Memoria: 175 ettari

di Michele Nardelli*

Un perimetro, quello tracciato ieri con una riga bianca di gesso lungo le vie della città di Trento, per aiutarci a riflettere. Racchiude centosettantacinque ettari, uno spazio immenso come quello che ad Auschwitz occupava l’industria della morte che inghiottì milioni di persone. Grazie ad una suggestiva idea di Valentina Miorandi, all’impegno dell’ANPI e di numerose associazioni, centinaia di persone hanno provato ieri a scuotere l’immaginario collettivo, laddove la memoria dell’olocausto rischia di essere relegata alle celebrazioni di un giorno.

*Presidente Forum Trentino per la Pace ed i diritti umani

di Michele Nardelli*

Un perimetro, quello tracciato ieri con una riga bianca di gesso lungo le vie della città di Trento, per aiutarci a riflettere. Racchiude centosettantacinque ettari, uno spazio immenso come quello che ad Auschwitz occupava l’industria della morte che inghiottì milioni di persone. Grazie ad una suggestiva idea di Valentina Miorandi, all’impegno dell’ANPI e di numerose associazioni, centinaia di persone hanno provato ieri a scuotere l’immaginario collettivo, laddove la memoria dell’olocausto rischia di essere relegata alle celebrazioni di un giorno.
Quella riga bianca che attraversa la città, i suoi quartieri e le sue strade, forse aiuterà tante altre persone ad interrogarsi sul come sia stato possibile, su dove può arrivare la ferocia dell’uomo, sul come tutto questo sia avvenuto anche attraverso il consenso di moltitudini inneggianti l’odio razziale, sulla banalità del male e sulla responsabilità di chi girò lo sguardo altrove.
Quella riga bianca che da piazza Fiera arriva a piazza Venezia, al Castello del Buonconsiglio, al quartiere di san Martino e da lì verso Cristo Re, Lung’Adige Leopardi e giù fino ad oltre il Muse, via Monte Baldo, via Vittorio Veneto, per giungere a Corso 3 Novembre, via S.Croce e ritornare lì dove eravamo partiti due ore e mezzo prima: quello spazio occupava la fabbrica della morte.
Che non casualmente aveva al suo ingresso la scritta “Arbeit mach frei”, perché ad Auschwitz  e negli altri luoghi concentrazionari del Novecento la modernità ha prodotto uno dei suoi frutti più avvelenati: la pianificazione dello sterminio di chi rappresentava il diverso. Zingari o ebrei, omosessuali o malati mentali, oppositori o partigiani, anarchici o comunisti… in quella linea non c’era solo la follia del nazifascismo, c’era qualcosa di più profondo che se non viene elaborato è destinato a riapparire.
Mentre percorro quei sette chilometri di perimetro c’è una domanda che attraversa i miei pensieri: quanto abbiamo saputo elaborare di questa e di analoghe tragedie del Novecento? Perché qui sta il nodo da sciogliere: in assenza di elaborazione collettiva, il passato non passa.

*Presidente Forum Trentino per la Pace ed i diritti umani