Armi chimiche. Cosa sono, come si distruggono. Quali rischi per Gioia Tauro?

Incontro pubblico
Lunedì 10 febbraio 2014, ore 17.15 – Sala Affreschi, Biblioteca comunale di Trento, via Roma 55
Organizza: Isodarco in collaborazione con Cerpic, Unitn, Biblioteca comunale di Trento

Incontro pubblico
Lunedì 10 febbraio 2014, ore 17.15 – Sala Affreschi, Biblioteca comunale di Trento, via Roma 55
Organizza: Isodarco in collaborazione con Cerpic, Unitn, Biblioteca comunale di Trento

Interviene il prof. Antonio Palazzi (università di Bologna)
Introduce: dr. Mirco Elena (Isodarco)
Modera: prof. Paolo Foradori (Università  di Trento) 

Il conflitto in Siria ha riproposto la drammatica realtà delle armi chimiche, a quasi cento anni dal loro iniziale impiego nella prima guerra mondiale e dopo che nel 1993 un trattato internazionale le ha messe al bando. L’Italia ha un ruolo diretto nella distruzione completa dell’arsenale siriano, ospitando sul suo territorio il trasferimento degli ordigni chimici verso la nave americana incaricata di distruggerli.
Per meglio comprendere questi eventi, il dieci febbraio ad ore 17.15, presso la Biblioteca comunale di Trento, si terrà una conferenza pubblica divulgativa con il prof. Antonio Palazzi, dell’università di Bologna, dal titolo “Armi chimiche: cosa sono, dove sono, come si distruggono. Quali rischi per Gioia Tauro?”.

Organizzano FBK/Cerpic, Isodarco, Scuola di Studi Internazionali del locale ateneo, oltre alla Biblioteca di Trento.

Per informazioni: Mirco Elena (cell. 340 76 888 72; elena@science.unitn.it)