Il mio miglior nemico

– di Jean-Pierre Filiu e David B.-
tratto da Rizzoli

Il genio di David B. nella più grande sfida del fumetto e della letteratura: la fedele ricostruzione della guerra delle guerre, l’ineluttabile conflitto tra Medio Oriente e Stati Uniti d’America.

 

Tutto ebbe origine 4400 anni fa, quando Gilgamesh uccise il temibile demone Humbaba in quella che fu la prima guerra preventiva della storia, metafora dell’istinto prevaricatore ed espansionista dell’Uomo. Comincia così Il mio miglior nemico, che lancia la più grande sfida del fumetto: ricostruire le strategie di guerra, le alleanze, gli intrighi, i tradimenti politici e i colpi di Stato organizzati in oltre due secoli di relazioni tra Paesi del Medio Oriente e Stati Uniti d’America.
Il risultato è un’opera colossale che traduce 229 anni di crudeltà e violenze in un racconto incalzante fatto di immagini di immediata forza e intensità, un fortunato connubio tra l’obiettività della cronaca e il simbolismo di parte di un disegno che ipnotizza, ossessiona e sorprende nella semplicità del bianco e nero.
Questo è il primo volume di una trilogia destinata a imporsi come uno dei più importanti testi di approfondimento sulla questione mediorientale, un’opera autorevole che aiuta a far luce sulle origini dei conflitti attuali, a firma dell’arabista di fama mondiale Jean-Pierre Filiu e del talento creativo pluripremiato di David B.

 

Questo prezioso lavoro (…) rompe schemi informativi apparentemente immutabili, 
che solo il cinema d’animazione ha osato qualche volta violentare. 
Con le suggestioni di un racconto, di una storia, mai con i rigorosi obblighi di un saggio.
– Dalla prefazione del giornalista Antonio Ferrari

 

Lo stile di David B. non è né letterario, né cinematografico, ma qualcosa che solo il fumetto può far vivere. I disegni e la narrazione ti ipnotizzano, ti ossessionano, ti sorprendono e ne fanno un artista unico nel suo genere.” 
– New York Books

 

Per vedere l’anteprima.