogo più importante della cristianità ad una famiglia musulmana. Forse il simbolo più autentico della “terzietà”. Wajeeh Nuseybeh, il custode del Santo Sepolcro, sarà a Trento il 12 novembre prossimo per raccontare quella storia.

Saperi, venuti dal mare. Il pane ad esempio, un cibo che nasce dal sapere contadino ma giunto nelle sue diverse forme nelle nostre case, attraverso il vagabondaggio del grano e la selezione trasmessa dalle generazioni. Ne parleremo con Predrag Matvejević che il 16 ottobre presenterà il suo ultimo libro, “Pane nostro” nell’ambito di una giornata di spettacoli sull’arte del pane che verrà rappresentata in piazza del Duomo per ricordare a tutti – come ha scritto Enzo Bianchi – che il pane o è “nostro”, condiviso, oppure cessa di essere pane.

Pensieri privi di cittadinanza. Penso all’Europa delle Regioni che rappresentava l’anima del “Manifesto di Ventotene” proposto nel 1941 da Altiero Spinelli e da Ernesto Rossi, molto distante dall’Europa (peraltro incompiuta) degli Stati, che i suoi padri fondatori immaginarono come proposta di pace, antidoto – dopo due conflitti mondiali che avevano come epicentro proprio i paesi europei – a che questo potesse di nuovo accadere. A quell’idea andremo a rendere omaggio, nel settantesimo anniversario di quel manifesto.

E, infine, geografie da scoprire. Perché per stare al mondo occorre uno sguardo strabico, capace di leggere il nostro tempo da angolature diverse, con qualche strumento in più e un po’ di paura in meno. Per essere cittadini consapevoli, nella conoscenza delle nostre radici e nel pensare all’identità come qualcosa sempre in divenire. Proporremo dei viaggi, con l’impegno di restituirne immagini.

Tutto questo e tante altre cose ancora è “Cittadinanza Euromediterranea”. Inizia venerdì 1 ottobre, alle 19.00 nel cuore di Trento a Palazzo Thun, con “L’incantadora”, suggestioni mediterranee che ci faranno entrare nel vivo di questo racconto. Si concluderà l’11 gennaio 2012 con un omaggio a Fabrizio De André. Perché sarà “Creuza de mä” , il suo capolavoro dedicato alle anime del mare, il tratto musicale che accompagnerà questo viaggio. Sullo sfondo l’immagine di Europa, la principessa che nella mitologia era la figlia di Agenore, re di Fenicia. Un’altra storia ma insieme la straordinaria metafora di un’Europa che nasce dall’altra parte del Mediterraneo.

 

* Presidente del Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani

fonte: Articolo pubblicato su Il Trentino il 30 settembre 2010.