Comunicato stampa di venerdì 1 giugno 2012

La stampa ha, infatti, criticato l’affidamento di un incarico a Zappini per un importo complessivo di 46.700 euro, senza chiarire che si tratta di un incarico per 28 mesi di lavoro a tempo pieno.

Negli ultimi anni il Forum si è avvalso dell’opera di due collaboratrici part time con contratto co.co.co. e, a partire da ottobre 2010, anche di due operatori del servizio civile, scelti tra i candidati esaminati secondo regolare prassi dettata dal Bando di Servizio Civile e da parte di una Commissione costituita da membri dello stesso Forum e dell’amministrazione provinciale. Il Consiglio del Forum ha accolto la valutazione della Commissione che aveva individuato in Federico Zappini e Francesca Bottari i migliori candidati.

In merito alle pesanti critiche apparse negli ultimi giorni sulla stampa nei confronti di Federico Zappini, del presidente Michele Nardelli e indirettamente del direttivo stesso del Forum trentino per la pace e i diritti umani, vanno fatte alcune fondamentali precisazioni che smentiscono quanto pubblicato.

La stampa ha, infatti, criticato l’affidamento di un incarico a Zappini per un importo complessivo di 46.700 euro, senza chiarire che si tratta di un incarico per 28 mesi di lavoro a tempo pieno.

Negli ultimi anni il Forum si è avvalso dell’opera di due collaboratrici part time con contratto co.co.co. e, a partire da ottobre 2010, anche di due operatori del servizio civile, scelti tra i candidati esaminati secondo regolare prassi dettata dal Bando di Servizio Civile e da parte di una Commissione costituita da membri dello stesso Forum e dell’amministrazione provinciale. Il Consiglio del Forum ha accolto la valutazione della Commissione che aveva individuato in Federico Zappini e Francesca Bottari i migliori candidati.

Nel gennaio 2012, essendo giunte a termine e non più rinnovabili le collaborazioni precedenti, il Consiglio del Forum, sempre secondo una prassi del tutto regolare e trasparente, ha individuato in Federico Zappini la persona con competenza specifica per questo incarico, mettendo così a frutto l’esperienza maturata nelle attività del Forum e dando continuità al lavoro avviato. Il contratto co.co.co., stipulato secondo la normativa vigente, ha durata di 28 mesi (dal 13 febbraio 2012 al 12 giugno 2014); prevede un tempo pieno di 30 ore settimanali, per un compenso annuo (al lordo delle ritenute fiscali e previdenziali) di 20.016,40 euro (circa 1.100 euro al mese netti); il contratto co.co.co. – lo ricordiamo – non prevede ferie, malattie, congedi parentali, tredicesima.

Il Forum è organismo nato nel 1991 per Legge del Consiglio Provinciale; la sua assemblea è costituita da 69 associazioni e 12 rappresentanti di istituzioni. Il suo Consiglio è formato da 22 membri, che rappresentano entrambe le componenti.

Il Forum opera in piena autonomia sia dai partiti, sia dal Consiglio provinciale nel quale pure è incardinato, organizzando iniziative di vario tipo con il fine di diffondere una cultura improntata alla convivenza pacifica e al rispetto dei diritti umani.

Il Forum gestisce uno stanziamento annuo, approvato contestualmente al Bilancio provinciale, di 76 mila euro (comprensivi del compenso di cui sopra) e svolge una intensa attività, ricercando la collaborazione di Comuni, musei, associazioni varie, su tutto il territorio provinciale.

Rinnoviamo la nostra piena solidarietà, la nostra stima e la nostra vicinanza al presidente Michele Nardelli e a Federico Zappini, che, con entusiasmo, competenza, impegno rendono possibile la realizzazione di un’attività intensa e di qualità.

I componenti del Consiglio del Forum:

Erica Mondini (vicepresidente del Forum, rappresentante di Pace per Gerusalemme)

Andrea Cemin (Ingegneria Senza Frontiere)

Luciana Chini (Associazione Italia Tibet)

Mirco Elena (USPID)

Francesca Ferrari (Trentino Solidale)

Samuela Michilini (Trentino con il Kosovo)

Massimiliano Pilati (Movimento Nonviolento)

Marco Ragazzi (Università degli Studi di Trento)

Abdelali Etthairi (Anolf Trentino)

Breigheche Aboul Kheir (Comunità islamica del Trentino A. Adige)

Abbas Waseem (Città Aperta)

Alberto Robol (Reggente Fondazione Opera Campana dei Caduti)

Alberto Sommadossi (Consorzio dei comuni trentini)

Giuseppe Ferrandi (Fondazione Museo storico del Trentino)