Diritti alla pace: i risultati su guerra e pace

Perché la guerra?

Anche se sparissero eserciti e armi la guerra non sparirebbe, sembrano dire i nostri giovani.

Le guerre – che a volte sono state necessarie per liberare i popoli oppressi – sembrano esserci perché ci sono ingiustizie economiche e sociali e, per questo, alle minacce bisogna rispondere con la diplomazia e la disponibilità al compromesso. Anche perché spesso le guerre non hanno risolto i problemi che le hanno provocate. Quote maggioritarie di giovani sembrano condividere queste posizioni.

No alla guerra (ma a volte forse serve)

Un generale e condiviso No war sembrerebbe emergere dalle dichiarazioni dei ragazzi intervistati. Non è la guerra la risposta in caso si sospetti la produzione di armi atomiche o chimiche o se si teme la minaccia ai valori nazionali; non è la guerra dell’amico contro suoi nemici a giustificare la chiamata alle armi; non basta che siano tutelati i civili per appoggiare il conflitto armato. Per la maggior parte dei giovani intervistati, la guerra è l’extrema ratio per difendersi da estreme minacce come stermini di massa e terrorismo.

Non solo ISIS

Ai ragazzi è stato proposto un elenco di sette possibili minacce alla pace internazionale ed è stato chiesto loro di indicare le tre ritenute più pericolose: ebbene, gli studenti intervistati condividono quasi all’unanimità la preoccupazione trasmessa quotidianamente dai media poiché 3 su 4 (75%) indicano la presenza di gruppi politici o religiosi estremisti che usano metodi di lotta violenta come una delle minacce peggiori. Interessante, però, che il 56% indichi gli interessi economici relativi alle materie prime e all’energia e il 32% le forti disuguaglianze economiche tra nazioni sviluppate e terzo mondo. Al contrario, la convivenza tra popoli con culture differenti è percepita come minacciosa da un’esigua quota di intervistati (18%).

 <b/em>

E chi si impegna davvero per difendere la pace? 

Non certo i Governi, sembrerebbero dire i nostri ragazzi. Sono gli uomini comuni, i medici che abbandonano il loro Paese per andare in un altro, a costruire la pace con il loro impegno. Durante l’intervista è stato chiesto ai ragazzi di dare un punteggio (da 1 a 10) a una serie di organizzazioni, Stati, istituzioni a seconda del loro impegno per la pace: Medici senza frontiere e Emergency sono i protagonisti di questa responsabilità (prendono un voto superiore a 7 rispettivamente nel 68% e 66% dei casi).

I governi di Israele, Cina, Russia, Palestina, la stessa Italia e gli USA, invece, occupano gli ultimi posti di questa classifica virtuale, essendo ritenuti impegnati per la pace (voto oltre il 7) da quote minoritarie di intervistati.

Si potrebbe replicare che i giovanissimi poco conoscono di quello che avviene sui tavoli della diplomazia internazionale così come nei CdA delle associazioni, ma è pur vero che questo dato qualcosa ci dice: oggi la pace non si costruisce con gli accordi diplomatici (che pure i giovani sostengono), ma è fatta giorno per giorno da uomini e donne “di buona volontà” che, lontani dalle lotte di potere e dalla spartizione di confini e ricchezze, mettono la loro vita e la loro conoscenza al servizio di chi è in sofferenza. E il diritto alla salute sembra essere un elemento importante a tutela della pace.

<b/em>

E l’Italia? In pace (ma non troppo)

La maggioranza degli studenti intervistati (56%) ci ritiene ‘prevalentemente’ in pace, ma è appena il 2% a ritenerci ‘sicuramente’ tali. E come mai? Non sono i migranti o i partiti politici sfiduciati a minare la nostra tranquillità, quanto piuttosto corruzione e illegalità, l’incapacità di rispettare e far rispettare le leggi.


<b/em>

La pace è importante? – Sì, al di là di tutto, la pace è importante e una dimensione della vita su cui vale la pena impegnarsi. Magari poi nella quotidianità non sarà così, ma sicuramente la tensione e l’aspirazione dei nostri giovani è questa. Anche se rimane un 8% di giovani poco interessati.


Alcune differenze di genere… la pace è donna!

La ricerca, tra le poche sul tema realizzate in Italia, ha puntato a costruire un primo quadro descrittivo generale che non consente elaborazioni per sottogruppi della popolazione intervistata. Tuttavia, i dati sembrano indicare delle differenze di genere: in particolare, le femmine sembrano essere mediamente più disponibili alla pace.

Rispetto ai coetanei, le studentesse trentine:
1)     in maggior misura ritengono la pace una questione importante:

2)     in maggior misura affermano che la storia dimostra che le guerre non risolvono i problemi che le hanno generate:


3)     In maggior misura ritengono che alle minacce sia più utile rispondere con il compromesso e la diplomazia:

Infine, in generale, poste di fronte ad alcune possibili giustificazioni della guerra, le femmine più dei maschi rifiutano queste possibilità e, contemporaneamente affermano che la guerra è sempre sbagliata: i “pacifisti” sono infatti circa il 9% delle femmine e il 3% dei maschi (6% nel totale).

Abbiamo dunque preso i nostri libri di storia (umili testi di scuola media, non monografie da specialisti) e siamo riandati a cento anni di storia italiana in cerca d’una “guerra giusta”. D’una guerra cioè che fosse in regola con l’articolo 11 della Costituzione. Non è colpa nostra se non l’abbiamo trovata. 

Don Lorenzo Milani


Documento redatto da Arianna Bazzanella – 18 aprile 2015

Diritti alla pace: presentazione pubblica della ricerca!

Giovedì 4 giugno, ore 17.00, in Sala dell’Aurora a Palazzo Trentini, verrà presentata la ricerca “Diritti alla pace” realizzata dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Trento per il Forum della Pace.

Pace e guerra, relazioni tra generi, omosessualità e omofobia, migrazioni e migranti: cosa ne pensano i nostri ragazzi? 

Per cercare di rispondere a queste domande abbiamo realizzato una ricerca che, attraverso un questionario strutturato, ha esplorato opinioni, percezioni e atteggiamenti di un campione di 1.026 studenti trentini attorno al tema del rapporto con l’altro.

Interventi previsti:

Bruno Dorigatti, Presidente del Consiglio della Provincia di Trento
Sara Ferrari, Assessora all’università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo della Provincia di Trento

Massimiliano Pilati, Presidente del Forum trentino per la pace e i diritti umani
Violetta Plotegher, Vicepresidente del Forum trentino per la pace e i diritti umani

Carlo Buzzi, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, responsabile scientifico della ricerca
Francesca Sartori, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, coordinatrice della ricerca

Introduce e modera: Arianna Bazzanella, Forum trentino per la pace e i diritti umani, membro del team di ricerca

Una piazza colorata contro l’omofobia

Lo scorso sabato 23 maggio si è tenuta in Piazza d’Arogno una manifestazione per chiedere il riconoscimento delle coppie omosessuali come titolari di diritti. L’evento si è svolto proprio poco dopo l’arrivo della notizia che l’Irlanda ha detto sì alle unioni civili per coppie dello stesso sesso. Musica, letture e interventi si sono alternati in un caleidoscopio di pensieri: tra questi anche quello del Presidente del Forum, Massimiliano Pilati. 

Il Presidente Massimiliano Pilati in Piazza d’Arogno con Paolo Zanella, presidente di Arcigay (23 maggio 2015)

AperiLibri

Appuntamento culturale del novembre trentino, che lega letteratura all’enogastronomia.

Libri e cibo sono portatori di conoscenza, di esperienze di crescita e di piacere. Cinque appuntamenti intrecceranno tali dimensioni, attraverso la presentazione di libri, aperitivi con gli autori e cene a tema. I libri che verranno narrati hanno il comune obiettivo di descrivere un mondo di conflitti, spesso diversi tra loro e mai affrontati apertamente: conflitti armati, sociali, ambientali, emergenti o mai sopiti. 



Qui
il programma dettagliato 

Dal 19 novembre al 3 dicembre
Gli incontri avranno luogo a partire dalle ore 18.00 presso il Cafè de la Paix, Passaggio Teatro Osele – Trento

Organizza: Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani in collaborazione con Afghanistan 2014, Café de la Paix, Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale, Unimondo

Appuntamento culturale del novembre trentino, che lega letteratura all’enogastronomia.

Libri e cibo sono portatori di conoscenza, di esperienze di crescita e di piacere. Cinque appuntamenti intrecceranno tali dimensioni, attraverso la presentazione di libri, aperitivi con gli autori e cene a tema. I libri che verranno narrati hanno il comune obiettivo di descrivere un mondo di conflitti, spesso diversi tra loro e mai affrontati apertamente: conflitti armati, sociali, ambientali, emergenti o mai sopiti. 

PROGRAMMA 

I cinque appuntamenti si svolgeranno presso il Café de la Paix, passaggio Teatro Osele – Trento 
a partire dalle ore 18.00 
______________________________________________

Mercoledì 19 novembre 2014

Introduce la rassegna Massimiliano Pilati – Presidente Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani 
L’Autore Alidad Shiri dialoga con Tommaso Vaccari 

Alidad Shiri – VIA DALLA PAZZA GUERRA (Ed. il Margine, 2007)
La storia di un ragazzo afghano che intraprende un viaggio coraggioso ed estenuante alla ricerca di una vita lontano dalla guerra.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Sabato 22 novembre 2014

L’autore Matteo Massi dialoga con Massimiliano Pilati

Matteo Massi – IN/MOVIMENTO (Ed. Gruppo Abele 2014) 
Cosa sono i movimenti? Come si rapportano con la società? Un reportage per comprendere meglio questa forma di partecipazione dal basso, partendo dall’esperienza di alcune realtà rilevanti.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Mercoledì 26 novembre 2014 

Il direttore di Osservatorio Iraq Medioriente e Nordafrica Enzo Mangini (curatore del volume) dialoga con Federico Zappini 

AA.VV. – LA CRISI IRACHENA. CAUSE ED EFFETTI DI UNA STORIA CHE NON INSEGNA (Ed. dell’Asino 2014) 
Un libro a più mani che nasce per approfondire, analizzare e far conoscere il paese al di là delle cronache, rileggendo la storia ed evidenziando linee di continuità per comprenderlo un po’ meglio.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Sabato 29 novembre 2014 

L’autrice Valentina Codeluppi dialoga con Giorgia Stefani 

Valentina Codeluppi – LE CICATRICI DEL RUANDA (Ed. EMI 2012) 
A vent’anni dal genocidio ruandese il processo di riconciliazione risulta ancora difficoltoso, affidato principalmente a tre tipi di tribunali, tutti con le loro luci e molte ombre.

Qui l’evento facebook
______________________________________________

Mercoledì 3 dicembre 2014 

La direttrice del Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale Jenny Capuano (traduttrice del volume) dialoga con Marco Pontoni

Elisio Macamo L’ABBECEDARIO DELLA NOSTRA DIPENDENZA (Ed. Erikkson 2013)
Una lettura critica del discorso dello sviluppo attraverso il caso del Mozambico, partendo dal provocatorio assunto che “Il Mozambico esiste solo perché l’aiuto allo sviluppo dà esistenza al Paese”.

Qui l’evento facebook 
______________________________________________

Dopo la presentazione del libro e l’aperitivo con l’autore sarà possibile partecipare alla cena con piatti a tema, su prenotazione al 346 8639590 a cura del Café de la Paix. 

Per informazioni: 
www.forumpace.it – 0461 213176 
www.tcic.eu – info@tcic.eu – 0461 0093013

Organizza: Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani in collaborazione con Associazione Afghanistan 2014Café de la PaixCentro per la Formazione alla Solidarietà InternazionaleUnimondo

Eterni Fanciulli

Progetto culturale-artistico sul disagio ComportaMentale

Dal 12 al 24 novembre 2014 
Incontri, spettacoli e workshop a Trento e Pergine Valsugana

Organizza la Bottega Buffa CircoVacanti

in collaborazione con: AriaTeatro, Teatro Comunale di Pergine, Teatro delle Garberie Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, Porto Arlecchino

e con il sostegno di: Forum Trentino della Pace e dei Diritti Umani, Cassa Rurale di Pergine

Progetto culturale-artistico sul disagio ComportaMentale

Dal 12 al 24 novembre 2014 
Incontri, spettacoli e workshop a Trento e Pergine Valsugana

Organizza la Bottega Buffa CircoVacanti

in collaborazione con: AriaTeatro, Teatro Comunale di Pergine, Teatro delle Garberie Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, Porto Arlecchino

e con il sostegno di: Forum Trentino della Pace e dei Diritti Umani, Cassa Rurale di Pergine



PROGRAMMA COMPLETO 

Giovedì 13 novembre 2014. Teatro Comunale di Pergine. Ore 20,45
Spettacolo teatrale della Scuola Sperimentale dell’Attore/ Compagnia Hellequin
CAPITAN DON CALZEROTTE E ARLECCHIN SENZA PANZA
con Claudia Contin Arlecchino, Stefano Gava, Lucia Zaghet, Giulia Colussi. Regia di Ferruccio Merisi.
Un apologo sulla differenza, sull’amicizia, sulla condivisione del tempo, e dei sogni… La storia di due amici, due vecchi attori tragicomici, con i quali a vario titolo la vita non è stata generosa, che per dare un rifugio alla propria folle vecchiaia occupano un teatro abbandonato, coinvolgendo anche due sregolate e bizzarre badanti ucraine. Il più vecchio dei due amici – che l’altro chiama Maestro – si mette in testa di preparare un nuovo grande spettacolo, l’ultimo: un Don Chisciotte.
Ingresso: intero € 15; ridotto € 13,50; studenti scuole medie superiori 5€. Prenotazione e prevendita: www.teatrodipergine.it

Venerdì 14 novembre 2014. Teatro delle Garberie di Pergine. Ore 20,30
Spettacolo teatrale co-produzione Emit Flesti/Teatro E
DISABITATE
con Gelsomina Bassetti e Laura Mirone. Regia di Alessio Dalla Costa.
Sara è una vecchia, rinchiusa in una casa di riposo che chiama la grande boccia; è una donna colta e vitale, porta dentro di sé tutti i dolori, le delusioni, le paure del suo passato. I suoi sbalzi d’umore sono estremi e spesso incomprensibili: urla, impreca e sputa, perché nessuno abbia pena di lei. Varvara è ucraina. Da bambina camminava in equilibrio sulle rotaie. Ora è adulta, fa la badante e non vede altro che gente vecchia; è l’infermiera delegata a rappresentare l’umanità generosa. Si incontrano lì nella “grande boccia”ed è lì che si scontrano. Una realtà fuori dal tempo fatta di tisane, pillole e poco altro.
Ingresso: intero € 10; ridotto € 8. Posti limitati consigliata la prenotazione a info@bottegabuffacircovacanti.it

Sabato 15 novembre 2014. Teatro delle Garberie di Pergine. Ore 20,30
Spettacolo teatrale della Scuola Sperimentale dell’Attore
SCHIELE: IL COMPORTAMENTO RIDISEGNATO
di e con Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi.
II Comportamento Ridisegnato è una dimostrazione di lavoro che nasce da un linguaggio immaginifico e gestuale stra-ordinario; a partire da testi di Giuseppe Ungaretti, di Antonin Artaud, di William Golding, Christa Wolf e dello stesso Egon Schiele, viene presentata sulla scena una collezione di momenti teatrali sperimentali che tratteggiano un affresco della civiltà occidentale dal punto di vista contrariato del poeta-profeta, dell’individuo malato ed errante.
Ingresso: intero € 10; ridotto € 8. Posti limitati consigliata la prenotazione a info@bottegabuffacircovacanti.it

Domenica 23 novembre 2014. Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas. Ore 18,00
Azione teatrale della Scuola Sperimentale dell’Attore
LA GUERRA DEL POETA.
con Claudia Contin Arlecchino. Regia Ferruccio Merisi
Un’azione teatrale dedicata alla figura del poeta soldato Giuseppe Ungaretti. Il montaggio drammaturgico segue un percorso di associazioni profonde che scompone e ricompone poesie e interviste, urla e silenzi, momenti d’immobilità e drammatiche gesticolazioni in omaggio a quella incessante ricerca per una Nuova Coscienza Umana che riesce a sopravvivere e a rinnovarsi nonostante i tragici compromessi della Storia.
A seguire dibattito con documenti video sull’Eterno Fanciullo Giuseppe Ungaretti ed anteprima al progetto Fossili del Futuro con esposizione di xilografie e sculture sul tema delle mutazioni e la follia del nucleare negli ultimi Cento anni.
Ingresso libero. Posti limitati consigliata la prenotazione a info@bottegabuffacircovacanti.it

——————————————————————————–
INCONTRI COLLEGATI 

Mercoledì 12 novembre 2014. Istituto Artigianelli per le Arti Grafiche di Trento. Ore 14,30
PRESENTAZIONE LIBRO CAPITAN DON CALZEROTTE E ARLECCHIN SENZA PANZA
con gli autori e protagonisti dell’opera: Claudia Contin Arlecchino, Ferruccio Merisi, Stefano Gava, Compagnia Hellequin e il fotografo Luca Fantinutti
con la collaborazione della libreria Àncora Artigianelli di Trento per la vetrina espositiva del progetto dal 6 al 31 novembre 2014
Ingresso libero

Giovedì 13 novembre 2014. Foyer Teatro Comunale di Pergine. Ore 10,30
PRESENTAZIONE LIBRO CAPITAN DON CALZEROTTE E ARLECCHIN SENZA PANZA
con gli autori e protagonisti dell’opera: Claudia Contin Arlecchino, Ferruccio Merisi, Stefano Gava, Compagnia Hellequin e il fotografo Luca Fantinutti
Ingresso libero

Venerdì 14 novembre 2014. Istituto scolastico superiore Marie Curie di Pergine. Ore 10,30
PROIEZIONE TRATTI INDOSSO
Cortometraggio di Valeria Spera. Video-documentario sulla Tragedia dell’Arte di Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi.
Incontro degli studenti con l’artista Claudia Contin Arlecchino sul tema del disagio comporta-mentale come spazio di incontro culturale dal punto di vista dell’attore e dal punto di vista dell’artista.
Ingresso libero

Da domenica 16 a domenica 23 novembre 2014. Sala prove del Teatro Comunale di Pergine
Otto giornate di workshop teatrale
IO, ETERNO FANCIULLO
con il maestro Claudia Contin Arlecchino

Traiettorie estreme per il corpo, codificate e ricostruite seguendo il bestiario umano ritratto nei quadri di EgonSchiele. L’allievo attore/danzatore affronterà una metodologia che si basa su gestualità e movimenti che coinvolgono il sistema nervoso come fonte cinetica. Nella Tragedia dell’ Arte di Claudia Contin Arlecchino ogni minimo movimento diventa portatore di significato e pertanto è necessario allenare il corpo a raggiungere precisione, duttilità ed eloquenza visiva. Il lavoro certosino di scomposizione, non più muscolare ma nervosa, di ogni parte del corpo rende indipendente l’Arte dell’Attore nel trovare sempre nuove soluzioni di gestualità e di costruzione dei suoi personaggi.

Info e iscrizioni: massimo 20 persone. info@bottegabuffacircovacanti.it
Facilitazioni sulla quota di iscrizione per figli di soci e clienti della Cassa Rurale di Pergine

La forza di cambiare

Dall’India una straordinaria testimonianza di perdono

Venerdì 17 ottobre 2014 | ore 20.30
Teatro San Marco
( via s. bernardino 8 – Trento)

Ingresso libero

Proiezione del film: Il Cuore dell’assassino  –  C. McGilvray | Ita-Usa 2013 | doc 56′

Intervengono la regista Catherine McGilvray, il produttore Renato Spaventa e Luigi de Salvia, segretario generale coordinamento nazionale Religions for Peace Italia. La serata vedrà inoltre la partecipazione straordinaria di suor Selmy Paul, sorella della missionaria uccisa, e di padre Swami Sadanand, il sacerdote pacificatore che ha accompagnato il giovane assassino in un profondo percorso di cambiamento.

Il programma del Religion Today Filmfestival