Afghani al voto contro Karzai

– da Jalalabad, Giuliano Battiston –
Il Manifesto 5 aprile 2014

«Sono stato il primo a votare. Ero davanti all’ingresso alle 6 del mat­tino. No, non ho paura dei Tale­bani. Rap­pre­sen­tano il pas­sato, e noi dob­biamo pen­sare al futuro». Haroun Naye­b­zai mostra con orgo­glio l’indice, mac­chiato d’inchiostro blu. È il segno che ha votato. Non potrà farlo due volte, almeno sulla carta: per impe­dire i voti mul­ti­pli, gli uomini della Com­mis­sione elet­to­rale indi­pen­dente fanno immer­gere il dito degli elet­tori nell’inchiostro, poi aggiun­gono uno spray che si illu­mina sotto la luce. Una dop­pia pre­cau­zione con­tro le frodi. Sosten­gono che sia effi­cace. Poco più che ven­tenne, Naye­b­zai è uno dei tanti osser­va­tori legati ai can­di­dati pro­vin­ciali. Ieri infatti gli afghani hanno votato per il rin­novo dei 34 Con­si­gli pro­vin­ciali, oltre che per il suc­ces­sore di Hamid Kar­zai, al potere dal 2001.Prima che osser­va­tore, Nayez­bai si sente però un cit­ta­dino che crede nella forza del voto. «Per cam­biare le cose, man­dare a casa Kar­zai e far inse­diare Ash­raf Ghani». È lui il can­di­dato che va per la mag­giore a Jala­la­bad, cuore della pro­vin­cia di Nana­ga­rhar a pre­va­lenza pash­tun, a pochi chi­lo­me­tri dal Pakistan.

– da Jalalabad, Giuliano Battiston * –
Il Manifesto 5 aprile 2014

«Sono stato il primo a votare. Ero davanti all’ingresso alle 6 del mat­tino. No, non ho paura dei Tale­bani. Rap­pre­sen­tano il pas­sato, e noi dob­biamo pen­sare al futuro». Haroun Naye­b­zai mostra con orgo­glio l’indice, mac­chiato d’inchiostro blu. È il segno che ha votato. Non potrà farlo due volte, almeno sulla carta: per impe­dire i voti mul­ti­pli, gli uomini della Com­mis­sione elet­to­rale indi­pen­dente fanno immer­gere il dito degli elet­tori nell’inchiostro, poi aggiun­gono uno spray che si illu­mina sotto la luce. Una dop­pia pre­cau­zione con­tro le frodi. Sosten­gono che sia effi­cace. Poco più che ven­tenne, Naye­b­zai è uno dei tanti osser­va­tori legati ai can­di­dati pro­vin­ciali. Ieri infatti gli afghani hanno votato per il rin­novo dei 34 Con­si­gli pro­vin­ciali, oltre che per il suc­ces­sore di Hamid Kar­zai, al potere dal 2001. Prima che osser­va­tore, Nayez­bai si sente però un cit­ta­dino che crede nella forza del voto. «Per cam­biare le cose, man­dare a casa Kar­zai e far inse­diare Ash­raf Ghani». È lui il can­di­dato che va per la mag­giore a Jala­la­bad, cuore della pro­vin­cia di Nana­ga­rhar a pre­va­lenza pash­tun, a pochi chi­lo­me­tri dal Pakistan.

Nella facoltà di Medi­cina a Nan­ga­rhar – tra­sfor­mata in seg­gio elet­to­rale – tutti dicono di aver votato per lui. I gio­vani soprat­tutto: Nasir Ahmad Shi­n­wari ha 19 anni. Anche lui sem­bra riporre grandi aspet­ta­tive nel tec­no­crate, già fun­zio­na­rio della Banca mon­diale e, in Afgha­ni­stan, mini­stro delle Finanze e respon­sa­bile della tran­si­zione, il pro­cesso con cui gli inter­na­zio­nali tra­sfe­ri­scono la respon­sa­bi­lità mili­tare agli afghani. «È l’unico che può tra­sfor­mare il paese. Gli altri can­di­dati sono tutti cor­rotti o ex coman­danti mili­tari». Eppure anche Ghani si è scelto come even­tuale vice-presidente un ex «war­lord», Abdul Rashid Dostum, lea­der della comu­nità uzbeca, fon­da­tore del par­tito Jumbesh-e-Milli, con le mani spor­che di san­gue. «È la poli­tica: per vin­cere devi otte­nere più voti pos­si­bili, e Dostum ne ha 3 milioni», replica con rea­li­smo Shi­n­wari. Non appena fini­sce di par­lare arriva il «pezzo grosso»: il nuovo gover­na­tore di Nan­ga­rhar, Attaul­lah Ludin, che sosti­tui­sce Gul Agha Sher­zai, dimes­sosi per pre­sen­tarsi alle pre­si­den­ziali. Ludin entra nel seg­gio seguito da un codazzo di nota­bili, uffi­ciali della poli­zia e dell’esercito, gior­na­li­sti locali. Aspetta il col­le­ga­mento tele­vi­sivo da Kabul per riporre le schede nelle urne di pla­stica tra­spa­rente. Segue il discorso del capo della Poli­zia pro­vin­ciale, il gene­rale Fazel Hah­mad Sher­zad: «Mi assumo per­so­nal­mente la respon­sa­bi­lità. Votate», dice.

Alle 16 locali, alla chiu­sura dei seggi, in tutta la pro­vin­cia non viene regi­strato nes­sun attacco signi­fi­ca­tivo. Nel paese i morti sono 10, distri­buiti nelle varie pro­vince: i Tale­bani non sono riu­sciti a sabo­tare il pro­cesso elet­to­rale come ave­vano minac­ciato. Una scon­fitta per loro e un suc­cesso per gli afghani che hanno deciso di votare. Non sono sol­tanto i gio­vani ad averlo fatto. A un chi­lo­me­tro dalla facoltà di Medi­cina vengo accolto nell’ufficio elet­to­rale di un can­di­dato locale, l’ingegnere (qui il titolo conta) Haji Rais Khan. Ha buone pro­ba­bi­lità di essere eletto. Die­tro di lui ci sono infatti i nota­bili locali come Haji Gul Miran. È un malek, a metà tra il lea­der reli­gioso e comu­ni­ta­rio. Con­trolla uno dei distretti più tur­bo­lenti dell’intera pro­vin­cia, Cha­pa­rhar, che fa quasi 60.000 abi­tanti. Siede su dei cuscini, insieme ad altri 6 anziani con la barba lunga. Mostrano il dito: hanno tutti votato. Non ce l’hanno con Kar­zai, che «ha fatto quanto poteva, il paese par­tiva da zero», ma vogliono vol­tare pagina. Uno di loro dice di aver votato per Ghani, «per­ché noi siamo vec­chi, è tempo di dare spa­zio ai gio­vani, Ghani è l’unico che lo farà». Il malek Haji Gul Miran non con­corda: «Ghani è com­pe­tente, ma Dostum è un kil­ler». Per lui il can­di­dato migliore è Qut­bud­din Helal, soste­nuto da Gul­bud­din Hek­ma­tyar, lea­der del par­tito radi­cale isla­mi­sta Hezb-e-Islami. «Tra tutti, è l’unico can­di­dato che non è soste­nuto dai paesi stra­nieri», dice il malek, che riven­dica la mili­tanza nel par­tito di Hek­ma­tyar. «E’ l’unico che non fir­merà il trat­tato mili­tare con gli ame­ri­cani», aggiunge Haji Gul Miran, per il quale «è fon­da­men­tale avere buoni rap­porti con gli stra­nieri, ma senza diven­tarne schiavi, e gli ame­ri­cani dove vanno fanno danni». Il can­di­dato di Hek­ma­tyar non verrà eletto, ma potrebbe posi­zio­narsi al quarto, quinto posto.

In molti si dicono sicuri che nell’eventuale bal­lot­tag­gio tra Ash­raf Ghani e il dot­tor Abdul­lah, l’Hezb-e-Islami sosterrà Ghani. L’importante è che all’Arg, il palazzo pre­si­den­ziale, non entri Abdul­lah, il rap­pre­sen­tante del Jamiat-e-Islami, il par­tito a pre­va­lenza tajika, forte soprat­tutto al nord. «I tajiki non sono veri afghani, ma ormai vivono qui da molto tempo e li accet­tiamo», dice Haji Gul Miran. «Ma un pre­si­dente tajiko, que­sto no. Se dovesse vin­cere Abdul­lah, verrà lan­ciato un jihad con­tro di lui». Per lui, lo scet­tro del potere deve rima­nere nelle mani di un pash­tun. Come è da 200 anni a que­sta parte.

*Giuliano Battison, ricercatore e giornalista freelance, è ora in Afghanistan per seguire le elezioni presidenziali. Lo scorso marzo è stato ospite a Trento durante “Il 2014 dell’Afghanistan” rassegna di appuntamenti organizzata dal Forum Trentino per la Pace e i diritti umani in collaborazione con Associazione Afghanistan 2014 ed altri organismi.  Questo articolo è stato pubblicato da Il Manifesto. La fotografia è stata scattata dall’autore dell’articolo.

Ciaspolada resistente a Malga Valarica

Camminata con ciaspole
Sabato 8 marzo 2014, ritrovo ore 8.30, parcheggio ex SIT (Trento)
Organizza: ANPI del Trentino

Camminata con ciaspole
Sabato 8 marzo 2014, ritrovo ore 8.30, parcheggio ex SIT (Trento)
Organizza: ANPI del Trentino

L’ANPI del Trentino ricordando l’8 Marzo Festa della Donna inviata alla Ciaspolada Resistente a malga Valarica bassa m 1529 sull’Altopiano del Tesino dove 69 anni fa Ancilla Marighetto, “Ora”, 18 anni, partigiana del Battaglione Giorgio Gherlenda, venne uccisa dai nazi – fascisti.
Al ritorno merenda a Castello Tesino. Sabato ore 8.30, partenza da Trento dal parcheggio ex SIT (di fronte funivia Sardagna) e dall’Albergo-Bar del Passo Brocon alle ore 9.30 

Informazioni:sandro_schmid@virgilio.it, 3357007071

Donne in vendita: lungo le rotte delle nuove schiavitù

Appuntamento cinematografico
Giovedì 6 marzo 2014, ore 20.45 – Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4 (Trento)
Organizza: Associazione Amici di Religion Today

Appuntamento cinematografico
Giovedì 6 marzo 2014, ore 20.45 – Centro Bernardo Clesio, via Barbacovi 4 (Trento)
Organizza: Associazione Amici di Religion Today

Religion Today Filmfestival presentaIndagine sulla prostituzione nigeriana tra cinema, società, fede e superstizioneAl Centro Clesio di Trento torna il tradizionale appuntamento cinematografico dall’archivio del film festival per celebrare la Giornata Internazionale della Donna

Ingresso libero

La serata, organizzata nell’ambito delle proiezioni mensili presso il Centro Bernardo Clesio in collaborazione con L’Altrastrada Onlus e Fondazione S. Ignazio, prevede la proiezione del film-inchiesta Ware Frau dei registi tedeschi Lukas Roegler e Katrin Eckert, che seguono le complesse e drammatiche vicende intercontinentali che ogni anno sconvolgono le vite di giovani ragazze africane, costrette a prostituirsi nelle strade delle grandi e piccole città europee.Interverranno Valentina Musmeci e Fernanda Alfieri, Associazione L’AltrastradaWARE FRAU-WOMAN FOR SALE, Lukas Roegler e Katrin Eckert, Germania, 2013, 45’Il documentario racconta le storie di giovani donne nigeriane il cui sogno di un futuro migliore si trasforma nell’incubo della prostituzione nei bordelli della Germania. Indagando la realtà della Nigeria, i giornalisti investigativi Katrin Eckert e Lukas Roegler svelano come tante donne vengano vincolate ai loro trafficanti attraverso riti occulti per essere sfruttate come schiave sessuali, fino a che non ripagano il loro “debito”.Sezione Wo-Men nella XVI edizione del Religion Today Filmfestival Gli appuntamenti proseguiranno nei prossimi mesi con il contributo di esperti e operatori sociali. In occasione delle serate sarà possibile rinnovare la tessera per il 2014.

Associazione Amici di Religion Today
via S. Croce 63, 38122 Trento
Tel e Fax +39.0461.981853
http://www.religionfilm.com 
email: amicirt@gmail.com

#Afgh2014 Intervista a Luca Costa

Volendo avvicinarci al contesto afghano partendo da più punti di vista possibili, allontanandoci da quel vociare mediatico che ci propone solo immagini di guerra, abitudini e rituali brutali, abbiamo deciso di intervistare Luca Costa, impegnato nella missione EUPOL (European Union Police Mission in Afghanistan, www.eupol-afg.eu) nel settore del “Rule of Law” (concetto traducibile più o meno come “stato di diritto”). In questi anni è stato impegnato nei Balcani, in Iraq (per oltre 5 anni) ed ora in Afghanistan, sempre esercitando il suo lavoro di formazione ed assistenza in questo settore, vivendo in basi militari italiane e non.

Intervista a Luca Costa, consulente del MAE per la missione EUPOL

Trento, 22 gennaio 2014

Volendo avvicinarci al contesto afghano partendo da più punti di vista possibili, allontanandoci da quel vociare mediatico che ci propone solo immagini di guerra, abitudini e rituali brutali, abbiamo deciso di intervistare Luca Costa, impegnato nella missione EUPOL (European Union Police Mission in Afghanistan, www.eupol-afg.eu) nel settore del “Rule of Law” (concetto traducibile più o meno come “stato di diritto”). In questi anni è stato impegnato nei Balcani, in Iraq (per oltre 5 anni) ed ora in Afghanistan, sempre esercitando il suo lavoro di formazione ed assistenza in questo settore, vivendo in basi militari italiane e non. Dal maggio del 2012, si trova appunto in Afghanistan, dove ha lavorato in diverse regioni, prima a Bamyan, famosa per le enormi statue dei Buddha distrutte dai talebani, e grazie a condizioni di sicurezza relativamente favorevoli, più libero di muoversi tra la gente e conoscere il territorio. E’ stato poi trasferito all’Headquarter di EUPOL a Kabul e ora nel Field Office di EUPOL che si trova all’interno della base militare italiana di Camp Arena a Herat. A causa delle maggiori limitazioni nei movimenti incontrate via via, il suo approccio alla realtà afghana è quindi cambiato nel corso del tempo, passando da un contatto diretto con la popolazione di Bamyan, a un punto di vista più istituzionalizzato, legato a (e condizionato da) organizzazioni internazionali e limitazioni imposte dal fatto di operare e vivere in contesti più “militarizzati”, con regole più rigide e condizioni di sicurezza meno favorevoli.

Quando sei arrivato in Afghanistan e di cosa ti occupi?
Sono in Afghanistan dal maggio 2012, quando ho cominciato a lavorare a Bamyan. Nel dicembre di quell’anno sono stato trasferito a Kabul all’Headquarter di EUPOL, una missione dell’UE. Da settembre 2013 sto invece ad Herat, sempre per EUPOL e l’ufficio della missione è dentro la base militare italiana di Camp Arena.

Svolgo funzioni civili. Lavoro per il Ministero degli Esteri in questa missione UE indirizzata principalmente all’addestramento e la formazione della polizia afghana.    
C’è anche una componente civile, cioè non poliziotti, con me e altri colleghi, che segue la magistratura, l’avvocatura e problematiche di diritti umani e di genere. Questo perche’ nel sistema della giustizia penale e’ una catena: la missione lavora soprattutto con la polizia, che pero’ nella fase delle indagini, e del procedimento penale deve avere un rapporto costante con la magistratura e gli avvocati. Si lavora sul “Rule of Law”, così ci sono dei colleghi, non poliziotti ma magistrati – pubblici ministeri o giudici -, avvocati, esperti di diritti umani o consulenti come me, (sono sette anni ormai che faccio questo lavoro, nel Rule of Law) che fanno mentoring, training e formazione accanto alla polizia.

Questo è un metodo pensato di modo che polizia e avvocati collaborino meglio. Un’eredità lasciata da questi regimi, e che noi vogliamo correggere, vede la polizia come uno strumento di oppressione del governo più o meno dittatoriale che c’era. La polizia non è il corpo che protegge i cittadini, per dirla con l’inglese, “to serve and protect”, ma una forza di repressione. Noi vogliamo portare un nuovo punto di vista, un nuovo ruolo. Quindi il mio lavoro è seguire la parte civile. Io sono Senior Rule of Law ad Herat e sotto di me ho una squadra di cinque persone (un carabiniere dei poliziotti di altri paesi europei, un professore di diritto dalla Bulgaria) e due interpreti locali. Organizziamo corsi per avvocati, per magistrati, in congiunzione con la polizia di modo che nell’aula si siedano assieme e comincino anche a conoscersi meglio, a scambiare i contatti e a lavorare, discutere di problematiche comuni, cosa per noi scontata, ma non in questi paesi. L’obiettivo è anche quello di costruire una relazione professionale e un rapporto di fiducia tra loro. Questo è a grandi linee il nostro compito.

Nel corso della tua esperienza in Afghanistan come hai visto il rapporto tra civili afghani e apparato militare o civile occidentale? Come vengono percepite dalla società afghana queste forze di occupazione o straniere che dir si voglia?
Io ho sempre visto anche nelle mie precedenti esperienze che il 98% della popolazione considera con favore le truppe straniere; ci si rende conto che – sì, ci sono carri armati, elicotteri, mezzi blindati, mezzi d’attacco – ma portano comunque soldi, lavoro, il concetto di democrazia, di sviluppo economico, sociale, di diritti e protezione delle donne e dei bambini. Poi c’è l’1 – 2 %, che anche sviato di proposito da chi è contrario all’intervento straniero, organizza gli attacchi oppure gli integralisti che vedono lo straniero come l’invasore, che collegano lo straniero all’infedele, utilizzando la carta della religione.        
Comunque sia, la stragrande maggioranza della popolazione è favorevole, pochi vogliono che gli stranieri se ne vadano, e questo si legge sempre più spesso nei media locali, soprattutto ora che è in discussione la firma dell’accordo che dovrebbe disciplinarla permanenza delle truppe USA/NATO dopo il 2014[1].

C’è stato, secondo te un cambiamento del conflitto in questi 13 anni? Dalle cronache sappiamo che la situazione è andata progressivamente peggiorando. Secondo te c’è stato anche un cambiamento di percezione degli afghani delle forze straniere?
Questo non te lo posso dire perché sono lì solo da due anni, però per sentito dire, per aver letto sui report, è vero che è cambiata la percezione.         
E’ comunque normale che, all’inizio ci sia molto entusiasmo, grandissimo appoggio e poi, per difficoltà e per politica, l’opinione cambia, si vede che non è tutto oro ciò che luccica e che le cose non cambiano dall’oggi al domani. Una gran parte della popolazione ha creduto che l’arrivo degli occidentali avrebbe portato immediati benefici: acqua, elettricità, democrazia, libertà. Invece non è così. E’ un percorso lungo; non si può pretendere che arrivati gli internazionali questi costruiscano nel tuo villaggio una diga, un oleodotto, una centrale elettrica, ecc ecc.. Se costruiamo una scuola, ad esempio, servono maestri, che devono essere formati, pagati, devono avere classi con banchi, corrente elettrica, libri. E questo è solo un piccolo esempio… Ci vuole tempo, l’importante è discutere con le parti locali e spesso ci sono personaggi corrotti. Ci sono interessi politici per costruire una scuola in un posto piuttosto che in un altro, ci sono interessi per assumere quella persona lì piuttosto che l’altra … e la colpa di chi è alla fine? Degli internazionali, secondo la loro ottica. Pochi fanno tutto il ragionamento complesso di queste dinamiche e vedono com’è veramente la situazione. C’è tanta delusione, questo è comunque innegabile. Ma è maturato anche un senso critico nei confronti della classe politica afghana.

Qual è la vostra relazione con i militari? Quali sono le difficoltà e quali sono i vantaggi di questa vicinanza?
Come ufficio EUPOL a Herat, non abbiamo molti rapporti: siamo si dentro la base, ma indipendenti come lavoro, la base fornisce appoggio logistico (mensa, lavanderia, carburante, se necessario voli ecc). C’è scambio di informazioni, in un’ottica di coordinamento e cooperazione tra organizzazioni internazionali Noi facciamo il nostro lavoro, i militari conducono le loro operazioni, ognuno secondo il proprio mandato. Ora, in una fase di chiusura delle basi, con attività che si concludono, il PRT (Provincial Reconstruction Team) italiano sta chiudendo; se prima c’erano delle aree di possibile collaborazione (p.e. il PRT finanzia la costruzione di un pozzo dentro una stazione di polizia dove EUPOL conduce attività di assistenza), ora si stanno esaurendo.

E qual è la situazione delle forze di polizia e militari afghane?
Non ottima, per molto tempo si è ragionato molto sui numeri, quantità, non sulla qualità, dato che per i primi anni era quella l’urgenza. In Afghanistan i poliziotti sono pagati 200 dollari al mese, alcuni per arrotondare vendono l’arma e l’uniforme, gli stipendi vengono pagati in ritardo, vengono inviati a lavorare a 500 km da casa, lontano dalla famiglia o in aree dove vivono etnie o tribù differenti. Va a finire spesso che dopo 3-6 mesi spariscano. Vedono che la macchina con a bordo dei colleghi salta su una mina posata dai talebani, e “tagliano la corda”. Vengono addestrati per poche settimane, viene data loro un’arma e dicono loro: così si spara, poi magari in un pattugliamento saltano in aria. Ragionare sulla qualità è un processo molto più lungo, serve tempo…ma questo tempo non c’era all’inizio, serviva altro.
Analogamente all’Iraq, la popolazione ha più fiducia nell’esercito che nella polizia. La polizia è vista più come parte del meccanismo di governo, dell’establishment, mentre l’esercito è visto come un’entità separata, che combatte una guerra che non influisce direttamente sulle loro vite quotidiane. La polizia fa invece dei controlli per le strade, chiede i permessi ai negozianti, arresta arbitrariamente. Le forze armate, se non vengono attaccate, non “danno fastidio”, raramente si presentano a casa tua a fare un’operazione di guerra…

Pensando al momento in cui siamo oggi, secondo te qual è lo scenario si profila, almeno nel post elezioni se non con il ritiro delle truppe?
Beh sarebbe bello saperlo… Io voglio essere ottimista, ma non so dire cosa succederà tra due o tre mesi. Tutti stanno aspettando di capire dove porteranno le elezioni. Verrà apposta la firma al Bilateral Security Agreement? E’ importante capire se le forze internazionali rimarranno o no. In che quantità? E questo è il primo scoglio.

C’è veramente così tanta paura che i talebani tornino dopo l’uscita degli internazionali?
Dove stavo a Bamyan nel 2012, una provincia sicuramente anti-talebana, storicamente e per questioni etniche, motivi religiosi, massacri che ci sono stati, la gente crede che: “Adesso se ne vanno gli internazionali, siamo circondati, torneranno di nuovo!”. Molte persone stanno acquistando armi al mercato nero, per essere pronti. è la mentalità dell’assedio.

Quindi i talebani non vengono visti come un interlocutore affidabile?
No, sono il nemico. A Bamyan sicuramente. E in tutto l’Afghanistan solo pochissimi si affiderebbero a loro e sarebbero felici del loro ritorno.

Ma solo in quella zona o è una cosa relativamente diffusa?
Lì in modo particolare, perché a Bamyan vive la minoranza hazara, magari in altre zone sono invece visti con favore, soprattutto al sud. Poi, anche parlando di talebani, non appartengono tutti ad un unico gruppo, si dividono in correnti, verso Jalalabad sono più legati al Pakistan ad esempio. E va tenuto presente che spesso vengono chiamati così anche quelli che, di fatto, sono più o meno criminalità organizzata, comuni ladroni e predoni, chi è legato alla coltivazione e al commercio della droga.

Talebani e signori della guerra in Occidente sono però percepiti come due cose diverse. Sono in realtà la stessa cosa? E quanto si sono radicati attraverso il narcotraffico?
C’è di tutto un po’. I signori della guerra… alcuni di loro ora siedono in parlamento, quindi gli si può dire che sono talebani? Tanti che hanno combattuto i sovietici sono poi diventati talebani o tanti che erano talebani, appena sono arrivati gli americani, hanno abbandonato le armi. Tanti talebani sono semplici trafficanti di droga. Uno degli aspetti positivi dei talebani è che durante il loro regime la droga era quasi sparita, perché era contro i dogmi religiosi. Poi hanno cambiato idea, perché così avvelenano gli infedeli occidentali e ci ricavano pure soldi per combatterli…cosa vuoi di più? Ma appunto alcuni di loro sono solo interessati al profitto.

Tornando all’attualità, il presidente Karzai dice che non firma il Bilateral Security Agreement fino alle elezioni. E’ una sparata mediatica o sarà cosi veramente?
Karzai si è impuntato, è anche una questione di immagine personale, ha detto di no quindi, se si tirasse indietro adesso, perderebbe la faccia. E in queste culture la faccia conta tantissimo. Ha detto: “No, se non rilasciate i prigionieri. No, se continuate con i raid notturni. Dice che firmerà il prossimo presidente, dopo le elezioni.” Continua ad alzare il tiro Altri gli consigliano di non tirare troppo la corda. Io non mi stupirei se alla fine se ne andassero davvero tutti quanti, come è già successo in Iraq. Io non ci credevo che stesse accadendo, ero lì, non volevo crederci. Mi dicevo: “No, non possiamo andarcene, dopo tutto quello che è stato fatto, con le basi che ancora si stanno ampliando.”

Ho già vissuto quello che sta succedendo in Afghanistan ora. E’ paragonabile più o meno all’Iraq del 2008-2009-2010; in Iraq sono stato cinque anni e mezzo. Ho vissuto un po’ tutte le fasi della guerra, da quando “la potente macchina da guerra americana” era in azione, con oltre 100.000 soldati, fino al suo ritiro completo. Mentre in Afghanistan sono arrivato in fase già di chiusura. Da Bamyan sono andato via perché la piccola base ISAF dove stavo lavorando è stata chiusa e il nostro ufficio – e EUPOL che non centra nulla con la missione ISAF, ma si appoggia logisticamente alle basi per i Field Office – non poteva esistere senza servizi: la mensa, il carburante, la security… quindi abbiamo dovuto chiudere anticipatamente il nostro ufficio e io mi sono trasferito a Kabul. Sì, ho vissuto esattamente la stessa cosa.

Quali sono le caratteristiche che potrebbero da una parte portare ad un livello sufficiente di stabilità e quali invece lo mettono a repentaglio? Perché da qua è difficile capirlo … è difficile parlare in Italia di stabilità figuriamoci in Afghanistan.
Lì si parla di un altro genere di stabilità, lì serve la sicurezza per evitare tensioni e violenza, hanno bisogno di forze di polizia e di sicurezza, inteso come un esercito, che facciano il loro dovere, non si facciano corrompere, o che almeno lo facciano il meno possibile. Hanno bisogno di forze armate e di qualcos’altro … la chiamerei confidence, fiducia. Fiducia da parte della popolazione. Che la gente cominci a credere nel sistema giudiziario, nella forza di polizia, che si rifiuti di pagare tangenti per qualsiasi cosa, ai posti di blocco, per ottenere la patente, per l’allacciamento alla corrente elettrica…

Quindi stai parlando di un cambiamento di mentalità…
Sì, ma ci vuole tempo, una, due generazioni. Non 13 anni, ce ne vogliono 30 o 40 almeno.

Secondo te si legge qualche segnale di questo nelle nuove generazioni oppure il futuro è “buio” anche tra i giovani?
Si sì, già il fatto che le nuove generazioni, rispetto ai tempi del regime talebano, utilizzino internet, smartphone, televisione, viaggino… In tantissimi vanno all’estero a studiare o a lavorare, stanno rientrando profughi scappati durante il regime. Persone che portano altre chiavi di lettura, hanno visto il mondo e ne parlano, crescono i loro figli con un’altra mentalità. Negli anni ’70 c’erano una certa borghesia progressista, istruita (se si guardano le foto degli anni ‘50 e ‘60 si notano donne senza velo e con le gonne…), quelli dove sono? Sono spariti? No! Sono da qualche parte, in questi 13 anni alcuni hanno voluto, e hanno avuto modo, di tornare. Alcune di quelle persone hanno 70 anni, ma hanno educato i loro figli in un certo modo, magari mandandoli all’estero. Li definirei tanti piccoli semi. A cui si aggiungono quelli che abbiamo formato noi e i giovani di oggi che vanno all’estero e quelli che vedono il cattivo dei talebani, della corruzione o di alcuni politici.

Anche di queste cose c’è bisogno. Non solo di forze di “occupazione”. E’ servito all’inizio per scacciare il regime talebano. Ora bisogna dare spazio a qualcun altro, a qualcos’altro.

Ci sono già gemellaggi tra università, per esempio l’università americana di Kabul ha numerose partnership con università occidentali, borse di studio, in questo io credo moltissimo. Secondo me vale di più uno studente, un professore che va all’estero sei mesi, un anno, due anni e poi torna – viene fatto tornare – per trasmettere quello che ha fatto.

E se tu dovessi mettere su due piatti della bilancia questi segni positivi, dall’altra quel senso di delusione nella popolazione, cosa diresti che prevale?
Purtroppo direi che tra la popolazione prevale la delusione. In pochi si rendono conto del cambiamento positivo. È più facile dire “si stava meglio quando si stava peggio”.

Molti non riflettono sul fatto che durante il regime talebano la televisione non era ammessa, ascoltare musica era punito e i bambini non potevano far volare gli aquiloni, le donne non potevano accedere al mercato del lavoro…queste cose non vengono prese in considerazione. Purtroppo la maggior parte della popolazione vede solo gli aspetti negativi.

Cambiando argomento, a breve ci saranno le elezioni presidenziali, hai esaminato i profili dei candidati? C’è qualcuno più interessante di altri, che può cambiare lo stato delle cose più rapidamente?
Non ho studiato a fondo i vari candidati. Ho letto gli articoli, quello che esce, chi è stato escluso, conosco a grandi linee le coalizioni. Ognuno ha un profilo differente. Qualcuno è più interessante di altri, qualcuno è invece parte dei “soliti vecchi” amici di amici, parenti di….Se mi chiedete chi potrebbe essere eletto, non sono in grado di individuare un nome, anche perché è una problematica che esula completamente dalla missione.

Non possiamo assolutamente avere a che fare con le elezioni, è una scelta, motivata anche dal fatto che se qualcosa va storto, nessuno potrà darci la colpa. Si pensi ad esempio al trasporto delle schede elettorali. Se ne sparissero sarebbe facile puntare il dito, o anche solo lanciare accuse in tal senso. Ci saranno osservatori internazionali, ma loro avranno un altro ruolo, osserveranno e redigeranno un report. Non potranno nemmeno dire “state sbagliando procedure…”. Noi non faremo né formazione né assistenza.

Hai detto che nella prima fase hai avuto più possibilità di entrare a contatto con la comunità. Se dovessi descriverci l’Afghanistan, magari qualche tratto distintivo, qualche cosa particolare che qui non conosciamo, cosa ci racconteresti?
L’Afghanistan è un paese affascinante, solo il nome evoca paesaggi, popolazioni, è un paese ricco di storia, ricco di etnie, cultura, diversità. E’ difficile da conoscere, gli afghani vanno rispettati e anche loro devono farsi forza, rendersi conto della loro ricchezza. Conoscono in parte il proprio passato, ma hanno un po’ perso la loro consapevolezza, è stata trascurata o sottovalutata.
La tecnologia, internet la televisione, i cellulari… Io ho più rispetto per il contadino che con il suo gregge si sveglia la mattina alle 5, piuttosto che per l’impiegato del ministero che magari riceve mazzette e alla fine si gira i pollici, non combina niente. Ho visto contadini, alti un metro e sessanta, che tutto il giorno trasportano sulla schiena sacchi di patate di 50-60 kg, non sanno né leggere né scrivere, ma sono coraggiosi, orgogliosi e onesti.

Potrebbe essere quindi utile provare a stimolare questo orgoglio afghano, stimolare queste peculiarità culturali, per portare un cambiamento?
Hai detto bene, orgoglio, è successo un paio di volte, ad esempio quando la nazionale afghana di cricket ha vinto…Lì vedi l’orgoglio nazionale, ma io ci crederei un po’ poco per questo tipo di cose… In cambio hanno una ricchezza culturale incredibile, ad Herat c’è una meravigliosa cittadella, patrimonio UNESCO, i minareti, la moschea, Alessandro Magno, la Via della Seta…e quic’è un altro legame con l’Italia, con i mercanti veneziani, Marco Polo…

Venendo alla cronaca dei giornali, quale può essere la conseguenza del recente attacco del ristorante Taverne du Liban in cui sono morti numerosi funzionari e civili delle Nazioni Unite? Credi che sia un attacco contro l’espatriato occidentale perché rappresentante di quel mondo?
Direi che l’hanno fatto apposta. Il consumo di alcoolici è stato apparentemente una delle cause scatenanti, oltre alla scusa di un’operazione congiunta afghano-americana in cui sarebbero morti dei civili. Quest’attacco avrà per qualche tempo pesanti ripercussioni per chi vive a Kabul, per noi internazionali. Tutte le organizzazioni si tireranno indietro, non daranno più il permesso di andare nei ristoranti. Sono pochi i ristoranti internazionali considerati “sicuri”. Ogni organizzazione ha le sue regole di sicurezza per muoversi. Due dei morti sono tra l’altro di EUPOL, una era una guardia del corpo che accompagnava una collega a cena con colleghi di UNAMA. E la vedo male, perché ci sarà meno da lavorare per i ristoranti. Chi ci rimette alla fine? Anche gli afghani. Togli normalità agli occidentali, ma il ristorante per “espatriati”, è frequentato anche da afghani perché qualcuno i soldi li ha, ed il personale che ci lavora è soprattutto afghano.

Ma dietro a questo attacco la vedi la rete di talebani o comunque avversaria di governo e alleati Isaf-Nato-Onu oppure credi che sia un episodio a se stante?
C’è una rete, fatta da un nocciolo duro, che vuole il ritiro di tutti gli internazionali. Proclama: “via gli infedeli che bevono”. Poi c’è chi è più orientato contro i militari, chi contro l’educazione alle donne, chi contro la televisione, chi non si interessa, vuole solo vendere la droga, arricchirsi e fare la villa a Dubai. C’è di tutto. Sicuramente esiste una rete che vuole far fuori tutti e tornare al medioevo. L’attacco al ristorante è stato comunque un duro colpo, anche se va detto che per molti militari ISAF non cambierà molto, visto che in genere per loro non è possibile andare nei ristoranti e possono rimanere, muoversi, solo nelle basi militari.

Grazie della disponibilità
Grazie a voi

(a cura di Tommaso Vaccari e Giorgia Stefani)

link TIMU Afghanistan 2014

 


[1] ndr. Bilateral Security Agreement. Accordo bilaterale per la sicurezza proposto dagli Stati Uniti all’Afghanistan nel dicembre2013. Prevede il mantenimento per dieci anni di alcune basi militari americane e la permanenza nel paese di un numero ridotto di truppe, che porteranno avanti programmi per l’addestramento truppe e “guerra al terrorismo”, godendo di particolari tutele relative all’immunità giudiziaria.

Sisters of No Mercy

Proiezione filmato
Mercoledì 11 dicembre 2013, ore 20.30 – Corso Buonarroti 16, Cinema Astra (Trento)
Organizza: Amnesty International – Gruppo di Trento

Proiezione filmato
Mercoledì 11 dicembre 2013, ore 20.30 – Corso Buonarroti 16, Cinema Astra (Trento)
Organizza: Amnesty International – Gruppo di Trento

L’Associazione L’AltraStrada di Trento e Amnesty International – Gruppo di Trento invitano alla proiezione del film “Sisters of No Mercy” (inglese con sottotitoli in italiano).
Alla proiezione, organizzata in collaborazione con il cinema Astra e la Fondazione S. Ignazio , sarà presente il regista Lukas Roegler. Il film porta sul grande schermo il mondo e le storie personali di quattro ragazze nigeriane, il cui sogno di un futuro migliore in Europa si è trasformato in un incubo di prostituzione ai bordi delle strade delle periferie italiane. Oltre al commento del regista, i portavoce delle associazioni porteranno la loro testimonianza sulla situazione locale, sulle ragazze nigeriane che frequentano le strade di Trento e illustreranno la legislazione internazionale contro il traffico di esseri umani a fini di sfruttamento sessuale.
Il prezzo di ingresso è di 4 euro.


Informazioni: cell. 3899896266, gr150@amnesty.it

Storie di ordinaria violenza contro le donne

Ciclo di seminari
Martedì 3 dicembre 2013, ore 14.30 – sala conferenze, Dipartimento di Economia e Management, via Inama 5 (Trento)
Organizza: Centro Studi Interdisciplinari di Genere 

Ciclo di seminari
Martedì 3 dicembre 2013, ore 14.30 – sala conferenze, Dipartimento di Economia e Management, via Inama 5 (Trento)
Organizza: Centro Studi Interdisciplinari di Genere  

Il Centro Studi Interdisciplinari di Genere ed il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università propongono un ciclo di seminari interdisciplinari per discutere il fenomeno della violenza maschile. In questa occasione si parlerà di “Una rete di operatori per il sostegno contro la violenza domestica”.

Presentazione del rapporto di ricerca Lex-op.

Informazioni e programmacsg@soc.unitn.it

Storie di ordinaria violenza contro le donne

Ciclo di seminari
Lunedì 25 novembre 2013, ore 16.30 – Auditorium del Dipartimento di Lettere e Filosofia
via Tommaso Gar 14 (Trento)
Organizza: Centro Studi Interdisciplinari di Genere

 Il Centro Studi Interdisciplinari di Genere ed il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università propongono un ciclo di seminari interdisciplinari per discutere il fenomeno della violenza maschile.

In questa occasione si parlerà di “Se questi sono gli uomini. Italia 2012. La strage delle donne”.

Informazioni e programma:   csg@soc.unitn.it

Sunitha Krishnan, 100 borse contro la violenza sulle donne

Incontro pubblico
Giovedì 3 ottobre 2013, ore 18.00 – Sala Congressi della Federazione, via Segantini 10 (Trento)
Organizza: Fondazione Fontana

Incontro pubblico
Giovedì 3 ottobre 2013, ore 18.00 – Sala Congressi della Federazione, via Segantini 10 (Trento)
Organizza: Fondazione Fontana

Per la prima volta in Italia la comunità trentina incontrerà giovedì 3 ottobre alle ore 18.00, Trento in via Segantini 10 presso la Sala Congressi della Federazione delle Cooperative Sunitha Krishnan, attivista di fama internazionale contro la tratta di donne e bambini a scopo di sfruttamento sessuale.
L’appuntamento sarà l’occasione per presentare un progetto di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne nato dal coinvolgimento di diversi enti, istituzioni, associazioni e laboratori del territorio provinciale. L’evento si inserisce nel percorso di sensibilizzazione “Facciamo la differenza. Promuovere la parità tra uomo e donna” che Fondazione Fontana ha avviato nell’autunno del 2012.
Il progetto “100 borse contro la violenza sulle donne”. E’ nato nel cuore della World Social Agenda, iniziativa promossa da Fondazione Fontana Onlus sul territorio provinciale che coinvolge cittadinanza, associazioni e scuole per riflettere sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Ha visto protagonisti gli studenti della Scola D’Ert di Vigo di Fassa e del Centromoda Canossa di Trento, che hanno ideato logo e borsa al fine di sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza contro le donne. La serigrafia del logo e la confezione delle 100 borse è stata curata dai Laboratori de Le Formichine di Rovereto (Punto d’Approdo e Fondazione Famiglia Materna).
L’obiettivo è quello di distribuire “100 borse contro la violenza sulle donne” con un’offerta libera minima di 25,00 euro ciascuna e devolvere interamente il ricavato a sostegno di due progetti che sostengono in modo diverso giovani donne vittime di violenza o in stato di bisogno in India (ass. Prajwala) e in Trentino (Casa Accoglienza alla Vita “P. Angelo”).

Informazioni: 0461390092,  info@fondazionefontana.org