Si parte con Cantiere Europa

E’ in partenza lunedi 16 aprile il viaggio di “Cantiere Europa”, il progetto del Movimento Punto Europa, realizzato in collaborazione con l’Università di Trento – Polo europeo Jean Monnet, la sezione trentina della Gioventù federalista europea, la Provincia autonoma di Trento – Servizio Europa e la Fondazione trentina Alcide De Gasperi, per offrire ad un gruppo di giovani trentini una possibilità di discussione delle questioni socio-politiche che definiscono l’identità dell’Europa in senso lato e che ne giustificano conseguentemente la concretizzazione sul piano giuridico internazionale.

E’ in partenza lunedi 16 aprile il viaggio di “Cantiere Europa”, il progetto del Movimento Punto Europa, realizzato in collaborazione con l’Università di Trento – Polo europeo Jean Monnet, la sezione trentina della Gioventù federalista europea, la Provincia autonoma di Trento – Servizio Europa e la Fondazione trentina Alcide De Gasperi, per offrire ad un gruppo di giovani trentini una possibilità di discussione delle questioni socio-politiche che definiscono l’identità dell’Europa in senso lato e che ne giustificano conseguentemente la concretizzazione sul piano giuridico internazionale.

L’esperienza di Cantiere Europa è stata preparata attraverso tre incontri formativi che durante lo scorso mese hanno introdotto i ragazzi e le ragazze selezionati ad alcune tematiche centrali legate agli aspetti politici e sociologici della cittadinanza europea; oggetto di uno degli incontri è stata anche la visita al Museo Casa De Gasperi e al Giardino d’Europa, a Pieve Tesino.

La seconda fase, quella del viaggio vero e proprio, avrà la durata di cinque giorni, da lunedì 16 aprile a venerdì 20 aprile e rappresenterà un percorso di studio strutturato su tre tappe formative, di cui due legate alla storia dell’integrazione europea ed una proiettata verso il suo futuro.
I primi due luoghi di visita corrisponderanno alle Case museo dedicate al pensiero e alla memoria di Konrad Adenauer (Bad Honnef – Bonn) e di Robert Schumann (Scy-Chazelles – Metz). Raggiungeremo questi luoghi, collocati rispettivamente in Germania ed in Francia, con un viaggio in pullman attraverso il cuore d’Europa ed a ciascuno di essi dedicheremo una giornata di attività, così strutturata: a) visita della struttura museale e alla conoscenza della vita del personaggio; b) incontro con chi ne cura la memoria, utile ad evidenziare il recupero dell’eredità storica nella prospettiva delle questioni moderne affrontate nella fase formativa; c) incontro e confronto con giovani locali, selezionati dalle fondazioni ospitanti tra coloro che seguono i loro percorsi formativi sui medesimi temi.
La terza tappa del viaggio sarà dedicata invece all’avvicinamento del luogo istituzionale che maggiormente rappresenta l’evoluzione dell’integrazione europea: il Parlamento di Strasburgo. Intendiamo dedicarvi una intera giornata. Al mattino si seguirà una visita guidata dell’edificio ed una presentazione del funzionamento dell’Istituzione e dell’UE in generale, secondo il programma offerto dallo stesso Parlamento ( http://www.europarl.europa.eu/visiti/strasbourg.html)

Il viaggio coinciderà con una delle sessioni plenarie di lavoro, e sarà dunque possibile incontrare in questa sede i parlamentari che attualmente rappresentano la comunità trentina e italiana nell’Unione. Di conseguenza, la seconda parte della giornata a Strasburgo sarà dedicata ad un confronto a tutto campo con l’on. Dorfmann sui temi caldi dell’agenda europea, nonché sui temi che saranno approfonditi dai ragazzi nel corso della precedente formazione e nelle prime giornate del viaggio.

Il Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani seguirà a distanza l’esperienza dei “giovani europei” chiedendo loro di inviare alcuni racconti di viaggio, resoconti, storie o impressioni, che verranno resi visibili sul nostro sito.

Intanto auguriamo a tutti una buona partenza!