INSIDE CARCERI: uno sguardo interattivo su diritti negati

di Francesca Correr

Inside Carceri è un web-doc/inchiesta, pubblicato nel 2011 ma in costante aggiornamento, che propone un approfondimento sfaccettato sul tema della condizione delle carceri e dei carcerati in Italia, esponendo sia dati numerico-statistici sia storie di vita ed esperienze personali e quotidiane di chi in carcere vive o lavora.
CONTINUA

Inside Carceri è un web-doc/inchiesta, pubblicato nel 2011 ma in costante aggiornamento, che propone un approfondimento sfaccettato sul tema della condizione delle carceri e dei carcerati in Italia, esponendo sia dati numerico-statistici sia storie di vita ed esperienze personali e quotidiane di chi in carcere vive o lavora.
Il progetto è pensato e realizzato da Next New Media, un service giornalistico multimediale, in collaborazione con l’associazione Antigone, che dal 1991 si occupa della tutela dei diritti nel sistema penitenziario; ogni anno il suo osservatorio produce un rapporto sulle condizioni di detenzione in Italia (l’ultimo, pubblicato recentemente, si intitola Oltre i tre metri quadri).
Per il progetto Inside Carceri viene scelta la formula del web-doc o documentario interattivo: una sorta di mosaico di contenuti (testi, video, tabelle, fotografie, suoni). Il fruitore del web-doc contribuisce attivamente alla creazione del significato dello stesso: si muove liberamente tra i contenuti multimediali e sceglie come costruire il suo percorso di conoscenza e approfondimento.
Le fotografie scorrono in bianco e nero lungo la pagina principale, alternando gli edifici carcerari ai volti dei loro abitanti: si può scegliere tra sei approfondimenti tematici che riguardano il sovraffollamento, la salute, il lavoro, le violenze, l’edilizia e gli Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg).

SovraffollamentoIl problema del sovraffollamento nelle carceri italiane è una costante strutturale; a fine 2010 i detenuti erano circa 69.000, la capienza ufficiale degli istituti prevedeva circa 43.000 posti: mancano all’appello più di 25.000 posti.
Recentemente, dopo le condanne europee e i provvedimenti amministrativi e normativi del 2013 e del 2014, la situazione è in parte migliorata, anche se gli standard europei rimangono lontani.
Inside Carceri propone due tabelle con i numeri del sovraffollamento e un video che mostra i ridotti spazi abitativi delle persone in carcere.

SaluteViene garantito il diritto alla salute nelle carceri? Quali iter deve compiere un detenuto per prenotare una visita medica o per un’operazione? E le emergenze?
Alle criticità di carattere organizzativo si sommano quelle infrastrutturali e ambientali: la disponibilità di dati sull’accesso alla sanità in carcere è ancora scarsa e vi sono grandi differenze tra istituti. Alcuni contenuti video raccontano varie esperienze di sanità, spesso negata, nelle carceri italiane.

LavoroQuesta sezione del documentario interattivo parla del diritto al lavoro nell’universo carcerario: quanti sono i detenuti lavoratori? Come funzionano salari e contratti? Attraverso alcuni contributi video possiamo conoscere alcune esperienze e problematicità della questione lavoro nelle carceri.

ViolenzeViolenze di agenti su detenuti, tra detenuti stessi, atti di autolesionismo e suicidi. Nel corso del 2014 sono morte in carcere 131 persone; di queste 42 si sono suicidate.
Le testimonianze video di vari detenuti rappresentano una denuncia di una violenza che diviene strutturale.

EdiliziaIl carcere nel suo essere edificio, spazio abitativo e di vita. Le infrastrutture sono al centro di questa sezione del web-doc: le immagini conducono attraverso un percorso nei vari istituti spesso caratterizzati da problemi di degrado, mancanza di spazi e servizi adeguati.

Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg)Gli Ospedali psichiatrici giudiziari, che dagli anni Settanta avevano sostituito i manicomi criminali, stanno vivendo un processo di chiusura, definiti “la vergogna italiana” per le condizioni disumane che li caratterizzano. Il 31 marzo di quest’anno rappresenta la data simbolica della chiusura definitiva degli Opg, che tuttavia avverrà in maniera progressiva.
I video e i testi di questa sezione raccontano alcune delle realtà dei sei ultimi Opg italiani.

Il viaggio del web-doc segue con la possibilità di scegliere quale istituto carcerario visitare attraverso una mappa italiana interattiva, che rimanda ai contenuti testuali e video, raggruppati per singolo istituto. Ogni istituto è collegato inoltre a un album fotografico specifico.
In totale si può trovare materiale riguardo a 25 istituti (32 video, 2 audiogallery, 3 infografiche, 177 immagini, 20 schede di testo): un percorso prezioso per entrare, almeno un poco, in quello che per eccellenza rappresenta il mondo del “non visto” e del “lontano” (dai centri cittadini, dalla comunità, dalle priorità).

Per approfondire:
Oltre i tre metri quadri. Undicesimo rapporto sulle condizioni di detenzione in Italia. A cura di associazione Antigone, Edizioni Gruppo Abele, 2015

Pubblicato in Senza categoria.