Soldi pubblici e grandi opere in tempo di crisi

VENERDI’ 13 APRILE 2012, ORE 20.30 – Soldi pubblici e grandi opere in tempo di crisi

Organizza:

Centro di Documentazione e Informazione per la Pace

È autore di numerosi saggi. Il suo libro più noto, La storia del futuro di tangentopoli, è stato definito da S.Ripamonti “un libro che sta andando a ruba tra le toghe del pool mani pulite, che lo considerano una specie di testo sacro” (l’Unità, 29 marzo 1998), ha avuto e continua ad avere numerosissime recensioni e citazioni, fra le più recenti quelle di V.Feltri e R.Brunetta (Libero, 26.02.07) e M. Cobianchi (Panorama, 27.09.07). Fra i libri pubblicati negli ultimi cinque anni: Capitalismo e Globalizzazione, scritto con Nerio Nesi; Project financing nei lavori pubblici, L’infiltrazione della criminalità organizzata nella gestione dell’appalto pubblico con Enzo Ciconte e Luca Tescaroli; Travolti dall’Alta Voracità, con diversi esperti fra i quali, Luca Mercalli, Marco Ponti e Marco Revelli; Le grandi opere del Cavaliere, con la prefazione di M.Travaglio, presentato in molte città e recensito dalla stampa nazionale.

Fra gli incarichi importanti ricoperti si segnala quello di Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dei Lavori Pubblici nella XIII legislatura e membro del CdA dell’ANAS nel 1980-81. professore a contratto nelle facoltà di architettura delle università La Sapienza di Roma, del Politecnico di Torino ed alla Università LUISS di Roma. CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), per l’ENEA (Ente Nazionale per le Energie Alternative), per il CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) e per l’UE (Unione Europea) in programmi di assistenza per organismi di paesi dell’America Latina (Mercosur, Argentina, Uruguay).

E’ stato dirigente d’azienda per 25 anni; l’ultimo incarico dirigenziale ricoperto (dal giugno 2001 al maggio2007) è stato quello di direttore generale di NuovaQuasco–Qualificazione degli Appalti e Sostenibilità del Costruire (Società a maggioranza pubblica, con sede a Bologna) che, oltre a gestire, su incarico della Regione Emilia-Romagna, la sede regionale dell’osservatorio nazionale dei contratti pubblici, svolge attività di ricerca e sviluppo nel settore delle costruzioni e nei campi delle tecnologie, della normativa tecnica e procedurale per i contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, della regolarità e sicurezza del lavoro, della qualità e della sostenibilità ambientale.

Fra gli incarichi non retribuiti al momento ricoperti si segnala quello direttore dell’ Associazione Nazionale ITACA-Istituto per la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale (www.itaca.org), Roma, costituita da tutte le Regioni e Province Autonome italiane, e quello di vicepresidente del Comitato Costruzioni dell’UNI, Ente Nazionale di Unificazione (www.uni.com), Milano.

Pubblicato in Senza categoria.