Parte il Media Contest di Tempora

Cultura e Saperi è il progetto, promosso da Tempora ODV e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali su bando PAT. Il progetto si struttura su tre piani diversi e indipendenti: #Linguaggi, Media Contest, #Culturadigitale.

Questa mattina alle 11, con una conferenza stampa a Palazzo Geremia alla presenza dei partner del progetto, è stato presentato il percorso formativo del Media Contest. L’iniziativa, che si svolgerà a Trento, Rovereto e Caldonazzo, propone una formazione trasversale – teorica e pratica – riferita a ciascun medium: redazione testo giornalistico, podcast, video.

Erano presenti la Provincia Autonoma di Trento, la Sindaca Comune di Caldonazzo, l’Ufficio delle Politiche Giovanili Comune di Trento, l’Ufficio delle Politiche Giovanili Comune di Rovereto, il Forum Trentino per la pace e i diritti umani, la Fondazione Trentina Alcide de Gasperi, la Fondazione Antonio Megalizzi.

In rappresentanza del Forum della Pace, erano presenti il nostro presidente Massimiliano Pilati e il coordinatore delle attività Riccardo Santoni.

Alle lezioni più frontali, Tempora affiancherà un tirocinio esperienziale e un concorso che metterà in palio, per il/la vincitore/vincitrice un contratto free lance di un anno con ilDolomiti, oltre che un iPad, un attestato di partecipazione e un libro di approfondimento sui temi trattati nel corso. 

Per secondo e terzo posto, in palio un iPad, un attestato di partecipazione e un libro di approfondimento sui temi trattati nel corso; per i/le classificati/e dal quarto al sesto posto, un Tablet, un attestato di partecipazione e un libro di approfondimento sui temi trattati nel corso.

L’obiettivo del Media Contest è quello di creare concrete opportunità professionali per i giovani (dai 18 ai 35 anni). Come? Con modalità innovative e di forte impatto sociale, incentivando e realizzando prospettive di sviluppo locale in ottica moderna e tecnologica.

Torna il Media Contest di Tempora Onlus: iscrizioni aperte fino al 30 aprile!

È ripartito il Media Contest di Tempora Onlus, l’evoluzione del Contest di Giornalismo partecipativo, giunto alla sua quarta edizione lo scorso anno: iscrizioni aperte fino al 30 aprile (qui il regolamento completo).

Un progetto di successo che ha dato lavoro e aperto opportunità professionali a molti iscritti, grazie alla nostra rete di partner, e che quest’anno si integra all’interno del progetto Cultura e saperiche affianca al Media Contest, due percorsi di sensibilizzazione aperti alla popolazione.

Lo scopo è quello di promuovere una cittadinanza attiva e consapevole, attenta alle problematiche del linguaggio digitale e dell’uso corretto della rete e dei social, temi ancora più rilevanti in questo contesto di pandemia.

L’obiettivo del Media Contest di quest’anno rimane questo: creare concrete opportunità professionali per i giovani. Per farlo, il percorso formativo vedrà il coinvolgimento di giovani dai 18 ai 35 anni, che seguiranno incontri formativi tenuti da professionisti del giornalismo, dell’editoria, della letteratura, della comunicazione.

Il progetto si struttura su tre sezioni tematiche tra loro collegate e interdipendenti: disoccupazione giovaniledivario digitale, oltre qualsiasi discriminazione di etnia e di genere.

#linguaggi10 conferenze, aperte alla cittadinanza, sui principali temi di interesse generale.

Media Contestuna sezione di formazione trasversale – teorica e pratica – riferita a ciascun medium: redazione testo giornalisticopodcastvideo, a cui si accompagnerà un periodo di tirocinio, il concorso vero e proprio e la premiazione.

Per il primo classificato, in palio c’è un contratto di lavoro freelance di un anno per Il Dolomiti, media partner dell’iniziativa, più un Ipad, un libro di approfondimento sui temi trattati e un attestato di partecipazione.

#culturadigitale, ovvero creazione di piattaforma digitale e pubblicazione di contenuti multimediali e workshop, conferenza digitale, interviste di comunità.

Per tutte le informazioni, consultate il sito  https://www.culturaesaperi.org/

Radio Memoriæ- Volti di pace

Sta per partire la seconda edizione del progetto Radio Memoriæ

 

Di che cosa si tratta?

Il progetto ricalca le orme della prima edizione che, attraverso delle puntate radio, faceva raccontare ai ragazzi i conflitti dimenticati del Novecento. Quest’anno il soggetto è stato spostato dalle guerre alle figure positive che hanno cercato di contrastare le situazioni conflittuali dedicando la loro vita e le loro azioni a perseguire un ideale di pace concreta. Nella rosa dei personaggi si avranno volti noti e meno noti, che verranno analizzati da un gruppo di ragazzi al fine di realizzare un racconto radiofonico e anche dei prodotti grafici. Queste le novità del 2017 per Radio memoriæ.

Chi stiamo cercando? 

Un gruppo di ragazzi dai 15 ai 23 anni motivati a sperimentarsi giornalisti creativi.

Perché partecipare?

  • Conoscerai o farai conoscere alcuni protagonisti di storia della pace;
  • Passerai un weekend intensivo con esperti giornalisti e artisti, con i quali potrai confrontarti;
  • Crei una puntata radio trasmessa dalle emittenti locali e sarai autore di un poster che potrai vedere nella tua scuola, città o paese

Come partecipare?

Compilando entro il 15 ottobre modulo d’iscrizione online

Scopri di più leggendo il volantino del progetto.
Segui tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook (@radiomemoriae)

Partiti al mondo come soldati: guerre, conflitti e diritto alla pace – 21 aprile 2016

“Armi e bagagli” è il titolo del biennio di lavoro che Fondazione Fontana Onlus, attraverso il
suo programma educativo di formazione e sensibilizzazione World Social Agenda, ha scelto
di dedicare a due temi cruciali, prerequisiti indispensabili per qualsiasi obiettivo nuovo e
sostenibile che le Nazioni Unite desiderino (ri)proporre: il diritto alla pace e il diritto al futuro.

Contine reading