La vittoria di Ghani

– Emanuele Giordana –
A volte la politica (non solo afgana)risultati preliminari che attribuiscono la vittoria ad Asharf Ghani, il “tecnocrate” in odore di laicità che piace ai modernisti, alla gioventù colta ma anche ai tradizionalisti che vedono in lui la continuità della reggenza pashtun. Secondo la contestata Commissione elettorale (contestata dal perdente appena dopo il voto del secondo turno) le percentuali gli attribuiscono il 56,44% dei voti contro il 43,56 del rivale, il campione tagico Abdullah Abdullah, personaggio che ha giocato la carta etnica assai più di Ghani, vecchio uomo di potere nel Nord e a Kabul, alleato con tutta una pletora di islamisti locali che si distinguono dai taleban – ideologicamente – forse solo per il colore del turbante.

In queste settimane c’è stato un gran lavorio dietro e davanti le quinte con la presenza, questa volta poco ingombrante, di un Karzai che ha fatto più da capo di Stato che non da padre padrone del Paese.

Tratto da Great Game, il blog di Emanuele Giordana

– Emanuele Giordana –A volte la politica (non solo afgana)risultati preliminari che attribuiscono la vittoria ad Asharf Ghani, il “tecnocrate” in odore di laicità che piace ai modernisti, alla gioventù colta ma anche ai tradizionalisti che vedono in lui la continuità della reggenza pashtun. Secondo la contestata Commissione elettorale (contestata dal perdente appena dopo il voto del secondo turno) le percentuali gli attribuiscono il 56,44% dei voti contro il 43,56 del rivale, il campione tagico Abdullah Abdullah, personaggio che ha giocato la carta etnica assai più di Ghani, vecchio uomo di potere nel Nord e a Kabul, alleato con tutta una pletora di islamisti locali che si distinguono dai taleban – ideologicamente – forse solo per il colore del turbante.

In queste settimane c’è stato un gran lavorio dietro e davanti le quinte con la presenza, questa volta poco ingombrante, di un Karzai che ha fatto più da capo di Stato che non da padre padrone del Paese. I rumor dicono che la trattativa tra rivali è stata condotta sia sul fronte monetario sia su quello dei futuri incarichi e persino giocata su un possibile stravolgimento costituzionale che attribuisse a uno la presidenza e all’altro il premierato. Ma i giochi, vere o non vere che siano le voci, per ora non sono conclusi. Intanto c’è un accordo bilaterale per rivagliare i risultati di oltre 7mila seggi e poi chissà che altro ancora prima che si sappiano con certezza gli esiti definitivi. Intanto la Commissione ha dato anche i dati dell’affluenza del secondo turno: 60% con un 38% di voto femminile per un totale di 8.109493 voti validi.

Anche se sembra profilarsi un accordo che alla fine metterà a tacere Abdullah e anche se, almeno finora, le contestazioni del candidato nordista si sono limitate a manifestazioni di piazza e proclami pubblici senza che si sia passati dalla dialettica politica all’antico gioco delle armi, le elezioni presidenziali 2014 non ne escono gran bene. E gli afgani lo sanno, come lo sa la comunità internazionale, americani in testa, per i quali una sconfessione del processo elettorale equivarrebbe a una dichiarazione di fallimento generale il che ha fatto correre ai ripari le cancellerie con pressioni di ogni tipo per evitare uno scandalo sullo stile di quello che accompagnò la vittoria di Karzai nel 2009 quando anche quella volta – con brogli certificati dal numero due dell’Onu a Kabul – Abdullah gettò il sasso nello stagno della polemica per poi ritirare la mano – dicono i maligni – dopo un’offerta che non poteva rifiutare. Tant’è, anche giocando sulla stanchezza degli afgani, tutto sembra destinato a concludersi a tarallucci e tè e un tutti a casa che non lasci morti o feriti. «Un dramma afgano», come ci diceva giorni fa a Kabul un diplomatico. Un modo elegante per non dire melodramma, un’arte politico teatrale in cui anche noi italiani siamo maestri.

Tratto da Great Game, il blog di Emanuele Giordana
Sito Indipendent Electoral Commission