Radio Memoriæ- Volti di pace

Sta per partire la seconda edizione del progetto Radio Memoriæ

 

Di che cosa si tratta?

Il progetto ricalca le orme della prima edizione che, attraverso delle puntate radio, faceva raccontare ai ragazzi i conflitti dimenticati del Novecento. Quest’anno il soggetto è stato spostato dalle guerre alle figure positive che hanno cercato di contrastare le situazioni conflittuali dedicando la loro vita e le loro azioni a perseguire un ideale di pace concreta. Nella rosa dei personaggi si avranno volti noti e meno noti, che verranno analizzati da un gruppo di ragazzi al fine di realizzare un racconto radiofonico e anche dei prodotti grafici. Queste le novità del 2017 per Radio memoriæ.

Chi stiamo cercando? 

Un gruppo di ragazzi dai 15 ai 23 anni motivati a sperimentarsi giornalisti creativi.

Perché partecipare?

  • Conoscerai o farai conoscere alcuni protagonisti di storia della pace;
  • Passerai un weekend intensivo con esperti giornalisti e artisti, con i quali potrai confrontarti;
  • Crei una puntata radio trasmessa dalle emittenti locali e sarai autore di un poster che potrai vedere nella tua scuola, città o paese

Come partecipare?

Compilando entro il 15 ottobre modulo d’iscrizione online

Scopri di più leggendo il volantino del progetto.
Segui tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook (@radiomemoriae)

Partiti al mondo come soldati: guerre, conflitti e diritto alla pace – 21 aprile 2016

“Armi e bagagli” è il titolo del biennio di lavoro che Fondazione Fontana Onlus, attraverso il
suo programma educativo di formazione e sensibilizzazione World Social Agenda, ha scelto
di dedicare a due temi cruciali, prerequisiti indispensabili per qualsiasi obiettivo nuovo e
sostenibile che le Nazioni Unite desiderino (ri)proporre: il diritto alla pace e il diritto al futuro.

Contine reading

Radio Memoriæ: le guerre dimenticate

Tutti sanno che nel 1982 l’Italia vinse la Coppa del Mondo di Spagna: chi ricorda, dello stesso anno, la guerra Falklands/Malvinas tra Gran Bretagna e Argentina o quella tra Israele e Libano? E chi conosce la guerra civile del Guatemala, terminata solo nel 1996? Il 2015 è un anno di commemorazioni dedicate soprattutto alla Grande Guerra, ma il Novecento ha vissuto molti altri conflitti che ancora oggi segnano il nostro presente e che molto spesso non trovano spazio nei nostri ricordi.

Radio Memoriæ: le guerre dimenticate è un progetto rivolto a un gruppo di giovani che accompagnati da storici ed esperti nell’approfondimento di alcuni conflitti del secolo scorso e da giornalisti e tecnici nella traduzione del materiale, saranno ideatori e produttori di una vera e propria trasmissione radiofonica da loro realizzata e condotta. L’iniziativa è partita a giugno 2015 con una formazione residenziale e terminerà a inizio 2016 con la messa in onda della prima puntata del programma.

L’iniziativa mira a fornire un’esperienza di formazione e di crescita personale che sia al contempo piacevole e stimolante, anche grazie a una formazione full immersion realizzata in modalità residenziale: darà spazio alla storia intesa come approfondimento di contenuti, come metodo di ricerca e di studio, come occasione di scrittura di testi e al contempo ai diversi linguaggi giornalistici con particolare attenzione a quello destinato alla radio. Oltre a docenti ed esperti dei conflitti trattati, tra i relatori dei momenti formativi ci saranno giornalisti e professionisti accreditati. Dopo il periodo formativo (che si è tenuto tra il 26 e il 28 giugno), i partecipanti svolgeranno il lavoro di approfondimento individuale e di gruppo con il supporto di tutor ed esperti.

A settembre inizieranno il laboratorio radiofonico e la produzione del programma: si stima la messa in onda della prima puntata il 27 gennaio 2016, Giorno della Memoria, in onda sulle radio partner del progetto SanbaRadio e Radio TrentinoInBlu ma verrà proposto anche a emittenti nazionali.

L’iniziativa è realizzata con il contributo di Fondazione Caritro e Ufficio Giovani e Servizio Civile della Provincia di Trento da ACLI Trentine, Associazione 46° Parallelo,Forum Trentino per la Pace e i Diritti UmaniIsodarco – International School on Disarmament and Research on ConflictsUSPID – Unione scienziati per il disarmoConsulta degli studenti di Trento, Assessorato all’Istruzione della Provincia di TrentoUfficio Politiche Giovanili del Comune di Trento. Partner tecnici Radio TrentinoInBlu e SanbaRadio.