Conclusione Euromediterranea

Conclusione EuromediterraneaRiportiamo il testo di Michele Nardelli a chiusura del percorso “Cittadinanza Euromediterranea” distribuito ai partecipanti dell’evento conclusivo “Caffè Sinan Pascià”.

“Cittadinanza Euromediterranea” finisce qui. Nel corso di questo viaggio abbiamo cercato di declinare la parola “pace” in modo diverso, attraverso quel romanzo della storia nel quale, come ci ha ricordato l’amico Predrag Matvejević, possiamo trovare le chiavi di lettura del nostro presente.

Lungo la strada abbiamo incontrato una straordinaria primavera, giovani donne e uomini senza bandiere che in nome di una parola, dignità, hanno deciso di prendere nello loro mani il proprio destino. Così il mare di cui andavamo parlando è cambiato. E noi con loro. Impossibile chiedere di più.

Conclusione Euromediterranea

Riportiamo il testo di Michele Nardelli a chiusura del percorso “Cittadinanza Euromediterranea” distribuito ai partecipanti dell’evento conclusivo “Caffè Sinan Pascià”.

“Cittadinanza Euromediterranea” finisce qui. Nel corso di questo viaggio abbiamo cercato di declinare la parola “pace” in modo diverso, attraverso quel romanzo della storia nel quale, come ci ha ricordato l’amico Predrag Matvejević, possiamo trovare le chiavi di lettura del nostro presente.

Lungo la strada abbiamo incontrato una straordinaria primavera, giovani donne e uomini senza bandiere che in nome di una parola, dignità, hanno deciso di prendere nello loro mani il proprio destino. Così il mare di cui andavamo parlando è cambiato. E noi con loro. Impossibile chiedere di più.

Allo “scontro di civiltà” abbiamo contrapposto un’altra narrazione, dando cittadinanza a pensieri che ne erano privi. Si è cercato di dare significato ad immagini ed oggetti della nostra quotidianità altrimenti banalizzati, facendo uscire dall’oblio dettagli prima inosservati. Aiutandoci a guardare il nostro tempo con occhi diversi, dando una diversa profondità al nostro sguardo. Non per affermare una tesi, ma per attrezzarci di conoscenza di fronte all’incertezza e alla paura.

Da domani ci metteremo a preparare di nuovo la valigia. Un altro viaggio ci attende attorno ai confini del “limite”. Per provare a dare alla “pace” un altro significato ancora, quello della sobrietà. Che per noi non ha il sapore della privazione o delle povertà, ma della misura in un tempo che l’ha smarrita, dell’eleganza piuttosto, e della bellezza. Che non richiede più cose da possedere ma che s’interroga sulla qualità del vivere e sul senso dell’agire umano. Che si fa carico, guardando con responsabilità alla limitatezza delle risorse e a quel che consegneremo alle generazioni a venire.

 

Trento, 11 gennaio 2012

Michele Nardelli

Presidente del Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani